Juventus, mancano i terzini: la soluzione potrebbe essere Matuidi

0

Un altro problema per la Juventus che, dopo aver disputato la 27esima giornata di Serie A, è costretta a fare a meno di altri importanti tasselli. All’appello mancano così anche Alex Sandro, a causa di un infortunio, De Sciglio – a corto di fiato e resistenza dopo il lungo stop – e Danilo, espulso nell’ultima partita di campionato. La rosa dei bianconeri vede allora soltanto Cuadrado pronto a coprire il ruolo da terzino, ormai riadattato da tempo in quella posizione. La soluzione a cui sta pensando Sarri è quella di schierare Matuidi come terzino sinistro, un ruolo che in passato ha già ricoperto.

Juventus, Matuidi possibile terzino a causa delle numerose assenze

Al termine della sfida di Bologna-Juventus, giocata Lunedì 22 giugno allo Stadio Dall’Ara (rigorosamente a porte chiuse) e vinta 0-2 dai bianconeri – in rete con Ronaldo su rigore e Paulo Dybala – la squadra di Sarri si è ritrovata fin da subito a dover fare i conti con i tanti infortuni in vista del prossimo match. A peggiorare la difficile situazione è stato Danilo, il quale ha ingenuamente subito un’espulsione per somma di ammonizioni, con il secondo cartellino giallo ricevuto nei minuti di recupero finali, a risultato già in cassaforte.

Questo ha fatto arrabbiare e non poco il mister che, per sopperire alle numerose problematiche difensive, sta pensando a Matuidi come terzino sinistro. Vista così, potrebbe sembrare una scelta azzardata, ma il centrocampista francese ha dimostrato di poter ricoprire quella posizione, sebbene non la prediliga. Grazie alla sua duttilità e il suo spirito di sacrificio, l’ex calciatore del PSG riesce infatti a sfornare sempre buone prestazioni.

Matuidi come terzino: il jolly dei bianconeri

Era la sesta giornata di Serie A 2019/2020, Juventus-Spal del 28 settembre 2019, partita vinta dai bianconeri nonostante la mancanza del terzino brasiliano, assentatosi e tornato in patria per via di un lutto. In quell’occasione la situazione degli infortuni non si presentava rosea e per questo Maurizio Sarri era stato costretto a correre ai ripari.

A giocare nel ruolo di terzino sinistro fu proprio Matuidi. Utilizzato dunque come jolly, inizialmente sembrava un gesto disperato per coprire un’assenza importante. Invece l’esperimento del mister ha portato i suoi frutti e, sebbene qualche errore, il centrocampista francese ha disputato una buona gara, portandosi a casa un bel 6,5 di media.

Perciò, anche in questa occasione emergenziale – con Chiellini non ancora al massimo e i tanti assenti nel reparto difensivo – il calciatore classe ’87 è pronto a sacrificarsi per il club e dare manforte nella gara contro il Lecce, con il solo obiettivo di vincere.

Dove vedere il calcio in streaming e come risparmiare

Su DAZN, al costo di 34,99 euro al mese, è possibile vedere tutte le partite della Serie A, la Serie B, l’Europa League e alcune partite della Conference League.

Sky ha la sua piattaforma streaming, Now TV, dove il Pass Sport, che include tre partite per turno della Serie A e tutta la Champions League e Serie B, costa 9,99 euro al mese.

Amazon Prime Video costa 4,99 euro al mese, e include tutti i servizi Prime oltre le migliori sedici partite della Champions League del mercoledì.

Bonus: come avere un abbonamento alle piattaforme streaming e risparmiare

Esistono alcuni servizi che consentono di condividere l’account delle migliori piattaforme streaming (DAZN, Now TV, Netflix, Prime Video, Disney Plus, ecc.) con altre persone e dunque di risparmiare sugli abbonamenti, parliamo di GamsGoGoSplit o CooSub. Grazie a GamsGo, GoSplit e CooSub è possibile acquistare, ad un prezzo irrisorio, un abbonamento condiviso con altri utenti in maniera facile, veloce e sicura.

LASCIA UN COMMENTO

Per favore inserisci il tuo commento!
Per favore inserisci il tuo nome qui