Lazio, nonostante le riunioni il futuro di Igor Tudor è sempre in bilico

0

Il futuro di Igor Tudor sulla panchina della Lazio è in bilico, nonostante le riunioni dei giorni scorsi infatti le parti restano distanti. Al di là delle dichiarazioni del presidente bianco-celeste Claudio Lotito, si percepisce che l’unità di intenti sbandierata è solo di facciata. 

I vari summit non hanno portato ad un riavvicinamento, col tecnico di Spalato che è rimasto profondamente amareggiato dalla conclusione negativa della vicenda Kamada. L’aver perso un suo fedelissimo, forse uno dei pochi del centrocampo della Lazio che riteneva incedibile, ha incrinato la sua fiducia nei confronti della società. 

Lazio, nonostante le riunioni il futuro di Igor Tudor è sempre in bilico

Le opzioni dunque ora sono 2: o si fa buon viso a cattivo gioco e si rimane insieme, oppure il tecnico da le dimissioni e rinuncia ai 2,5 milioni di contratto fino al 30 Giugno 2025.

La questione infatti è solamente economica, dato che la Lazio non ha intenzione di regalare al croato uno stipendio così alto esonerandolo. Gli agenti di Tudor sono a lavoro per trovare un’altra possibile panchina al loro assistito, e in caso riuscissero, la sensazione è che tra Tudor e la squadra capitolina il divorzio sarebbe immediato.

Lazio, quale tecnico in caso di separazione con Igor Tudor?

In caso di addio tra le due parti nonostante il contratto firmato solamente due mesi fa dopo le dimissioni di Maurizio Sarri, in casa bianco-celeste bisognerebbe trovare un nuovo allenatore. 

Scelta non semplice visto che molti possibili candidati sono già sistemati a questo punto. Sfumate le ipotesi Coincecao e Italiano, ormai in procinto di essere ufficializzati da Marsiglia e Bologna, restano comunque vari allenatori in cerca di una panchina.

Lazio, nonostante le riunioni il futuro di Igor Tudor è sempre in bilico

Si parla dalla Capitale di un possibile avvicinamento per Baroni, e c’è poi forte la candidatura di un grande ex come Miroslav Klose. Il tedesco si sente pronto a guidare la panchina dei biancocelesti e il presidente Lotito potrebbe questa volta prenderlo in seria considerazione.

Le suggestioni circolate nelle ultime ore riguardo un possibile tentativo per Allegri invece, non trovano riscontri positivi. 

Dove vedere il calcio in streaming e come risparmiare

Su DAZN, al costo di 34,99 euro al mese, è possibile vedere tutte le partite della Serie A, la Serie B, l’Europa League e alcune partite della Conference League.

Sky ha la sua piattaforma streaming, Now TV, dove il Pass Sport, che include tre partite per turno della Serie A e tutta la Champions League e Serie B, costa 9,99 euro al mese.

Amazon Prime Video costa 4,99 euro al mese, e include tutti i servizi Prime oltre le migliori sedici partite della Champions League del mercoledì.

Bonus: come avere un abbonamento alle piattaforme streaming e risparmiare

Esistono alcuni servizi che consentono di condividere l’account delle migliori piattaforme streaming (DAZN, Now TV, Netflix, Prime Video, Disney Plus, ecc.) con altre persone e dunque di risparmiare sugli abbonamenti, parliamo di GamsGoGoSplit o CooSub. Grazie a GamsGo, GoSplit e CooSub è possibile acquistare, ad un prezzo irrisorio, un abbonamento condiviso con altri utenti in maniera facile, veloce e sicura.

LASCIA UN COMMENTO

Per favore inserisci il tuo commento!
Per favore inserisci il tuo nome qui