Le pagelle di Bari-Feralpisalò (1-0): la decide il calcio di rigore di Sibilli

0

Seconda vittoria consecutiva per il nuovo Bari di Beppe Iachini che nella sfida valevole per la 25° giornata di Serie B riesce ad avere la meglio di misura ai danni della Feralpisalò. Una partita bloccata e caratterizzata da rare emozioni decisa a circa un quarto d’ora dalla fine dal calcio di rigore realizzato dal solito Sibilli. L’ex Pisa con il gol siglato arriva a quota 9 centri in campionato. Un successo che trascina la compagine pugliese momentaneamente in zona playoff in attesa dei risultati delle ultime gare del weekend. Altro passo falso, invece, per i Leoni del Garda bravi a reggere per gran parte dei 90′ grazie ad una solida fase difensiva. Troppo sterile, però, il reparto avanzato dei verdeazzurri. Ecco le pagelle di Bari-Feralpisalò.

Le pagelle di Bari-Feralpisalò

Prima di analizzare insieme le pagelle dei protagonisti di Bari-Feralpisalò, proviamo a dare una valutazione all’operato del direttore di gara.

Arbitro: Alberto Santoro 6 – Il fischietto della sezione di Messina tende a spezzettare fin troppo il gioco rendendo poco piacevole. Inoltre, prevalgono dubbi su un presunto tocco di mano in area da parte di Kourfalidis non ritenuto così netto da concedere calcio di rigore. Stessa decisione -questa volta corretta- presa nel secondo tempo grazie all’ausilio del VAR. A 15′ dalla fine, invece, è corretta l’assegnazione del penalty ai biancorossi per tocco di mano in area di Di Molfetta. Da rivedere la gestione dei cartellini.

Pagelle Bari

Brenno 6 – Inoperoso per gran parte dei 90′, si rende protagonista di un’importante parata su Manzari a difesa del vantaggio.

Dorval 5,5 – Garantisce tanta corsa e velocità sulla destra, ma pecca di precisione. Non una delle sue migliori prestazioni da quando veste la maglia biancorossa.

Di Cesare 6,5 – Da vero capitano si prende la squadra sulle spalle dando esperienza al reparto, ma anche sicurezza e solidità. Nel finale va vicinissimo al gol del raddoppio, ma il suo colpo di testa termina a centimetri dal palo. Il giallo ricevuto, però, lo costringerà a saltare la complicata trasferta di Bolzano contro il Südtirol.

Vicari 6,5 – Se gli attaccanti ospiti non riescono quasi mai a rendersi pericolosi è anche merito dell’ex centrale della Spal capace di arginare qualsiasi sortita offensiva con grande determinazione. Dimostra di essere ancora una volta imprescindibile nella difesa dei galletti.

Ricci 6 – Spinge tanto sull’out di sinistra mettendo in mezzo all’area di rigore un paio di traversoni taglienti e invitanti non sfruttati a dovere dagli attaccanti.

Maita 6 – Garantisce un prezioso aiuto in copertura dando tanta sostanza sul rettangolo di gioco. A meno di mezz’ora dalla fine, però, è costretto a dare forfait (65′ Lulic 6 – Il croato con tanta intraprendenza entra con la voglia di mettersi in mostra. Da una conclusione dalla distanza arriva la deviazione di mano di Di Molfetta che causa il rigore decisivo).

Benali 7 – Fresco di rinnovo, il n°8 biancorosso garantisce come suo solito qualità e quantità in mezzo al campo. Oltre a dare ordine in regia, recupera un gran numero di palloni orchestrando diverse situazioni di contropiede con precisione.

Edjouma 6 – Parecchio impreciso nel corso della prima frazione, la prova del transalpino migliora gradualmente nella ripresa. Fa prevalere la sua prestanza fisica giocando una buona partita di sostanza.

Sibilli 7 – Svariando per tutto il fronte offensivo non dà punti di riferimento agli avversari. Tornato in extremis dall’infortunio, a circa un quarto d’ora dalla fine realizza magistralmente il calcio di rigore che porta in vantaggio i galletti spiazzando Pizzignacco. Ancora una volta veste i panni del match-winner (92′ Matino s.v.).

Ménez 5,5 – Sin dall’inizio l’esperto attaccante francese delizia sul rettangolo di gioco dando prova del suo grande talento, ma la sua prestazione cala drasticamente con il passare dei minuti (61′ Kallon 5,5 – L’esterno d’attacco arrivato in prestito dal Verona prova subito a dare maggiore vivacità al reparto offensivo. A pochi secondi dal suo ingresso sul rettangolo di gioco spreca una clamorosa occasione non riuscendo a sfruttare il preciso cross di Ricci).

Puscas 5,5 – Il centravanti rumeno prova subito a ripetersi dopo il gol messo a segno contro il Lecco, ma il suo colpo di testa termina alto. In avanti fa prevalere la sua fisicità sui difensori lombardi, ma si rende poco pericoloso dalle parti di Pizzignacco (92′ Nasti s.v.).

