Le pagelle di Atletico Madrid-Lazio (2-0): Lino implacabile

0

Niente sorpasso, la Lazio perde al Wanda Metropolitano contro un Atletico Madrid compatto e concreto per 2-0. Entrambe le squadre si erano già assicurate un posto, ma l’Atletico Madrid sin da subito ha messo in chiaro le cose con Griezmann al 6′ e nel secondo tempo con una magia di Lino a chiuderla sul 2-0. La Lazio si presenterà ai sorteggi da seconda classificata e Sarri dovrà raddrizzare le cose per non fare brutta figura agli ottavi. Analizziamo ora le pagelle di Atletico Madrid-Lazio.

Le pagelle di Atletico Madrid-Lazio

Prima di analizzare le pagelle dei giocatori e degli allenatori di Atletico Madrid-Lazio, proponiamo quella sull’arbitro.

Arbitro: Serdar Gozubuyuk 7 – Sul gol di Hermoso molto bene, grazie soprattutto al VAR. Non ci sono molti episodi da segnalare e la gestione dei pochissimi cartellini è anche molto buona. 

Pagelle Atletico Madrid

Oblak 6,5 – La Lazio sotto la porta spagnola è imprecisa, perciò i pericoli sono tali fino a un certo punto. Oggi deve fare solo dei leggeri sforzi su tiri deboli e poco pericolosi. 

Molina 6 – Nel primo tempo protagonista dal rendimento altalenante. Forse per oggi meglio in fase difensiva, aiutando il trio a non prendere gol. 

Savic 5,5 – Troppi errori di impostazione nel primo tempo che regalano alla Lazio occasioni per pareggiare la partita (67′ Apzilicueta 6 – L’esperienza dello spagnolo si nota quando l’Atletico deve uscire dalla pressione della Lazio). 

Gimenez 6 – Soffre nel primo tempo e deve ringraziare l’imprecisione della Lazio sottoporta. Una prestazione sufficiente (45′ Soyuncu 6 – Entra quando l’Atletico ha già in mano la partita, ma contribuisce a mantenere inviolata la porta di Oblak). 

Hermoso 7 – Gol da attaccante puro, che però gli viene annullato. Dei tre difensori sicuramente oggi quello più in forma perché partecipa di più anche in fase offensiva e ha coraggio nel difendere alto.  

Lino 8 – Ancora protagonista e stavolta in progressione recupera la palla, poi serve l’assist a Griezmann per aprire le danze. Nel secondo tempo trova un gol strepitoso . 

De Paul – Prime prove per il ritorno in Serie A? Progressione e anche dei cambi lato che aiutano a rendere fluida la manovra. 

Witsel 6,5 – Si prende in mano la regia dell’Atletico Madrid ma deve fare i conti con il gioco veloce della Lazio (62′ Koke 6 – Sfrutta lo spazio concesso in una partita ormai in mano all’Atletico). 

Saùl 5 – Primo tempo poco convincente, non sembra nemmeno che sia entrato in campo. Nel secondo tempo contribuisce solo nel palleggio, ma ormai l’Atletico ha in tasca la partita. 

Griezmann 7 – Siamo tornati al 2016, quando il francese si prendeva la scena e trascinava l’Atletico in coppa. Il gol è solo la ciliegina su una prima parte di torneo in cui è stato ottimo, ma da ora dovrà dimostrare di essere decisivo (45′ Depay 6 – Sul gol di Lino ci mette lo zampino da appena entrato. Poche occasioni, ma almeno dà il suo contributo). 

Correa – I primi minuti della partita sono da fantasista, poi scompare e ritorna mettendosi a disposizione del compagno di reparto facendo la sponda (62′ Morata 5 – L’unica occasione è quella palla di fronte a Provedel, ma sbaglia la mira fumandosi il sesto gol in questa Champions). 

Allenatore: Diego Simeone 6,5 – L’Atletico Madrid punta a essere la rivelazione della Champions. Una squadra che si affida al ritorno di un Griezmann rispolverato. Chiude i gironi da prima classificata e adesso attende l’urna. Grande primo tempo in cui è stato concreto e ha concesso poco. Nel secondo tempo ha mantenuto bene il blocco e chiuso la gara sin da subito. 

Pagelle Lazio

Provedel 5,5 – L’errore della difesa su Griezmann gli costa l’ennesima rete subita in questa competizione. Il VAR lo salva sul gol di Hermoso. Sul gol di Lino non può fare praticamente nulla. 

