Le pagelle di Empoli-Lecce (1-1): Cambiaghi e Falcone MVP

0
Le pagelle di Empoli-Lecce (1-1): Cambiaghi e Falcone MVP

Ecco le pagelle del penultimo match in programma in questo turno di Serie A, con la sfida salvezza del Castellani, Empoli-Lecce. Incontro come prevedibile pieno di agonismo e battaglia in ogni zona del campo che ha visto alla fine un pareggio tutto sommato giusto frutto di una goffa papera di Berisha e una sfortunata autorete dei salentini. Il pareggio serve a poco, ma va meglio al Lecce. 

Le pagelle di Empoli-Lecce

Prima di dare le pagelle ai protagonisti in campo della sfida salvezza tra Empoli e Lecce ecco una valutazione sull’operato del direttore di gara. 

Arbitro: Andrea Colombo 6,5 – L’arbitro della sezione di Como dirige la sfida con autorevolezza.  Fischia poco ed ammonisce quando è giusto farlo. Segue da vicino le azioni e dà la sensazione di dirigere la sfida con sicurezza. 

Pagelle Empoli

Berisha 4,5 – Il portiere albanese nella prima frazione è attento e sicuro su varie conclusioni. Nella ripresa su una conclusione senza troppe pretese di Banda però fa una papera incredibile che un portiere della sua esperienza non può commettere. Macchia grave sulla sua prestazione fin lì solida. Peggiore in campo di queste pagelle di Empoli–Lecce.

Bereszynski 6 – Il terzino polacco inizia male la sfida perdendosi spesso Banda. Nel corso del primo tempo però prende le misure al rapidissimo esterno offensivo del Lecce, fino al minuto 44′ quando proprio uno scatto per chiudere sul giocatore dello Zambia gli costa un’infortunio muscolare (46′ Ebuehi 6 – Soffre poco Banda grazie alla sua fisicità e rapidità. Prestazione solida la sua e anche se segna proprio il suo uomo le responsabilità non sono di certo le sue). 

Ismajli 6 – Non perfetto in alcune fasi di gioco, dove si perde Piccoli. Al tempo stesso la sua prova è tutto sommato sufficiente nel complesso. 

Luperto 6 – Fatica meno rispetto al compagno di reparto, ma al tempo stesso ha una grande chance per sbloccare il risultato che non sfrutta a dovere. 

Bastoni 6,5 – Contiene bene Sansone in difesa, in attacco poi è pericoloso in varie occasioni. Prima una bella punizione ad inizio partita alta di poco, poi l’ottimo assist al volo non sfruttato da Luperto. Esperienza e bravura in entrambe le fasi. 

Kovalenko 6 – Il centrocampista ucraino non riesce a trovare la via della rete in questa giornata, al tempo stesso fa un buon lavoro nelle due fasi e mette in luce una discreta qualità (79′ Fazzini 6 – Buoni spunti nei 10′ più recupero a disposizione. Qualità e quantità a centrocampo per il giovanissimo azzurro, che potrebbe trovare più spazio nelle prossime sfide).

Grassi 6 – In ombra il mediano dei toscani, che fa un buon lavoro in fase di ripiegamento, ma non riesce a dare un buon ritmo ai suoi in mezzo al campo, e viene anche ammonito. Buone conclusioni ad inizio ripresa, dove trova però per due volte l’opposizione di un ottimo Falcone. 

Maleh 5 – Il peggiore dei tre centrocampisti titolari scelti da Andreazzoli. Fatica e non si vede praticamente mai in fase offensiva, in fase difensiva si nota solo per una buona chiusura su Sansone. Ammonito per un fallo di frustrazione, non sfrutta bene la chance avuta (63′ Marin 6 – Mezz’ora di qualità per il centrocampista dei toscani, che prende in mano il gioco ed imposta trame potenzialmente pericolose grazie ai suoi ottimi piedi. Bravo anche a battere con pericolosità vari piazzati). 

Cambiaghi 6,5 – Uno dei più vivi nei toscani. Bene in fase difensiva con dei preziosi ripiegamenti su Banda, ottimo in fase offensiva dove crea vari pericoli. Sbaglia solo contro Falcone, ma la prestazione è comunque ottima, con tanto di autogol procurato grazie a un suo buono spunto. Migliore in campo insieme a Falcone di queste pagelle di Empoli-Lecce. 

Cancellieri 6 – In ombra rispetto alle ultime uscite, trova comunque buone trame e qualche conclusione pericolosa, su cui trova l’opposizione di Falcone (79′ Gyasi 6 – Entra subito nel vivo del gioco con alcuni cross pericolosi, non trova la giocata vincente, ma mette comunque in mostra le sue qualità).

Caputo 6,5 – La sua partita dura appena 41′, prima di arrendersi ad un problema muscolare che potrebbe pregiudicare le chance salvezza del suo Empoli. La sua prestazione al netto dell’infortunio è comunque buona. Fa muovere molto la difesa dei salentini, e crea buone combinazioni coi compagni di reparto (41′ Shpendi 6 – Fa meno bene rispetto a Caputo. Non ha la stessa esperienza e le stesse qualità, però nel complesso non sfigura).

