Le pagelle di Fiorentina-Napoli (2-2): 2 punizioni vincenti

0

L’anticipo della 37a giornata di Serie A tra Fiorentina e Napoli si conclude con un pirotecnico 2-2. Da segnalare due belle reti su punizione, calciate da Biraghi e Kvaratskhelia. Vantaggio partenopeo con Rrahmani, solissimao in area di rigore. La ribalta la Viola in 3′ con il capitano e Nzola, poi ci pensa il georgiano a rimettere tutto a posto. Un punticino che serve a poco a entrambe: i padroni di casa non blindano il quarto posto, i partenopei rischiano di salutare i sogni europei. A seguire le pagelle di Fiorentina-Napoli.

Le pagelle di Fiorentina-Napoli

Prima di analizzare le pagelle dei protagonisti di Fiorentina e Napoli, diamo un giudizio alla prova del direttore di gara.

Arbitro: Marchetti 5,5 –  Il fischietto di Ostia si fa ingannare concedendo inizialmente un rigore per un tocco di Lobotka su Belotti inesistente. Il VAR lo richiama e corregge la sua decisione. Per il resto, ordinaria amministrazione.

Pagelle Fiorentina

Terracciano 6 – Poco può sull’incornata di Rrahmani e sul gioiello di Kvaratskhelia. Bene nelle uscite, copre sul primo palo su Politano.

Dodo 6 – Parte col freno a mano tirato, anche per contenere l’estro di Kvara. Poi alza i giri del motore e si concede qualche sgroppata.

Milenkovic 6 – Non commette errori da matita blu, tiene bene le marcature e non lascia spazi per il grande ex Simeone.

Martinez Quarta 5,5 – Si perde completamente Rrahmani in occasione dello 0-1, non avanza palla al piede come in altre circostanze per dare manforte all’attacco. 

Biraghi 6,5 – Un bel calcio di punizione che allontana almeno per stasera le critiche dei suoi tifosi. Ingaggia anche un bel duello con Politano, spesso vinto (78′ Parisi s.v.).

Arthur 6 – Regia essenziale per il brasiliano, distribuisce palloni e limita l’azione del centrocampo partenopeo con buoni risultati (87′ Maxime Lopez s.v.).

Bonaventura 5,5 – Jack manca negli inserimenti e nell’incisività sotto porta, un po’ sottotono dopo una grandissima stagione. Probabilmente paga anche un po’ di stanchezza.

N. Gonzalez 6 – A corrente alternata, offre qualche traversone interessante ma è molto limitato dai difensori avversari. Chiaramente si tratta del giocatore di maggiore qualità e ci si attende sempre qualcosa di importante.

Beltran 5,5 – Lotta come di consueto ma i varchi dove colpire sono pochissimi. Galleggia tra la trequarti e la sua posizione naturale di centravanti senza riuscire a incidere (78′ Mandragora s.v.).

Kouamé 5,5 – Tanto fumo e poco arrosto. Sull’out di sinistra non combina molto con Biraghi, risulta inconcludente perdendo diversi palloni (67′ Ikoné 5,5 – La musica non cambia granché, non vive dei suoi consueti strappi).

Nzola 6,5 – Di prepotenza segna un bel gol che sembra quasi una liberazione. Sgomita per tutto il match e cerca di creare varchi che i compagni dietro non sfruttano (67′ Belotti 6 – La solita garra, spera di guadagnare un rigore ma la tecnologia cancella tutto).

 

Allenatore: Italiano 6 – Un sorriso a metà per quella che potrebbe essere la sua ultima apparizione al Franchi. La squadra reagisce con carattere allo svantaggio ed è punita dalla magia di Kvaratskhelia. I cambi non incidono più di tanto, avrà un altro match point per sigillare l’Europa. Oltre, ovviamente, all’atto finale nel Pireo.

