Kecskeméti TE, una nuova stella in Ungheria

0
Kecsemeti TE

La OTP Bank Liga vede sempre una sola conducente, ovvero la compagine di Budapest, il Ferencváros, primo in classifica con un buon distacco. In Ungheria però sta brillando una nuova stella, ovvero il Kecskeméti TE, club neopromosso che da anni cercava il salto di categoria. Grinta e gioco di squadra hanno permesso alla compagine di Kecskemét di diventare una delle realtà di questa stagione magiara. Dati e statistiche dimostrano l’ottimo rendimento della nuova outsider. Sembra esserci anche la giusta maturità.

Ungheria, dati e statistiche del Kecskeméti TE

Da neopromossa, la compagine di Kecskemét ha fin da subito dimostrato di volersi ritagliare un ruolo importante. Dati e statistiche, infatti, danno ragione al club. Secondo in classifica – dietro soltanto all’irraggiungibile Ferencváros – il Kecskeméti TE ha già ottenuto 26 punti in 16 gare, frutto di sei vittorie, otto pareggi e appena due sconfitte. Ben 23 gol fatti e “solo” 16 subiti, seconda miglior difesa, dietro appunto a quella del Fradi (primo in solitaria a 34 punti con due match in meno). La scelta del modulo, ovvero il 5-3-2, si è rivelata giusta, soprattutto in fase di non possesso. Miglior marcatore della  squadra è il giovane trequartista Bálint Katona. Il giocatore classe ’02 vanta infatti già 5 reti e un assist, numeri positivi per la sua età e per la squadra in cui gioca.

Kecskeméti TE, una nuova stella in Ungheria

Unico aspetto negativo di questa prima parte di stagione, è l’eliminazione quasi immediata dalla Magyar Kupa, per mano del Győr, club della seconda divisione capace di vincere 1-0 eliminando la favorita di quel match. Questo però potrebbe garantire alla squadra allenata da István Szabó un miglior rendimento in campionato.

Un sogno che si infrangerà contro la realtà?

Se la prima parte di stagione è molto positiva e ha – probabilmente – superato le aspettative, non è semplice ipotizzare il piazzamento del Kecskeméti TE. Esattamente a metà campionato, la OTP Bank Liga (dove si giocano in totale 33 giornate) potrebbe rivelarsi insidiosa, anche perché sia Kisvárda che Puskás Academy condividono lo stesso obiettivo: il raggiungimento dei primi tre posti, che permettono un’occasione per l’Europa. Un progetto comune che potrebbe sorridere alla neopromossa, vista la falsa partenza del Puskás, il quale ha però totalizzato 25 punti e rimane dunque sulla scia delle prime.

Dopo la sosta mondiali ci si attende dunque un campionato molto intenso, che vedrà ben 3/4 squadre contendersi le prime posizioni, mentre il sogno scudetto sembra già essere sfumato.

Una nuova outsider è giunta in Ungheria ed è pronta a scalare le gerarchie.

LASCIA UN COMMENTO

Per favore inserisci il tuo commento!
Per favore inserisci il tuo nome qui