Juventus-Milan (1-1), Pioli: “Si parla e si fischia troppo”

0

L’allenatore del Milan, Stefano Pioli, ha parlato al termine del buon pareggio contro la Juventus all’Allianz Stadium. 

Per il tecnico italiano un altro risultato positivo in campionato, l’allenatore rossonero si è soffermato sul poco tempo effettivo di questa partita. 

Juventus-Milan, Pioli: “Bene l’attenzione”

L’ex allenatore della Fiorentina ha parlato cosi della gara dei suoi ragazzi: “Siamo venuti per vincere. Abbiamo trovato una Juve migliore di noi nei primi 20′. Abbiamo subito un po’, abbiamo continuato a giocare. Nel secondo tempo sicuramente meglio noi. Abbiamo avuto le occasioni per vincere, non ci siamo riusciti. Sicuramente una bella partita. Io i meriti a Rebic glieli do tutti i giorni e tutte le partite. Ha intensità e qualità. Gioca in tutti i ruoli. Ci dà una mano in una zona dove abbiamo fuori sia Ibra che Olivier. Penso che abbia giocate importanti che ci possono aiutare a rompere le partite. Non sono molto d’accordo che abbiamo fatto una prestazione inferiore alle precedenti. Bisogna considerare il valore dell’avversario. Abbiamo giocato un buon calcio. Possiamo migliorare e crescere. Abbiamo subito un gol commettendo un errore e che ha permesso alla Juventus di difendere basso. I giocatori mancano, ma non mancano idee, spirito e qualità.”

Sull’attenzione dei suoi e sul tempo effettivo: La cosa più importante è aver mantenuto l’attenzione per tutta la gara. Loro hanno lavorato molto bene sulla nostra destra e abbiamo avuto qualche difficoltà. Non abbiamo iniziato bene, ma la Juve ha fatto giocate di grande qualità. Noi sicuramente potevamo fare di più, ma loro hanno fatto bene. Poi se saltano la prima pressione, abbiamo concesso qualche spazio. Ora dobbiamo essere consapevoli. L’anno scorso per vincere queste partite dovevamo fare qualcosa di eccezionale, ora dobbiamo essere consapevoli che possiamo vincere. Siamo stati coraggiosi e oggi ne abbiamo avuto la prova. Una sottolineatura: oggi abbiamo giocato tempo effettivo 48′. Poi per questo andiamo in Europa e facciamo fatica. Si parla troppo, si fischia troppo. Dipende da noi che parliamo troppo e dagli arbitri. Troppo pochi 48′ di tempo effettivo. Bisogna alzare il tempo effettivo se vogliamo poi rapportarci ad altri campionati, dove c’è altra intensità e altro ritmo. Cerchiamo di crescere tutti. Sono felicissimo della crescita di Tonali e Brahim Diaz, perché lavorano sempre con dedizione. Danno grandi risposte dopo che lavorano bene in settimana“. 

Dove vedere il calcio in streaming e come risparmiare

Su DAZN, al costo di 34,99 euro al mese, è possibile vedere tutte le partite della Serie A, la Serie B, l’Europa League e alcune partite della Conference League.

Sky ha la sua piattaforma streaming, Now TV, dove il Pass Sport, che include tre partite per turno della Serie A e tutta la Champions League e Serie B, costa 9,99 euro al mese.

Amazon Prime Video costa 4,99 euro al mese, e include tutti i servizi Prime oltre le migliori sedici partite della Champions League del mercoledì.

Bonus: come avere un abbonamento alle piattaforme streaming e risparmiare

Esistono alcuni servizi che consentono di condividere l’account delle migliori piattaforme streaming (DAZN, Now TV, Netflix, Prime Video, Disney Plus, ecc.) con altre persone e dunque di risparmiare sugli abbonamenti, parliamo di GamsGoGoSplit o CooSub. Grazie a GamsGo, GoSplit e CooSub è possibile acquistare, ad un prezzo irrisorio, un abbonamento condiviso con altri utenti in maniera facile, veloce e sicura.

LASCIA UN COMMENTO

Per favore inserisci il tuo commento!
Per favore inserisci il tuo nome qui