Le pagelle di Fiorentina-Napoli (2-2): 2 punizioni vincenti

Pagelle Napoli

Meret 6 – Incolpevole sui gol subiti, reagisce bene sulle conclusioni dalla distanza e sulle uscite.

Mazzocchi 6 – In avanti si vede decisamente pochino, chiamato all’ultimo secondo a causa della gastroenterite Di Lorenzo. Gara di maggior contenimento.

Rrahmani 6,5 – Sblocca la gara con una delle specialità della casa, il colpo di testa. Guida la difesa con personalità.

Ostigard 6 – Il granitico centrale norvegese sa usare bene le maniere forti, ruvido ma composto. Dalle sue parti si passa raramente.

Olivera 6 – Come il suo dirimpettaio non porta particolari scorribande, tenta qualche combinazione isolata con Kvaratskhelia.

Cajuste 6 – Si affaccia in area di rigore in più di una circostanza, cercando la conclusione e supportando la manovra. Non demerita, certo Zielinski è ben altra sostanza. 

Lobotka 6 – Il pendolo slovacco a tratti sembra quello dell’anno passato, arginando tutte le manovre della Viola. Poi va un po’ in affanno e rischia tantissimo per un intervento in area inizialmente segnalato su Belotti. 

Zambo Anguissa 5,5 – Non è imperioso come di consueto, si nasconde tra le maglie avversarie e tocca pochi palloni. Un fattore che è mancato molto al Napoli in questa stagione tribolata.

Politano 5,5 – Regala il pallone del 2-1 a Nzola, si redime solo parzialmente con un legno colpito e maggiore incisività nella ripresa. Non basta (76′ Ngonge s.v.).

Simeone 5 – Colui che fece perdere il famoso scudetto in albergo agli azzurri fa scena muta. Stretto nella morsa, ha pochi palloni giocabili e si eclissa sempre di più. Si immaginava un ritorno diverso al Franchi (76′ Raspadori s.v.).

Kvaratskhelia 7 – Eccolo tornato il giocatore che tanto abbiamo ammirato nell’annata spallettiana. Confeziona un corner al bacio per Rrrahmani, prende tantissime iniziative e realizza un piazzato da sogno. Di fatto trascin tutto l’attacco partenopeo (86′ Lindstrom s.v.).

Allenatore: Calzona 6 – Sei gare senza vittoria e una speranza europea che si spegne sempre di più. L’aproccio è buono, capitombola e la riacciuffa con il colpo di uno dei suoi campioni. A tratto il gioco è avvolgente, ma manca di continuità nei 90 minuti. Nemmeno lui ha trovato il bandolo della matassa, il terzo allenatore vittima di tanti errori. 

Le pagelle di Fiorentina-Napoli (2-2): 2 punizioni vincenti

Dove vedere il calcio in streaming e come risparmiare

Su DAZN, al costo di 34,99 euro al mese, è possibile vedere tutte le partite della Serie A, la Serie B, l’Europa League e alcune partite della Conference League.

Sky ha la sua piattaforma streaming, Now TV, dove il Pass Sport, che include tre partite per turno della Serie A e tutta la Champions League e Serie B, costa 9,99 euro al mese.

Amazon Prime Video costa 4,99 euro al mese, e include tutti i servizi Prime oltre le migliori sedici partite della Champions League del mercoledì.

Bonus: come avere un abbonamento alle piattaforme streaming e risparmiare

Esistono alcuni servizi che consentono di condividere l’account delle migliori piattaforme streaming (DAZN, Now TV, Netflix, Prime Video, Disney Plus, ecc.) con altre persone e dunque di risparmiare sugli abbonamenti, parliamo di GamsGoGoSplit o CooSub. Grazie a GamsGo, GoSplit e CooSub è possibile acquistare, ad un prezzo irrisorio, un abbonamento condiviso con altri utenti in maniera facile, veloce e sicura.

LASCIA UN COMMENTO

Per favore inserisci il tuo commento!
Per favore inserisci il tuo nome qui