Le pagelle di Chelsea-Real Madrid (2-0): Blues spaziali

0
pagelle Real Madrid-Chelsea

Analizziamo le pagelle di Chelsea-Real Madrid. Un po’ a sorpresa, i Blues approdano in finale di Champions League. Le reti di Werner e Mount rispediscono a casa le Merengues, in netta difficoltà, e portano i londinesi al terzo atto conclusivo della propria storia. Avversario il Manchester City di Guardiola, match in salsa inglese.

Le pagelle di Chelsea-Real Madrid

Prima di prendere in esame le pagelle di giocatori e allenatori di Chelsea e Real Madrid, riportiamo quella sull’arbitro.

Arbitro: Orsato 6,5 – Severo e intransigente, non si fa mai mancare di rispetto, applicando il pugno duro quando la gara si fa più cattiva. Gialli giusti e ben combinati. Ok la rete annullata al Chelsea per fuorigioco.

Pagelle Chelsea

Mendy 7 – Un paio di ottimi interventi, specie la smanacciata su Benzema, proiettano il Chelsea verso la finale. Sempre ben appostato, fa dimenticare in un baleno le incertezze di Kepa.

Christensen 6,5 – Giganteggia giocando di anticipo, senza lasciare fessure aperte agli avversari. Sempre sul pezzo.

Thiago Silva 7 – Un colosso insuperabile. L’ex rossonero annulla Benzema e con personalità fa ripartire l’azione dei suoi. Si appoggiano tutti ai suoi piedi là dietro, determinante.

Rüdiger 6,5 – Buona anche la prestazione dell’ex Roma, anche se si fa anticipare da Benzema nel primo tempo. Poi si rimette in carreggiata e tutto si fa più tranquillo.

Azpilicueta 6,5 – Cuore del capitano. Parte col freno a mano tirato, ma nel secondo tempo viene fuori tutta l’esperienza, con cui stronca le iniziative sulla fascia di competenza. Lotta fino alla sostituzione (88′ James s.v.).

Kanté 7,5 – Entrasse in ottica mercato dell’Inter, sarebbe veramente un colpaccio. È letteralmente un fulmine, dappertutto come il prezzemolo. Suo il taglio da cui nasce il gol di Werner e apre anche il diagonale verso Pulisic. Un uomo che si smezza.

Jorginho 6,5 – Abbastanza scolastico, non compie nulla di eclatante ma fa da buona diga per evitare le ripartenze del Real Madrid.

Chillwell 6 – Prestazione ordinata, contiene al meglio Vinicius e prova qualche sortita offensiva, dedicandosi però di più alla fase offensiva.

Havertz 6,5 – Un folletto imprendibile, si riscatta pienamente dopo innumerevoli critiche. Le sue sterzate fanno male e solo la sfortuna gli impedisce di segnare. Rigenerato dalla cura Tuchel.

Mount 7,5 – Ad alcuni tratti del match è incontenibile, doppi passi e avversari puntati con tocchi di magia pura. In scivolata mette il ghiaccio sulla partita, dedicando anima e corpo ai suoi compagni. Uno spettacolo per gli occhi (86′ Ziyech s.v.).

Werner 7 – Anche l’ex Lipsia era spesso finito nel ciclone. C’è di più oltre al gol, un tap-in facile facile. Tante combinazioni e primi tocchi con i  fantasisti alle spalle, una sintonia che sembra quasi innata. Incanta gli spalti (vuoti) dello Stamford Bridge.(67′ Pulisic 6,5 – Grande ingresso, dato che ha un ottimo approccio alla gara e spacca la difesa).

Allenatore: Tuchel 7,5 – La preparazione della partita è perfetta: disinnesca i più pericolosi del Real come Vinicius e Benzema, regalando poi anche un gran gioco ai suoi. Si vede la sua mano, difesa, centrocampo e attacco funzionano alla grande. Gli ingranaggi ci sono e arriva, da subentrante, alla seconda finale di Champions di fila. Manca solo la ciliegina sulla torta.

Pagelle Real Madrid

Courtois 6,5 – Almeno per tre volte evita un passivo ben peggiore, di piede e di mano. Senza colpe sulle reti subite.

Nacho 6 – Non affonda completamente. Offre battaglia fino alla fine e si propone in avanti. 

Militao 5 – Anticipato di netto da Mount sul raddoppio, soffre tantissimo la qualità dell’attacco Blues. Fa rimpiangere, e non poco, Varane.

Ramos 5 – Anche il líder máximo deve arrendersi. Vede sbucare gente da tutte le parti, persino Kanté, e ha troppe situazioni ingarbugliate da districare. Sempre da solo non può.

Mendy 5,5 – Tanto movimenti ma pochi pallono toccati, in netta difficoltà e svantaggio su Havertz. Troppo timoroso, non sale mai in cattedra (63′ Valverde 6 – Non aggiunge pepe, m non commette nemmeno disattenzioni).

Kroos 5,5 – Poca impostazione, solo alcuni lanci lunghi facilmente prevedibili. Ingabbiato dalla tattica di Tuchel, non riesce a trovare la chiave.

Casemiro 5 – Quasi assente, la fotocopia sbiadita della sua classe. Non fa sentire la sua presenza e il centrocampo intero ne risente (76′ Rodrygo s.v.).

Modric 6 – Perlomeno prova a far girare la squadra. Tocca tanti palloni e li distribuisce come può, ma si ritrova spesso a predicare nel deserto.

Vinicius 5 – Qualche accelerata, ma poco più. Non trova spazi per accendersi, data l’ottima tenuta sulle fasce del Chelsea. Se davanti trova un muro è difficile fare più di così (63′ Asensio 5 – Impalpabile, tocca un paio di palloni e niente di più).

Benzema 5,5 – Sfiora il gol con uno stacco di testa poderoso. Si danna poi come un matto, arretrando anche il raggio d’azione di metri, ma i palloni giocabili sono col contagocce. Non supera Raul nella classifica dei migliori marcatori della competizione, riproverà il prossimo anno.

Hazard 4,5 – Impresentabile. Solo la brutta copia a carbone del meraviglioso giocatore ammirato nello stadio del suo passato. Involuto e impacciato, sembra essere lontano anni luce da una forma migliore (89′ Mariano Diaz s.v.).

Allenatore: Zidane 5 – La mossa dell’ex Hazard non è azzeccata. Ma non c’è solo questo, dato che il Madrid è apparso poco fiducioso e con poche idee. Buchi in difesa e insofferenza in attacco, non trova la quadra per impensierire seriamente il Chelsea. Deve rinunciare alla sua quarta finale da allenatore, ma ora potrà concentrare le forze sulla Liga.

LASCIA UN COMMENTO

Per favore inserisci il tuo commento!
Per favore inserisci il tuo nome qui