Le pagelle di Bologna-Lecce (4-0): ci pensa “Orsonaldo” a far festa

0

Riportiamo le pagelle della sfida di Serie A tra Bologna e Lecce valida per la ventiquattresima giornata. In diretta dallo Stadio Renato Dall’Ara si sfideranno nel terreno di gioco i padroni di casa dei rossoblù e gli ospiti pugliesi dei giallorossi. La prima frazione della gara ha visto gli uomini del tecnico Thiago Motta andare subito in vantaggio con la rete di Beukema dagli sviluppi di un calcio d’angolo. Poi c’è stata la risposta del Lecce, che però non ha portato a nulla di fatto, se non al raddoppio per 2-0 del Bologna grazie al bel tiro di Riccardo Orsolini da defilato. Il secondo tempo ha permesso ai bolognesi di chiudere le pratiche sul finale e pesante 4-0. In rete ancora il numero 7 e il debuttante Odgaard.

Le pagelle di Bologna-Lecce

Prima di analizzare con cura le pagelle di calciatori e allenatori di Bologna e Lecce valutiamo la prova del direttore di gara.

Arbitro: Gianluca Manganiello 7 – Buona direzione sotto il punto di vista della gestione dei cartellini, solamente tre i gialli sfoggiati nel corso del match, e corretta valutazione dei falli sia da una parte che dall’altra. La partita rivelatasi a senso unico non ha inciso in negativo sulla sua prova. Anzi, l’ha incrementata con gestione tranquilla.

Pagelle Bologna

Skorupski 6,5 – Praticamente quasi nulla da respingere nella sfida casalinga contro il Lecce per l’estremo difensore polacco. Fondamentale, in particolare, nel primo tempo l’apporto di Skorupski. Capace di neutralizzare due conclusioni velenose da parte di una formazione ospite nel cuore del suo miglior momento del match.

Posch 6 – Forse a volte un pò impreciso nelle scelte di passaggio per i propri compagni. Nel complesso, però, prova più che convincente per il terzino destro del Bologna. Non ha avuto grandi difficoltà nel contrastare le ripartenze palla al piede prima di Banda e poi di Sansone. In una giornata positiva come questa è difficile non partecipare alla festa (61′ De Silvestri 6 – Entrato in vesti più difensive che offensive, ancora una volta il numero 29 si dimostra un titolare aggiunto. La sua esperienza ha permesso al Bologna di ancorarsi di più e di ripartire spedita verso la rete del definitivo 4-0).

Beukema 7 – Sblocca le marcature della partita con un bel gol di tap-in da sotto porta. In generale, poi, il difensore centrale ha funzionato a meraviglia nel duetto arretrato con Calafiori. Passaggi precisi e gestione della palla corretta, mista ad un senso del posizionamento perfetto e una predominanza fisica che evidenzia il suo attuale stato di forma.

Calafiori 6,5 – La gara del difensore italiano è stata pressoché perfetta. Se non per la sbavatura mentale che l’ha portato a lasciare in dieci uomini contro undici i suoi negli ultimi 15 minuti di gara. Fortunatamente per i padroni di casa a risultato già ampiamente favorevole. Il centrale di difesa sale spesso palla al piede, riuscendo anche a portarsi a casa un bell’assist per il gol del 3-0 firmato Orsolini.

Kristiansen 6 – Il terzino sinistro ha ancora una volta fatto piazza pulita nella fascia di propria competenza. Prolungando quello che è un incoraggiante stato di forma. Strappi in profondità e ottima chiusura in anticipo sugli attacchi del Lecce hanno decisamente regalato una prestazione positiva al rinforzo di mister Thiago Motta.

