Lazio, Lotito e le novità sullo stadio Flaminio

0
Lazio, Lotito e le novità sullo stadio Flaminio

La Lazio è ormai intenzionata a presentare un progetto di riqualificazione dello stadio Flaminio e su questo Lotito è stato chiaro. Adesso servirà la collaborazione con il comune di Roma, ma sembrano esserci delle novità.

Lazio, Lotito: “stadio Flaminio? A breve incontrerò il sindaco”

La Lazio si è posta l’obbiettivo di considerare come sua nuova casa in futuro lo stadio Flaminio, l’ex impianto romano chiuso e abbandonato da molto tempo. Il presidente Lotito sembra aver intenzione di presentare un piano di riqualificazione dell’impianto in modo tale da regalare ai biancocelesti il suo nuovo teatro calcistico. Oggi sono arrivate nuove importanti dichiarazioni del patron laziale che ha affermato: “Non è ancora la presentazione ufficiale – spiega sempre il numero 1 del club biancoceleste – né ovviamente un tavolo tecnico, ma un inizio per far capire al Campidoglio come intendiamo ristrutturare lo stadio Flaminio, superando certi vincoli e non solo“. 

Il presidente Lotito ha già informato, secondo quanto raccontato da alcuni quotidiani locali, il sindaco Gualtieri della volontà di presentare al più presto un progetto di riqualificazione. Intanto è arrivata anche la dichiarazione dell’assessore ai Grandi Eventi, Sport, Turismo e Moda, Alessandro Onorato: «Nei prossimi giorni con il sindaco Roberto Gualtieri e il mio collega all’urbanistica Maurizio Veloccia fisseremo l’incontro con una delegazione della società e osserveremo, nel dettaglio, lo studio eseguito dalla Lazio. L’obiettivo di questa amministrazione è restituire il Flaminio a disposizione della città. Ascolteremo con grande attenzione il progetto di Lotito, ma ci sono anche altre soluzioni in campo. Vediamo quale risponderà al meglio agli interessi della città».

Sul Flaminio c’è l’obbligo di mantenere il piano architettonico relativo al disegno originario dell’architetto Nervi. Inoltre è difficile al momento progettare un’area parcheggi a causa dell’impatto ambientale che potrebbe avere e anche per questioni archeologiche. Infatti, anni fa è sorta vicino allo stadio una necropoli romana durante alcuni scavi. Lo stadio sorge in viale Tiziano, in prossimità dei Parioli, e fu costruito su progetto del già citato Nervi a partire dal 1957 per finire nel 1958. L’abbandono del Flaminio risale al 2012, quando la federazione italiana di Rugby decise di spostarsi allo Stadio Olimpico.

La ristrutturazione del Flaminio si è interrotta dal 2013 e questo progetto sembra essere diventato un tabù. Riuscirà Lotito nell’impresa? Si attendono aggiornamenti.

Dove vedere il calcio in streaming e come risparmiare

Su DAZN, al costo di 34,99 euro al mese, è possibile vedere tutte le partite della Serie A, la Serie B, l’Europa League e alcune partite della Conference League.

Sky ha la sua piattaforma streaming, Now TV, dove il Pass Sport, che include tre partite per turno della Serie A e tutta la Champions League e Serie B, costa 9,99 euro al mese.

Amazon Prime Video costa 4,99 euro al mese, e include tutti i servizi Prime oltre le migliori sedici partite della Champions League del mercoledì.

Bonus: come avere un abbonamento alle piattaforme streaming e risparmiare

Esistono alcuni servizi che consentono di condividere l’account delle migliori piattaforme streaming (DAZN, Now TV, Netflix, Prime Video, Disney Plus, ecc.) con altre persone e dunque di risparmiare sugli abbonamenti, parliamo di GamsGoGoSplit o CooSub. Grazie a GamsGo, GoSplit e CooSub è possibile acquistare, ad un prezzo irrisorio, un abbonamento condiviso con altri utenti in maniera facile, veloce e sicura.

LASCIA UN COMMENTO

Per favore inserisci il tuo commento!
Per favore inserisci il tuo nome qui