Juventus, quanto manca un titolo: 1001 giorni dalla vittoria dell’ultimo trofeo

0

Era il 19 maggio di tre lunghi anni fa. La Juventus saliva, per l’ultima volta, sul gradino più alto di una competizione: precisamente quella della Coppa Italia. C’era Andrea Pirlo in panchina e sul campo Gigi Buffon, Cristiano Ronaldo e Paulo Dybala. Di cose ne sono cambiate da quel giorno nell’ambiente bianconero tranne una: non sono più arrivati titoli da esporre nella bacheca del Juventus Museum. Cerchiamo di capire come mai in casa Juventus manca un titolo da così tanto tempo.

Juventus, quanto manca un titolo: 1001 giorni dalla vittoria dell'ultimo trofeo

Sono precisamente 1001 giorni da quella finale di Coppa Italia vinta dai bianconeri grazie alle reti di Kulusevski e di Chiesa al Mapei Stadium. Era andato virale, con la serie successivamente pubblicata dal club bianconero, la reazione dello spogliatoio all’intervallo con la sfuriata del mister, attualmente alla Sampdoria, che chiedeva di più dai suoi ragazzi che gli portarono comunque un trofeo a casa.

Cosa che non è avvenuto col ritorno di Allegri: come direbbe Mourinho zeru tituli per la Juventus che ha messo, però, tutte le basi per risorgere nei prossimi anni. Ma ecco che se da una parta alla Juventus manca un titolo d’altro canto ci sono delle basi solide da cui ripartire.

Juventus, le basi solide per un futuro al top

Dopo la mazzata della penalizzazione nella stagione 2022/2023, alla guida di mister Massimiliano Allegri, si sono create delle fondamenta solide che come in tutti i progetti sono state riviste con il tempo, tra delusioni e un gioco che certamente non fa brillare gli occhi. Il condottiero Max, tra polemiche e critiche, è andato avanti per la sua rotta. Facendo crescere tanti ragazzi e regalando sicuramente un futuro che potrebbe essere ancora più vincente alla Juventus a cui manca un titolo follemente.

Juventus, quanto manca un titolo: 1001 giorni dalla vittoria dell'ultimo trofeo

Nonostante questo, la sconfitta di Haifa e altre delusioni non gli verranno, probabilmente, mai perdonate dai tifosi bianconeri che insorgono all’Allegri Out sui social. Ma Giuntoli sta pianificando un futuro con lui, come affermato prima del match contro l’Udinese: “Intanto siamo felicissimi di lavorare insieme a lui, ha dimostrato in passato di essere un grandissimo allenatore e lo sta dimostrando tutt’oggi con una squadra di ragazzi. Insieme al suo staff stanno facendo cose straordinarie. Ha un anno e mezzo di contratto, abbiamo la volontà di proseguire con lui. A fine anno abbiamo tempo di metterci a sedere e programmare il futuro insieme”.

Dove vedere il calcio in streaming e come risparmiare

Su DAZN, al costo di 34,99 euro al mese, è possibile vedere tutte le partite della Serie A, la Serie B, l’Europa League e alcune partite della Conference League.

Sky ha la sua piattaforma streaming, Now TV, dove il Pass Sport, che include tre partite per turno della Serie A e tutta la Champions League e Serie B, costa 9,99 euro al mese.

Amazon Prime Video costa 4,99 euro al mese, e include tutti i servizi Prime oltre le migliori sedici partite della Champions League del mercoledì.

Bonus: come avere un abbonamento alle piattaforme streaming e risparmiare

Esistono alcuni servizi che consentono di condividere l’account delle migliori piattaforme streaming (DAZN, Now TV, Netflix, Prime Video, Disney Plus, ecc.) con altre persone e dunque di risparmiare sugli abbonamenti, parliamo di GamsGoGoSplit o CooSub. Grazie a GamsGo, GoSplit e CooSub è possibile acquistare, ad un prezzo irrisorio, un abbonamento condiviso con altri utenti in maniera facile, veloce e sicura.

LASCIA UN COMMENTO

Per favore inserisci il tuo commento!
Per favore inserisci il tuo nome qui