Freuler 5,5 – La partita dell’ex Atalanta stava rischiando di diventare da Horror. Quando il parziale era ancora di 1-0 in favore dei padroni di casa il centrocampista dei rossoblù ha regalato con un passaggio sbagliato la palla a Krstovic. Il numero 9 del Lecce, chiamato a ribadire in rete la palla concessa per errore da Freuler, non è riuscito a fare gol. Oltre a questo brutto ma fortunato evento prestazione altalenante da parte del numero 8 in mezzo al campo (67′ El Azzouzi 6 – Entra in campo con poco tempo a disposizione per prendersi gli applausi dello stadio. Ma lui ci riesce ugualmente. Strappi in avanti da tutto-campista e passaggi ben calibrati sono stati il biglietto da visita del calciatore rinforzo della ciurma di Thiago Motta).

Fabbian 6,5 – Il tecnico dei rossoblù ormai sta dando sempre più credito e fiducia al numero 80. Lui, dal canto suo, sta ripagando le scelte del mister nel migliore dei modi. Anche contro il Lecce il suo palleggio nella mediana del Bologna è risultato fondamentale per non rischiare ripartenze pericolose. Soprattutto in una giornata in cui Freuler non ha inanellato una delle sue migliori gare, Fabbian ha svolto al meglio i suoi compiti.

Orsolini 8 – Standing Ovation all’uscita dal campo. Più di questo c’è difficoltà nell’aggiungere parole per la prestazione del numero 7. La doppietta al rientro in campo contro il Lecce oltre a regalare l’agile vittoria per i suoi è anche un saggio delle immense qualità dell’attaccante a disposizione di mister Thiago Motta. Migliore in campo per distacco (61′ Ndoye 6 – Vicino alla rete dopo essere subentrato a gara in corso per consolidare ancora di più il trionfo di giornata. Complessivamente buona la prova prestata in campo dall’abile ala destra. La sua velocità e tecnica palla al piede è sempre un tallone d’Achille per le retroguardie avversarie).

Ferguson 6 – Spesso vicino all’assist personale nel corso della gara. Tuttavia, non è riuscito nella trequarti a dare lo stesso apporto di sempre. Soffrendo più del dovuto la morsa difensiva del Lecce. Certamente più impegnata nel marcare Zirkzee. La sufficienza è stata strappata anche oggi lo stesso (78′ Moro s.v.).

Saelemaekers 6,5 – L’attaccante ex Milan quando decide di fare la voce grossa partendo dalla sinistra e accentrandosi con il piede destro mette in forte apprensione tutta la retroguardia di mister D’Aversa. Il numero 56 è andato più volte vicino alla rete personale. Nonostante non sia riuscito ad insaccare la palla in rete, la prestazione rimane di altissimo livello. A dimostrazione del fatto che Bologna è la sua piazza.

Zirkzee 6,5 – Manca solo il gol per coronare una prestazione come al solito monumentale da parte del numero 9 dei bolognesi. Le sue ripartenze con la palla incollata al piede e le tracce di passaggio per i compagni hanno ancora una volta spianato dalle retrovie la strada verso una vittoria annunciata. Impagabile l’apporto dell’attaccante di mister Thiago Motta (61′ Odgaard 7 – Si presenta al meglio il nuovo attaccante del Bologna. Neanche mezz’ora in campo e subito primo gol in Serie A. Oltre che per la società rossoblù. Bella rete in progressione palla al piede. L’attaccante si è dimostrato quella pedina in più di cui forse i bolognesi avevano bisogno).

Allenatore: Thiago Motta 7,5 – Il tecnico dei rossoblù voleva dare un segnale forte dopo gli ultimi malumori. Dimostrando di essere ancora in grado di far divertire gli spettatori del Dall’Ara con la sua impronta di gioco a viso più che aperto. La gestione delle forze è stata spesa al meglio, così come il risultato per tutto il corso del match. Il 4-0 finale è frutto soprattutto di un approccio alla gara decisamente diverso rispetto a quello messo in mostra nell’ultima uscita stagionale.

Le pagelle di Bologna-Lecce (4-0): ci pensa "Orsonaldo" a far festa

Pagelle Lecce

Falcone 4 – Giornata da dimenticare per il portiere del Lecce. I quattro gol subiti non sono certamente frutto di suoi errori. Anche se in occasione del 2-0 per il Bologna si lascia sfilare da sotto le gambe la palla da Orsolini. In generale, nulla da fare per Falcone, complice anche una difesa in netta difficoltà e ritardo.