Marusic 4,5 – Manca di decisione nel contrasto da cui poi nasce l’azione del gol dei Colchoneros. Oggi è stato  (57′ Lazzari 5 – Più pericoloso di Hysaj, almeno prova a essere pericoloso alzando la pressione e provando a mettere in difficoltà la difesa biancorossa). 

Casale 5,5 – Preso alla sprovvista sul gol di Griezmann, poi sembra prendere coraggio provando ad alzare il baricentro biancoceleste. Meno errori rispetto al compagno di reparto. 

Gila 5 – Probabilmente su Griezmann avrebbe dovuto migliorare la marcatura, poiché gli lascia spazio e tempo per calciare e indirizzare la palla. 

Hysaj 4 – Primo tempo in cui non incide. Nel secondo tempo viene spostato a sinistra, ma è un copia e incolla del primo tempo (69′ Pellegrini 5 – Prova in qualche modo a spingere, ma deve arrendersi alla solidità della difesa dell’Atletico Madrid). 

Guendouzi 6 – Manca quella zampata che poteva essere il gol del pareggio, ma nonostante ciò prova ad animare il gioco e a rendersi pericoloso. Nel secondo tempo sembra essere l’unico a giocare a centrocampo facendo la regia e provando qualche incursione. L’unico da premiare. 

Vecino 5 – La regia del primo tempo sarebbe anche sufficiente per il coraggio e i pochi errori, ma nel secondo tempo sembra non essersi presentato nemmeno in campo. 

Luis Alberto 4,5 – Qualche errore veramente banale, in un match in cui dovrebbe mettersi iun risalto in qualche modo. Oggi irriconoscibile (62′ Kamada 4 – Anche lui stasera non riesce a dare il suo contributo. Qualche passaggio, ma zero fantasia e zero idee). 

Pedro 4,5 – Primi minuti in cui non fa l’attaccante, ma la mezzala fallosa. Poi comincia ad accendersi, ma manca sempre quella conclusione finale che potrebbe svoltare la partita della Lazio (57′ Felipe Anderson 5 – Prova a riaprire la partita con un’occasione importante, se non la più pericolosa del secondo tempo. Poi anche lui si arrende). 

Immobile 6 – Ci sono delle partite in cui ha pochi spazi, ma riesce comunque a incidere facendo la sponda e creando lo spazio per le ali offensive. Una sola occasione pericolosa nel primo tempo, ma niente da fare (62′ Castellanos 5 – Una sola occasione con un tiro debole, poi le difficoltà offensive della Lazio si riflettono su di lui. Altra prestazione in bianco per lo spagnolo). 

Zaccagni 5 – Sua l’azione più pericolosa della Lazio nel primo tempo, ma manca la porta di poco nel finale. Del suo secondo tempo non si hanno tracce. 

Allenatore: Maurizio Sarri 4 – La Lazio stasera poteva approfittare per provare a passare da prima classificata. Probabilmente la Lazio dello scorso anno avrebbe potuto mettere in difficoltà il Cholo, ma questa squadra è irriconoscibile. Turnover per rifiatare per il campionato? Può darsi, ma così i quarti non si vedranno nemmeno con il binocolo. 

Dove vedere il calcio in streaming e come risparmiare

Su DAZN, al costo di 34,99 euro al mese, è possibile vedere tutte le partite della Serie A, la Serie B, l’Europa League e alcune partite della Conference League.

Sky ha la sua piattaforma streaming, Now TV, dove il Pass Sport, che include tre partite per turno della Serie A e tutta la Champions League e Serie B, costa 9,99 euro al mese.

Amazon Prime Video costa 4,99 euro al mese, e include tutti i servizi Prime oltre le migliori sedici partite della Champions League del mercoledì.

Bonus: come avere un abbonamento alle piattaforme streaming e risparmiare

Esistono alcuni servizi che consentono di condividere l’account delle migliori piattaforme streaming (DAZN, Now TV, Netflix, Prime Video, Disney Plus, ecc.) con altre persone e dunque di risparmiare sugli abbonamenti, parliamo di GamsGoGoSplit o CooSub. Grazie a GamsGo, GoSplit e CooSub è possibile acquistare, ad un prezzo irrisorio, un abbonamento condiviso con altri utenti in maniera facile, veloce e sicura.

LASCIA UN COMMENTO

Per favore inserisci il tuo commento!
Per favore inserisci il tuo nome qui