Allenatore: Aurelio Andreazzoli 6,5 – Disegna bene in campo il suo Empoli, è sfortunato in tre episodi. Prima l’infortunio di Caputo, poi quello di Bereszynski ed infine nella clamorosa papera di Berisha. Con gioco ed un pò di fortuna in occasione del gol del pari porta a casa un punto meritato nonostante le difficoltà. 

Pagelle Lecce

Falcone 6,5 – Solita ottima prestazione del portiere romano, tra i migliori in campo come sempre. Sicuro nelle uscite, buone parate e ottima lettura delle azioni. Si esalta poi su Cambiaghi arrivato con troppa facilità tutto solo dalle sue parti. Incolpevole sull’autogol arrivato su una sfortunata carambola dopo il tocco di Rafia. Migliore in campo nelle pagelle di Empoli–Lecce insieme a Cambiaghi dell’Empoli.  

Gendrey 6 – Contiene bene un cliente scomodo come Cancellieri, si sovrappone e si guadagna anche alcune punizioni. Prova solida del terzino del Lecce. 

Pograncic 6 – Pericoloso ad inizio partita con un buono stacco aereo, in difesa soffre poco le manovre offensive dei toscani. 

Baschirotto 6 – Fatica su Caputo in alcune circostanze. Dopo l’uscita dell’attaccante italiano, prende le misure sul suo sostituto e sale di livello. 

Dorgu 6 – Buone trame con Banda, in difesa invece soffre un po’ in marcatura su Cambiaghi. Prova comunque positiva la sua anche se all’intervallo viene sostituito da Baroni (46′ Gallo 6 – Soffre poco le sortite offensive di Cambiaghi a cui col passare dei minuti concede sempre meno. Sale poco in fase offensiva ma quando lo fa crea sempre qualche buona trama).

Oudin 6 – Poche giocate di qualità oggi per il centrocampista dei salentini che al tempo stesso fa un buon lavoro in fase difensiva. Prova alcune conclusioni da fuori, senza però riuscire a trovare la rete (59′ Rafia 5,5 – Non disputa una brutta mezz’ora ma ha la sfortuna di deviare nella sua porta con una carambola incredibile il cross di Cambiaghi). 

Ramadani 6 – Un po’ impreciso rispetto al solito il regista del Lecce, che fatica a dare qualità alla manovra dei salentini e commette qualche errore di troppo. Sale di giri alla distanza e guadagna una sufficienza (86′ Kaba s.v.).

Gonzalez 5,5 – Prende un’ammonizione pesante dopo 4 minuti che gli fa saltare il prossimo turno ed al tempo stesso ne limita l’efficacia in fase difensiva in questo match. Al tempo stesso non sfigura nonostante il fardello del cartellino (70′ Blin 6 – 20 minuti più recupero di sostanza per il centrocampista del Lecce). 

Sansone 5,5 – Chance da titolare non sfruttata a pieno dall’esterno italiano. Buon lavoro in fase difensiva, mentre in attacco è più spento rispetto al solito e non riesce a trovare lo spunto vincente.

Banda 6,5 – Parte benissimo seminando il panico lungo l’out di destra. Col passare dei minuti la sua spinta però si affievolisce, fino al momento del tiro con cui trova la rete decisiva con l’enorme complicità di Berisha. 

Piccoli 5,5 – Buone occasioni non gliene capitano molte, ma quelle che ha le spreca. Non riesce a sfruttare come Sansone al massimo neanche lui la chance da titolare concessagli da D’Aversa (59′ Kristovic 6 – Non ha troppe chance di mettersi in luce nella mezz’ora a disposizione, ma è bravo a far respirare la squadra e farla salire guadagnando falli preziosi nei minuti finali).

Allenatore: Roberto D’Aversa 6 – Il suo Lecce non vince da molte partite e neanche al Castellani trova i 3 punti. Al tempo stesso la squadra pugliese trova un punto importante in trasferta contro una diretta concorrente per la salvezza, pareggio dunque da non disprezzare visto anche il finale in costante affanno. 

Dove vedere il calcio in streaming e come risparmiare

Su DAZN, al costo di 34,99 euro al mese, è possibile vedere tutte le partite della Serie A, la Serie B, l’Europa League e alcune partite della Conference League.

Sky ha la sua piattaforma streaming, Now TV, dove il Pass Sport, che include tre partite per turno della Serie A e tutta la Champions League e Serie B, costa 9,99 euro al mese.

Amazon Prime Video costa 4,99 euro al mese, e include tutti i servizi Prime oltre le migliori sedici partite della Champions League del mercoledì.

Bonus: come avere un abbonamento alle piattaforme streaming e risparmiare

Esistono alcuni servizi che consentono di condividere l’account delle migliori piattaforme streaming (DAZN, Now TV, Netflix, Prime Video, Disney Plus, ecc.) con altre persone e dunque di risparmiare sugli abbonamenti, parliamo di GamsGoGoSplit o CooSub. Grazie a GamsGo, GoSplit e CooSub è possibile acquistare, ad un prezzo irrisorio, un abbonamento condiviso con altri utenti in maniera facile, veloce e sicura.

LASCIA UN COMMENTO

Per favore inserisci il tuo commento!
Per favore inserisci il tuo nome qui