Venuti 5 – Marcare Saelemaekers, soprattutto in questo periodo, non è cosa semplice. Anche la distrazione ha fatto la sua parte nella prova in campo sotto tono di Venuti. Qualcosa nella squadra ospite oggi non ha funzionato. Soprattutto la linea di difesa. Voto che rispecchia la determinazione in campo dell’uomo di mister D’Aversa.

Pongracic 5 – Tutto da dimenticare, sia per il medesimo che per Baschirotto. L’idea era quella di chiudere in una morsa ben saldata le giocate pericolose di Zirzkee. Tuttavia, il numero 9 del Bologna si è dimostrato un cliente troppo scomodo da marcare per Pongracic. Stesso che è andato in confusione in molti momenti della gara, sottolineando il momento difficile.

Baschirotto 5 – Copia e incolla rispetto a quanto enunciato per il compagno di reparto Pongracic. Forse, però, per il difensore italiano pesano delle disattenzioni ancora più gravi sui gol subiti dal Lecce. Per ultima l’errata marcatura in campo aperto su Odgaard, poi sfuggito e in volata solitaria verso la rete del definitivo 4-0 per i padroni di casa.

Gallo 5,5 – Il terzino del Lecce ha solcato il terreno di gioco solo per una frazione. La parola chiave della sua prestazione in campo è stata: sofferenza. Non è semplice stare al passo delle cavalcate offensive sul suo lato di Riccardo Orsolini. Stesso che oltre ad aver siglato il gol del raddoppio e poi del 3-0 per il Bologna è in uno stato di forma invidiabile. Poco da fare, quindi, per Gallo, che nonostante ciò ha anche cercato l’assist personale fornendo una palla con il contagiri a Kaba nel cuore del primo tempo dalla trequarti campo (45′ Dorgu 5 – Prima Orsolini, poi Ndoye, non hanno dato modo al subentrato di entrare nei ritmi della partita. Praticamente costretto dal primo secondo a difendere le incursioni avversarie, non è affatto riuscito a contrastare i propri marcatori).

Kaba 6 – Il centrocampista roccioso della ciurma di mister D’Aversa non ha messo a referto un brutto primo tempo nel complesso. L’uscita dal campo forzata è dovuta di più ad una scelta tattica per cercare di recuperare le redini della partita. Ha pressato con la giusta foga i propri marcatori in mezzo al campo. Dimostrandosi come sempre più che preparato al duello fisico (45′ Blin 5,5 – Se con il cambio tattico del centrocampista pugliese il tecnico sperava di modificare in meglio lo schieramento sullo scacchiere, purtroppo sembra essersi rivelato il contrario. Kaba nel primo tempo aveva cercato di dare un equilibrio ad una squadra in forte difficoltà. Blin, invece, oggi non era in giornata).

Ramadani 5,5 – La gestione di palla del “regista” leccese ha fatto desiderare. Nonostante, magari, qualche occasione per cercare di avviare un’azione pericolosa d’attacco c’è stata. Ma è comunque risultata inefficace. Ritrovarsi sulla propria linea di azione sia Ferguson che, più avanti, Freuler e Fabbian, ha decisamente messo alle strette Ramadani. Costretto a pensare poco e niente con la palla tra i piedi.

Oudin 5,5 – Giornata difficile per il qualitativo calciatore della ciurma giallorossa. Le idee in campo non sono mancate, ma molto pochi i palloni giocati e le occasioni per mettere in difficoltà gli avversari. Stesse che in stagione ha dimostrato di sapersi creare. La differenza tra l’organico di centrocampo con il Bologna si è fatta sentire. Mister D’Aversa ha preferito farlo riposare un quarto d’ora circa a pratiche ormai chiuse (77′ Rafia s.v.).

