Lazio, Sarri ha rassegnato le dimissioni!

0

La Lazio dopo l’ultima settimana tremenda dal punto di vista sportivo, col club biancoceleste sconfitto tra le polemiche contro il Milan e poi per mano del Bayern Monaco e dell’Udinese, vede ora una possibile svolta, viste le dimissioni di Maurizio Sarri. 

Il tecnico, infatti, quest’oggi all’indomani della sconfitta interna per 1-2 contro i friulani in un vertice con i dirigenti ha rassegnato le dimissioni. Queste ora sono al vaglio della società che in queste ore sta decidendo il da farsi

Lazio, Sarri ha rassegnato le dimissioni!

L’ipotesi è quella di poter accettare le dimissioni del mister e affidare la panchina all’attuale mister delle giovanili Tommaso Rocchi. Il tutto però potrebbe avvenire ufficialmente dopo le 18:00, alla chiusura della borsa, dato che la Lazio è una società per azioni. 

Il tecnico ovviamente molto deluso e rassegnato dopo le ultime prestazioni, ha deciso di lasciare così la Lazio, dopo quasi 3 anni dal suo arrivo nonostante un contratto prolungabile a fine stagione fino al 2025. 

Lazio, un bilancio dell’operato di Sarri fino alle dimissioni odierne

Inutile negare che dall’arrivo di Sarri nella capitale sponda biancoceleste, si è fantasticato di rivedere il gioco spumeggiante espresso dal tecnico a Napoli. La piazza di fede laziale ha riposto nel suo Comandante le speranze di ottenere un bel gioco unito a ottimi risultati, rispondendo in qualche modo all’arrivo sulla panchina della Roma di Josè Mourinho. 

E forse proprio nei confronti contro la Roma ha dato entusiasmo al proprio popolo. Contro i giallorossi in 6 confronti sono infatti arrivate 4 vittorie, un pareggio ed una sconfitta. 

Per il resto, due anni e mezzo dopo il bilancio del tecnico, probabilmente alle ultime ore da allenatore del club capitolino è in chiaroscuro. Infatti, il gioco si è visto solo a sprazzi in queste stagioni, così come i risultati. 

Lazio, Sarri ha rassegnato le dimissioni!

In campo europeo il momento più esaltante si è vissuto in questa stagione col cammino in Champions League conclusosi lo scorso mercoledì in Baviera. Nelle precedenti annate invece in Europa e Conference League le prestazioni della Lazio hanno lasciato più di una volta molto sconforto

In campionato invece, dopo il quinto posto del primo anno, la scorsa stagione è arrivata un’ottima seconda posizione in classifica, alle spalle dell’inarrivabile Napoli. Il salto di qualità atteso però in questa stagione non è avvenuto, con la Lazio ad oggi addirittura in 9a posizione. 

Su questo hanno influito anche molte scelte di mercato, spesso criticate da Sarri ed un feeling con Lotito a fasi alterne. Ora, per salvare la stagione, ci sarebbe ancora da rincorrere un piazzamento europeo e da giocare le semifinali di Coppa Italia contro la Juventus, ma tutto lascia pensare che non sarà il tecnico di Napoli a guidare i biancocelesti. 

Dove vedere il calcio in streaming e come risparmiare

Su DAZN, al costo di 34,99 euro al mese, è possibile vedere tutte le partite della Serie A, la Serie B, l’Europa League e alcune partite della Conference League.

Sky ha la sua piattaforma streaming, Now TV, dove il Pass Sport, che include tre partite per turno della Serie A e tutta la Champions League e Serie B, costa 9,99 euro al mese.

Amazon Prime Video costa 4,99 euro al mese, e include tutti i servizi Prime oltre le migliori sedici partite della Champions League del mercoledì.

Bonus: come avere un abbonamento alle piattaforme streaming e risparmiare

Esistono alcuni servizi che consentono di condividere l’account delle migliori piattaforme streaming (DAZN, Now TV, Netflix, Prime Video, Disney Plus, ecc.) con altre persone e dunque di risparmiare sugli abbonamenti, parliamo di GamsGoGoSplit o CooSub. Grazie a GamsGo, GoSplit e CooSub è possibile acquistare, ad un prezzo irrisorio, un abbonamento condiviso con altri utenti in maniera facile, veloce e sicura.

LASCIA UN COMMENTO

Per favore inserisci il tuo commento!
Per favore inserisci il tuo nome qui