Le pagelle di Fiorentina-Twente (2-1): viola di misura

0

A un lustro dall’ultima volta, la Fiorentina torna a giocare in Europa. Lo fa all’Artemio Franchi, imponendosi per 2-1 sul Twente, gara di andata del preliminare di Conference League. La squadra di Vincenzo Italiano parte a 1000 trovando le reti di Gonzalez e Cabral, grazie a un ispiratissimo Sottil. Al 65′ Cerny dimezza lo svantaggio, aumentando la pressione, ma il punteggio non cambia più. Ai gigliati basterà un pari al De Grolsch Veste per passare il turno. Seguono le pagelle di Fiorentina-Twente.

Le pagelle di Fiorentina-Twente

Prima di analizzare le pagelle dei protagonisti di Fiorentina e Twente, valutiamo la prova del direttore di gara.

Arbitro: Stefanski 6,5- Il fischietto polacco è particolarmente abile a non farsi sfuggire la gara quando si incattivisce, estraendo più cartellini gialli. Regolare la rete olandese, assolutamente non facile da giudicare.

Pagelle Fiorentina

Terracciano s.v. – L’estremo difensore è sostanzialmente inoperoso, incolpevole sul 2-1. Ha vissuto decisamente giornate peggiori.

Venuti 6,5 – Tutto il suo orgoglio verso i colori viola emerge questa sera. Puntuale su tutti i ripiegamenti, affaccia il muso anche in avanti, offrendo delle soluzioni. Esce tra gli applausi (86′ Dodo s.v.).

Milenkovic 6,5 – Il serbo, fresco di rinnovo, gioca di anticipo e difficilmente si fa cogliere impreparato. Apre la strada a Cerny nel secondo tempo.

Nastasic 6 – Come il collega di reparto, non soffre eccessivamente, anche se rischia con dei passaggi da brivido, a rischio intercetto. Qualche licenza di troppo.

Biraghi 7 – La curva lo osanna. Lui li ripaga con un grandissimo aste con Sottil: assist nell’1-0 e avvio dell’azione nel 2-0. Il capitano gioca con poche sbavature dietro e tanta sicurezza in avanti.

Duncan 6 – Il ghanese svolge un lavoro sporco ma preziosissimo, disturbando la manovra e cercando di far circolare la sfera. Fa il suo (67′ Mandragora 6 – Entra nel momento di maggior appannamento, contribuisce al giro palla).

Amrabat 6,5 – Il marocchino è stato trasformato dalla cura Italiano. Cresce in leadership e guida un intero reparto, recuperando palloni molto importanti. Sarà difficile per l’ex Spezia fare a meno di lui.

Maleh 6 – Un po’ pasticcione in alcune circostanze, spesso non trova la forza per inserirsi. Qualche disattenzione nel finale, deve ancora trovare la migliore condizione.

Gonzalez 6,5 – L’argentino c’è al posto giusto nel momento giusto, quando si tratta di incornare la rete del vantaggio. Poi diverse giocate, difficilmente contenibile quando parte. Dovrà essere il valore aggiunto questa annata (86′ Kouamé s.v.).

Cabral 6,5 – Il brasiliano gioca molto per la squadra, sacrificandosi anche in fase di pressing. Risponde presente quando c’è bisogno della sua zampata per il 2-0, potrà dire la sua in una stagione ricca di impegni (69’Jovic 5,5 – Tocca pochi palloni, anche se il tempo per colpire non è molto).

Sottil 7,5 – Pennellate da artista, con il tacco a liberare Biraghi e il cross morbido per il 2-0 di Cabral. Ispiratissimo, è una vera spina nel fianco della retroguardia del Twente. Che sia l’anno dell’esplosione (61′ Ikoné 5,5 – Impacciato, non si rende mai pericoloso. Prevedibile)?

Allenatore: Italiano 6,5 – La sua squadra parte benissimo col suo modello di fabbrica, pressione alta e gran rete di passaggi. Prima frazione dominata, poi i ritmi calano e concede un gol che riapre la gara di ritorno. Buona la scelta su Sottil e Amrabat, gestisce i cambi al meglio. Ora manca l’ultimo step.

Le pagelle di Fiorentina-Twente (2-1): viola di misura

Pagelle Twente

Unnerstall 6 – Reattivo su Cabral, per il resto si disimpegna piuttosto bene, bravo nel mantenere la posizione.

Brenet 5 – Sottil è un cavallino imbizzarrito e contenerlo è un’impresa. In gran sofferenza, respira quando entra un meno ispirato Ikoné.

Pleguezelo 5,5 – Il centrale spagnolo vive una serata sbandato qua e là, sempre in mezzo alle reti subite. Jans comprende le difficoltà e lo sostituisce (46′ Hilgers 6 – Per il classe 2001 situazione più tranquilla, quando i viola spingono in misura minore).

Propper 6 – Il capitano prova a tenere in piedi il reparto difensivo, prendendosi qualche rischio ma sbagliando poco. Il più positivo dietro.

Smal 5,5 – Anche lui deve affrontare un cliente scomodo come Gonzalez, riuscendo  prenderne le misure quando forse è troppo tardi. In lieve crescita nella ripresa, quando sigla l’assist per il 2-1.

Zerrouki 5,5 – L’algerino non garantisce abbastanza filtro, riuscendo a toccare pochi palloni, nella morsa della pressione avversaria. Sa dare di più (90′ Steijn s.v.).

Sadilek 5 – Il vero punto di domanda della mediana olandese. Poco presente nelle azioni, tenta poche volte la giocata e risulta innocuo. Non cambia registro nemmeno nei secondi 45′.

Rots  5 – Completamente anomalo. Nessuno spunto degno di nota, rimane ingabbiato nella dfiesa viola e non ne esce. Resta negli spogliatoi (46′ Cerny 6,5 – Si butta benissimo nello spazio, trovando la rete che tiene aperte le porte della qualificazione).

Vlap 5,5 – Una punizione che fa venire i brividi a Terracciano e poco più. Prova a farsi valere con il fisico, ma la viola è più organizzata.

Misidjan 5,5 – Qualche strappo e poco altro, non riesce a dare continuità alla sua prestazione. Dal numero 10 ci si attende sempre qualcosa di più (76′ Tzolis s.v.).

Van Wolfswinkel 5- Bomber di esperienza, ha pochi palloni giocabili e sbatte contro il muro fiorentino. Non conclude mai, gara complessa.

Allenatore: Jans 6 – Soffre terribilmente nel primo tempo, costretto a giocare nella propria metà campo. Nella ripresa, tuttavia, azzecca i cambi e si regala l’opportunità di giocarsi tutto nella gara di ritorno. Non sempre lucido nella gestione dei momenti, ma dimostra di saper stare in partita.

Le pagelle di Fiorentina-Twente (2-1): viola di misura

LASCIA UN COMMENTO

Per favore inserisci il tuo commento!
Per favore inserisci il tuo nome qui