Almqvist 5 – Partita molto difficile per l’ala destra dei pugliesi. Soprattutto per ciò che concerne la gestione nervosa della partita. Poco prima della fine del primo tempo il numero 7 degli ospiti ha rimediato un cartellino giallo. Compromettendo tutto il resto della sfida. Le incursioni provate in profondità sono state tutte bloccate sul nascere da Kristiansen, in un ottimo stato di forma. Quando Almqvist non riesce ad avere sbocchi offensivi, il Lecce perde una buona parte del proprio charm offensivo.

Krstovic 4,5 – Prestazione decisamente da dimenticare per il numero 9 dei pugliesi. Bravo nel cercare la conclusione a rete dalla distanza in un paio di occasioni, ma nulla di preoccupante per Skorupski. L’occasione più ghiotta, però, è stata buttata dallo stesso nel cuore del primo tempo sul risultato momentaneo di 1-0 per il Bologna. Il centrocampista Freuler gli regala la palla da pochi metri vicino alla porta dei rossoblù ma Krstovic spreca al lato il regalo che avrebbe potuto reindirizzare la partita su altri binari (51′ Piccoli 5,5 – Subentrato per provare a fare meglio del suo compagno di reparto, l’uomo degli ultimi minuti ha tentato, quanto meno, di dare una marcia nuova ai suoi. Purtroppo, però, in avanti non si può pretendere di giocare senza appoggi solidi. Motivo per il quale anche Piccoli non riesce a racimolare la sufficienza).

Banda 5,5 – L’ala sinistra degli ospiti ha avuto molta sfortuna, subendo un infortunio anzitempo poco prima della fine del primo tempo che l’ha costretto al cambio forzato. Fino a quel momento della gara il numero 22 non ha messo in campo una delle sue migliori prestazioni. Subendo la pressione alta di Posch che l’ha spinto lontano dal pungere nel cuore dell’area di rigore bolognese (38′ Sansone 5,5 – Per l’ex della sfida nulla da registrare di particolare nei circa 60 minuti giocati. La sensazione è che il cambio sia stato solo frutto del problema fisico di Banda. Altrimenti la carta Jolly “Sansone” sarebbe stata messa nella mischia nello scorcio finale del secondo tempo).

Allenatore: D’Aversa 4,5 – Dalla messa in campo dei suoi, fino all’approccio alla sfida e ai cambi forzati e sbagliati, il tecnico del Lecce ha faticato a trovare una chiave di lettura consona al blasone della partita e dell’avversario. Con i propri compagni di staff il mister è chiamato ora a ripartire subito con il piede giusto e accantonare questa pesante sconfitta per 4-0 che non fa onore ai piugliesi.

Le pagelle di Bologna-Lecce (4-0): ci pensa "Orsonaldo" a far festa

Dove vedere il calcio in streaming e come risparmiare

Su DAZN, al costo di 34,99 euro al mese, è possibile vedere tutte le partite della Serie A, la Serie B, l’Europa League e alcune partite della Conference League.

Sky ha la sua piattaforma streaming, Now TV, dove il Pass Sport, che include tre partite per turno della Serie A e tutta la Champions League e Serie B, costa 9,99 euro al mese.

Amazon Prime Video costa 4,99 euro al mese, e include tutti i servizi Prime oltre le migliori sedici partite della Champions League del mercoledì.

Bonus: come avere un abbonamento alle piattaforme streaming e risparmiare

Esistono alcuni servizi che consentono di condividere l’account delle migliori piattaforme streaming (DAZN, Now TV, Netflix, Prime Video, Disney Plus, ecc.) con altre persone e dunque di risparmiare sugli abbonamenti, parliamo di GamsGoGoSplit o CooSub. Grazie a GamsGo, GoSplit e CooSub è possibile acquistare, ad un prezzo irrisorio, un abbonamento condiviso con altri utenti in maniera facile, veloce e sicura.

LASCIA UN COMMENTO

Per favore inserisci il tuo commento!
Per favore inserisci il tuo nome qui