Juventus, caso Paul Pogba: gli ultimi aggiornamenti

0

Il mese di dicembre è appena iniziato, ma i tifosi sono stati già travolti da una lunga serie di sconfitte e vittorie. Dopo 14 turni della Serie A 2023/2024 è arrivato il momento di invertire la rotta o consolidare la trafila di successi ottenuti. Le strategie degli allenatori sono sempre più riconoscibili e il talento dei nuovi arrivati in squadra è sotto gli occhi di tutti gli appassionati. Se ci soffermiamo sui team che si ergono sulle le prime posizioni nella classifica del campionato, è inevitabile notare gli upgrade raggiunti dai protagonisti del campionato. Tuttavia oltre alla quantità di centri messi a segno, ad interessare i supporters sono anche gli avvenimenti fuori dal campo che coinvolgono i propri idoli calcistici. A tal proposito ritorna a far discutere il caso del centrale della Juventus Paul Pogba. Quest’ultimo è stato accusato di doping e dopo gli ultimi aggiornamenti è tempo di far il punto della situazione.

Juventus, quale provvedimento per Paul Pogba?

Alla Continassa, oltre alle partite da disputare, rimane ancora un topic importante la questione che coinvolge il calciatore francese. Tale spinosa vicenda si è articolata in vari step: la sospensione in seguito al primo controllo che ha portato alla non negatività e le controanalisi hanno confermato la positività al testosterone nel controllo dopo la sfida con l’Udinese. Successivamente, come riportato La Gazzetta dello Sport, Paul Pogba avrebbe rifiutato di patteggiare e la Procura nazionale antidoping ha chiesto quattro anni di squalifica.

Juventus, caso Paul Pogba: gli ultimi aggiornamentiDunque all’ex Manchester United non rimane altro che andare al processo davanti al Tribunato nazionale antidoping. Nel frattempo la Juventus, in attesa della sentenza di primo grado, non prenderà alcuna decisione definitiva. In seguito avrà luogo un meeting tra la dirigenza bianconera e l’entourage del trentenne francese. Si tratta di un affare piuttosto importante per la Vecchia Signora, dal momento che se il centrocampista rimanesse a Torino dovrebbe ricevere ben 9 milioni di euro all’anno fino al 2026. Un punto d’incontro con la società piemontese sarebbe dunque la risoluzione consensuale, attraverso la quale si risparmierebbero 30 milioni di euro.

Dove vedere il calcio in streaming e come risparmiare

Su DAZN, al costo di 34,99 euro al mese, è possibile vedere tutte le partite della Serie A, la Serie B, l’Europa League e alcune partite della Conference League.

Sky ha la sua piattaforma streaming, Now TV, dove il Pass Sport, che include tre partite per turno della Serie A e tutta la Champions League e Serie B, costa 9,99 euro al mese.

Amazon Prime Video costa 4,99 euro al mese, e include tutti i servizi Prime oltre le migliori sedici partite della Champions League del mercoledì.

Bonus: come avere un abbonamento alle piattaforme streaming e risparmiare

Esistono alcuni servizi che consentono di condividere l’account delle migliori piattaforme streaming (DAZN, Now TV, Netflix, Prime Video, Disney Plus, ecc.) con altre persone e dunque di risparmiare sugli abbonamenti, parliamo di GamsGoGoSplit o CooSub. Grazie a GamsGo, GoSplit e CooSub è possibile acquistare, ad un prezzo irrisorio, un abbonamento condiviso con altri utenti in maniera facile, veloce e sicura.

LASCIA UN COMMENTO

Per favore inserisci il tuo commento!
Per favore inserisci il tuo nome qui