Allenatore: Giuseppe Iachini 6,5 – Una vittoria fondamentale non solo per la classifica, ma anche per come si era messa realmente la partita. Una gara bloccata e assolutamente non semplice contro un’avversaria che ha cercato in tutti i modi di portare a casa almeno un punto. Alla fine, però, il rigore di Sibilli premia i padroni di casa oggi piuttosto imprecisi in avanti e in difficoltà ad attaccare la solida retroguardia lombarda. Altri tre punti che danno entusiasmo all’ambiente con i playoff che al momento, non sembrano più un miraggio.

Le pagelle di Bari-Feralpisalò (1-0): la decide il calcio di rigore di Sibilli

Pagelle Feralpisalò

Pizzignacco 6 – Autore di interventi alla portata, l’estremo difensore verdeazzurro viene spiazzato in occasione del rigore realizzato sa Sibilli.

Balestrero 6,5 – Pericolo principale sui calci piazzati, il capitano proprio in una di queste situazioni rischia di portare i suoi in vantaggio con una conclusione al volo terminata di poco alta sopra la traversa. In una posizione non sua, mostra comunque un’importante duttilità sbagliando poco quanto niente (78′ Pietrelli s.v.).

Ceppitelli 6,5 – Il grande ex dell’incontro grazie alla sua esperienza garantisce da subito solidità e tranquillità al reparto provando subito a prendere le misure sugli attaccanti biancorossi.

Martella 6 – Riesce a contenere due clienti scomodi del calibro di Ménez e Kallon giocando una gara priva di errori da matita rossa. Nonostante la sconfitta si porta a casa la sufficienza in queste pagelle di Bari-Feralpisalò.

Bergonzi 6 – Sia come esterno basso che nel ruolo di braccetto difensivo il giovane calciatore lombardo è protagonista di una prova senza sbavature degne di nota.

Kourfalidis 6,5 – Il centrocampista di proprietà del Cagliari dà un importante apporto in copertura andando anche vicinissimo alla prima rete della gara sul finire di primo tempo.

Fiordilino 6 – Prezioso nell’assetto tattico di mister Zaffaroni, fa da filtro in mezzo al campo dettando con precisione i tempi di gioco. Fondamentale anche il suo aiuto in fase difensiva.

Di Molfetta 5 – Il n°10 sfrutta le sue abilità tecniche e le sue doti balistiche per creare qualche problema alla retroguardia pugliese. La sua prestazione viene “sporcata” dal tocco di mano in area che provoca il calcio di rigore del vantaggio biancorosso (87′ Attys s.v.).

Felici 5,5 – L’esterno classe 2001 macina tanti chilometri sulla fascia di competenza mostrando di essere nel vivo della manovra per tutto il primo tempo, ma scompare dal campo nella ripresa (87′ Tonetto s.v.).

Dubickas 5 – Mai servito a dovere, il lituano non riesce ad incidere a dovere nel corso del match. Troppo limitato dalla difesa pugliese (61′ Manzari 6 – Ha tra i piedi la palla del pareggio, ma la sua conclusione di mancino viene respinta da Brenno).

Butic 5,5 – Il capo-cannoniere della compagine verdeazzurra prova a spaventare i padroni di casa su sviluppi di calcio di punizione, ma la sua conclusione termina alta sopra la traversa (61′ La Mantia 5,5 – Entra per dare maggiore esperienza e fisicità ad un reparto offensivo piuttosto sterile questo pomeriggio, ma non fa tanto meglio del compagno sostituito).

Allenatore: Marco Zaffaroni 5,5 – Bene la difesa, ma è la scarsa concretezza del reparto offensivo a preoccupare. I suoi cercando di mantenere la sfida sullo 0-0 provando magari a trovare fortuna nei minuti finali, ma proprio a 15′ dal termine, è il penalty trasformato da Sibilli a rovinare i piani dell’ex allenatore del Verona. Nel finale punta sull’esperienza e la freschezza di La Mantia e Manzari, ma il canovaccio tattico dell’incontro non cambia. Sempre più in penultima posizione, servirà molto di più nei prossimi impegni per sperare di centrare l’obiettivo salvezza.

Le pagelle di Bari-Feralpisalò (1-0): la decide il calcio di rigore di Sibilli

Dove vedere il calcio in streaming e come risparmiare

Su DAZN, al costo di 34,99 euro al mese, è possibile vedere tutte le partite della Serie A, la Serie B, l’Europa League e alcune partite della Conference League.

Sky ha la sua piattaforma streaming, Now TV, dove il Pass Sport, che include tre partite per turno della Serie A e tutta la Champions League e Serie B, costa 9,99 euro al mese.

Amazon Prime Video costa 4,99 euro al mese, e include tutti i servizi Prime oltre le migliori sedici partite della Champions League del mercoledì.

Bonus: come avere un abbonamento alle piattaforme streaming e risparmiare

Esistono alcuni servizi che consentono di condividere l’account delle migliori piattaforme streaming (DAZN, Now TV, Netflix, Prime Video, Disney Plus, ecc.) con altre persone e dunque di risparmiare sugli abbonamenti, parliamo di GamsGoGoSplit o CooSub. Grazie a GamsGo, GoSplit e CooSub è possibile acquistare, ad un prezzo irrisorio, un abbonamento condiviso con altri utenti in maniera facile, veloce e sicura.

LASCIA UN COMMENTO

Per favore inserisci il tuo commento!
Per favore inserisci il tuo nome qui