Juve-Sampdoria 3-0, Pirlo: «Gestito bene i momenti decisivi»

0

Buona la prima per Andrea Pirlo sulla panchina della Juve: il 3-0 contro la Sampdoria ha messo in luce già diversi aspetti positivi della sua idea di calcio. Pressing, recupero rapido del pallone e gioco veloce sfruttando gli esterni sono le prime indicazioni emerse nella sfida dell’ “Allianz Stadium”, in cui i bianconeri hanno ampiamente meritato la vittoria costruendo altre occasioni per arrotondare il punteggio. Serviva un inizio convincente in vista del doppio, difficile impegno che attende la Vecchia Signora contro Roma e Napoli. Avversarie che dovranno stare attente a una squadra nuova, pronta a cambiare completamente pelle rispetto all’anno scorso.

Juve-Sampdoria, Pirlo: «Bene McKennie e Frabotta»

Soddisfatto il tecnico bianconero Andrea Pirlo, che ha cominciato la sua avventura da allenatore della Juve nel migliore dei modi vincendo e convincendo contro la Sampdoria. «Abbiamo giocato un ottimo primo tempo, peccato non averlo chiuso con qualche gol in più. Nella ripresa siamo calati fisicamente ma siamo riusciti a rimanere in partita e ad uscire nei momenti decisivi. Sapevamo che sarebbe stata una partita difficile perchè loro hanno cercato di chiudere tutti gli spazi e ripartire con giocatori di gamba. Noi però siamo stati bravi nel gestire le loro ripartenze».

Sorpresa Frabotta sulla fascia sinistra nell’undici iniziale: una scelta che ha pagato vista la buona prestazione del giovane difensore. Positivo anche l’esordio di McKennie: «Frabotta ha fatto un’ottima gara, l’altro giorno Alex Sandro si è fatto male quindi ho scelto il ragazzo dell’Under 23 che si è allenato con noi. Non ho avuto problemi a buttarlo dentro prchè sa giocare e si sta allenando bene, quindi non è stato un rischio impiegarlo. Per quanto riguarda McKennie, è arrivato con qualche giorno in più di allenamento dalla Germania e si sta impegnando, fisicamente sta meglio di altri. Ha sbagliato qualcosa in fase di impostazione ma ha fatto una buona partita, era comunque la prima e si può perdonare».

A chi si ispira l’idea di gioco di Pirlo?

Il Barcellona di Guardiola, il Milan di Ancelotti e la Juve di Conte. L’idea di calcio di Pirlo prende spunto da questi tre modelli. «Ci vorrà tempo per mettere insieme questi modi di giocare. Non voglio fare nessun copincolla di altri allenatori, ho le mie idee e semplicemente cercherò di prendere spunto da squadre che hanno impressionato il calcio mondiale. Non abbiamo avuto tanto tempo perchè i ragazzi sono stati via una decina di giorni per le Nazionali. Ci siamo allenati insieme per poco più di una settimana facendo solo un’amichevole di 45 minuti con il Novara. Già oggi si è visto però qualcosa, ci vorrà tempo per assimilare tutti i concetti e ci manca qualche giocatore. Cercheremo però di trarre il massimo dai calciatori che abbiamo».

Pirlo sull’impiego di Ronaldo: «Ragazzo intelligente, conosce bene il suo fisico»

Il tecnico bianconero prosegue parlando di tattica: «Abbiamo quattro centrocampisti centrali che per caratteristiche, secondo me, giocano meglio a due, con il compagno sulla stessa linea, non sono play nè mezzale. Stiamo provando a giocare in questo modo, con quattro difensori e due centrocampisti, in fase di impostazione diventa un tre più due».

Sull’impiego di Cristiano Ronaldo: «Ne abbiamo parlato insieme, chiaramente adesso non è stanco perchè abbiamo appena iniziato. In futuro, quando ci saranno partite meno importanti e con risultati, si spera, già acquisiti ci sarà spazio per farlo recuperare e metterlo nella migliore condizione per le partite più dure. E’ un ragazzo intelligente che conosce il suo fisico, sa quando è meglio giocare e quando fermarsi».

Pirlo punta molto sul rapporto con i giocatori: «E’ importante il dialogo con tutti i giocatori, non solo con i campioni. Io sono stato calciatore fino a qualche anno fa e mi piaceva dialogare con l’allenatore. Questo rapporto è importante sia dentro che fuori dal campo per capire le esigenze dei giocatori, io con i miei lo sto facendo».

Dove vedere il calcio in streaming e come risparmiare

Su DAZN, al costo di 34,99 euro al mese, è possibile vedere tutte le partite della Serie A, la Serie B, l’Europa League e alcune partite della Conference League.

Sky ha la sua piattaforma streaming, Now TV, dove il Pass Sport, che include tre partite per turno della Serie A e tutta la Champions League e Serie B, costa 9,99 euro al mese.

Amazon Prime Video costa 4,99 euro al mese, e include tutti i servizi Prime oltre le migliori sedici partite della Champions League del mercoledì.

Bonus: come avere un abbonamento alle piattaforme streaming e risparmiare

Esistono alcuni servizi che consentono di condividere l’account delle migliori piattaforme streaming (DAZN, Now TV, Netflix, Prime Video, Disney Plus, ecc.) con altre persone e dunque di risparmiare sugli abbonamenti, parliamo di GamsGoGoSplit o CooSub. Grazie a GamsGo, GoSplit e CooSub è possibile acquistare, ad un prezzo irrisorio, un abbonamento condiviso con altri utenti in maniera facile, veloce e sicura.

LASCIA UN COMMENTO

Per favore inserisci il tuo commento!
Per favore inserisci il tuo nome qui