Juventus Next Gen, dalla zona retrocessione ai playoff di Serie C con due giornate d’anticipo

0

Quante cose sono cambiate in tre mesi nella Juventus Next Gen. Una squadra che ha viaggiato a ritmi praticamente opposti di quelli della prima squadra: un girone d’andata molto difficile che vedeva, prima del mercato di gennaio, la banda di Brambilla quasi in zona retrocessione. Il 14 aprile, con la Juventus di Allegri in grandissima difficoltà, i giovani bianconeri si sono qualificati ai playoff di Serie C con due giornate d’anticipo: decisiva la vittoria contro il Pineto. 

Andiamo a scoprire cosa è accaduto in questi mesi che hanno capovolto il destino della Juventus Next Gen.

Juventus Next Gen qualificata ai playoff: cosa è cambiato nei bianconeri

I bianconeri hanno iniziato questa stagione di Serie C nel girone B composto da squadre importanti e blasonate: tra queste anche il Cesena che ha già festeggiato la promozione. Il nuovo girone ha sicuramente influenzato l’inizio a rilento della Juventus Next Gen che ha compreso con il passare del tempo i propri avversari, prendendo consapevolezza delle qualità del gruppo.

Sicuramente nell’exploit della seconda parte di stagione, che ha permesso la qualificazione ai playoff per la quarta volta nella storia della Juventus Next Gen, c’è lo zampino di Claudio Chiellini e di un mercato intelligente. I bianconeri già presenti sono maturati ma gli innesti di Comenencia, Salifou, Pedro Felipe e Guerra hanno dato i loro frutti e alzato notevolmente il livello tecnico della squadra.

L’adattamento, una squadra giovane ma forte con tanti prospetti interessanti e un allenatore con idee ben precise hanno portato a una grande crescita in questo girone di ritorno che i bianconeri hanno già concluso anticipatamente centrando il playoff per sognare una magica promozione.

Un progetto che sta dando i frutti: oltre ai tantissimi giovani che hanno esordito in prima squadra è arrivato un altro grande obiettivo che in casa Juve stanno festeggiando. Con un occhio sul futuro che, a Torino, è già presente.

Dove vedere il calcio in streaming e come risparmiare

Su DAZN, al costo di 34,99 euro al mese, è possibile vedere tutte le partite della Serie A, la Serie B, l’Europa League e alcune partite della Conference League.

Sky ha la sua piattaforma streaming, Now TV, dove il Pass Sport, che include tre partite per turno della Serie A e tutta la Champions League e Serie B, costa 9,99 euro al mese.

Amazon Prime Video costa 4,99 euro al mese, e include tutti i servizi Prime oltre le migliori sedici partite della Champions League del mercoledì.

Bonus: come avere un abbonamento alle piattaforme streaming e risparmiare

Esistono alcuni servizi che consentono di condividere l’account delle migliori piattaforme streaming (DAZN, Now TV, Netflix, Prime Video, Disney Plus, ecc.) con altre persone e dunque di risparmiare sugli abbonamenti, parliamo di GamsGoGoSplit o CooSub. Grazie a GamsGo, GoSplit e CooSub è possibile acquistare, ad un prezzo irrisorio, un abbonamento condiviso con altri utenti in maniera facile, veloce e sicura.

LASCIA UN COMMENTO

Per favore inserisci il tuo commento!
Per favore inserisci il tuo nome qui