Juventus, ad Allegri piace cambiare: tre idee per rivoluzionare la rosa

0

Il mese di settembre non smette d’appassionare i tifosi, anche grazie allo strascico della sessione estiva di calciomercato. Tramite prestiti, acquisti e cessioni il volto delle migliori società è totalmente cambiato, raggiungendo finalmente l’assetto definitivo tanto agognato da sfoggiare all’interno dell’ambito rettangolo verde. Tuttavia oltre le vittorie ad attirare l’attenzione dei tifosi vi sono gli upgrade raggiunti dai calciatori, grazie anche ad una fruttuosa collaborazione col proprio coach. Questo è il caso dell’allenatore della Juventus Massimiliano Allegri, che starebbe elaborando tre idee per rivoluzionare la rosa. Scopriamo insieme di che cosa si tratta.

Juventus, le tre idee di Massimiliano Allegri

Nonostante la Serie A 2023/2024 sia ormai entrata nel vivo, alla Continassa è ancora tempo di limare gli ultimi dettagli in termini strategici. Gli ottimi risultati delle prime quattro giornate di campionato, sono frutto di un radicale cambiamento che non ha ancora finito il suo corso. I prossimi obiettivi di Max riguarderebbero la fase di pressing e nelle manovre fare amalgamare i nuovi arrivati. Per portare avanti tali propositi è necessario rischiare, rendendo i giocatori sempre più duttili.

Juventus, ad Allegri piace cambiare: tre idee per rivoluzionare la rosa

Il primo esperimento portato a termine dal cinquantaseienne livornese, come riportato da Tuttosport, è stato quello con Nicolò Fagioli. Il classe 2001 è stato adoperato sia come mezzala, ma anche regista davanti la difesa. Per continuare la scia positiva che ha regalato a Madama ben 10 punti dopo quattro partite, l’allenatore della Juventus sarebbe pronto a mettere ancora mano ai moduli da utilizzare in campo.

Infatti nel corso degli ultimi allenamenti nello schema 4-3-3 ha soffermato la sua attenzione su Timothy Weah, Filip Kostic e Samuel Iling Junior. Il primo è stato collocato nel tridente, il secondo si è cimentato come terzino e il terzo ha ripreso i panni dell’interno. Quest’ultimo si potrebbe dunque rivelarsi come la perfetta alternativa se la questione con Paul Pogba si concludesse effettivamente con la sospensione. Per scoprire se tali mutamenti si tradurranno in una solida realtà, non resta altro che attendere il match contro il Sassuolo.

LASCIA UN COMMENTO

Per favore inserisci il tuo commento!
Per favore inserisci il tuo nome qui