Le pagelle di Frosinone-Juventus (1-2): il ritorno di Vlahovic

0

La Juventus vince contro il Frosinone 2-1 e si rimette in sesto in attesa del Napoli e dello stop del Milan (poi vedremo le pagelle del match). La partita è stata decisa dai gol del giovane Yildiz e dal ritorno al gol di Dusan Vlahovic, dopo una settimana di critiche e di incessanti voci di mercato. Un buon Frosinone però ha saputo tenere testa alla seconda in classifica e si conferma un avversario di ottimo valore. Non è bastata la rete di Baez e l’estro di Soulè per ribaltare i pronostici. 

Le pagelle di Frosinone-Juventus

Prima di analizzare le pagelle dei giocatori e degli allenatori di Frosinone-Juventus, proponiamo quella sull’arbitro. 

Arbitro: Maurizio Mariani 7 – Buona gestione dei cartellini, ha lasciato correre il gioco e il VAR lo aiuta sul secondo gol di Vlahovic. Oggi pienamente promosso. 

Pagelle Frosinone

Turati 5,5 – Due gol forse evitabili, per quanto belli. Oggi gli tocca parte della responsabilità sulle due lacune difensive. Piccolo stop dopo comunque prestazioni esaltanti. 

Monterisi 5,5 – Le qualità del ragazzo stanno emergendo e si conferma una bella scoperta per questa stagione. Ma d’altro canto se da una parte c’è un meraviglioso assist per il gol di Baez, dall’altra però è complice di quelle sviste difensive su Yildiz e Vlahovic. 

Romagnoli 5 – Nella scena del crimine oggi sarebbe lui il colpevole di non essere riuscito a fermare Vlahovic. Un duello che vincerebbe in altezza, ma che in furbizia premia la voglia di riscatto del serbo. 

Lusuardi 6 – Altra bella scoperta di questo Frosinone e dopo la vittoria di Napoli questo giocatore può veramente contribuire a quest’ottima stagione. Tanta gestione e lucidità che possono solo portare ottimi risultati.

Lirola 5 – Pochi minuti di gioco in cui pesa l’essere diventato un birillo di Yildiz. Di Francesco lo sostituisce per infortunio (30′ Baez 7 – Dopo Napoli si riconferma in ottima forma e oggi punisce la Juventus. Primo gol da cornice e il Frosinone punterà sicuramente su questo ragazzo – 77′ Kvernadze s.v.).  

Brescianini 6 – Buon primo tempo in cui fa girare le scatole alla difesa bianconera, ma ne perdiamo le tracce nel secondo tempo. 

Barrenechea 5,5 – Sicuramente sotto la lente d’ingrandimento della dirigenza juventina di Allegri. Alterna momenti di crescita e dominio, ma oltre la trequarti non riesce a colpire come al Maradona.

Gelli 6 – Buona prestazione per intensità e ricerca del pallone, ma manca qualcosa in fase offensiva, dove potrebbe provare a contribuire e osare in meglio. 

Garritano 5 – Oggi non è sembrato lucido e concentrato. Quando capita così non puoi permetterti di lasciare un minimo di occasione a una squadra come Juve che vince per cinicità. 

Soulè 6,5 – Forse un po’ di rimpianto nell’averlo lasciato in prestito in Manna e Giuntoli c’è. Giocatore che se non segna, riesce comunque a darti noia e contribuire per la squadra. Crea lo spazio per permettere il gol di Baez e poi sfiora il possibile gol del sorpasso. 

Kaio Jorge 5,5 – Anche lui oggi sotto osservazione, ma non riesce a colpire. Ci delizia con qualche colpo di classe, ma oggi c’era da pretendere molto di più (Cheddira 4 – Decisivo in coppa, oggi assente. È lo strano caso di questo bomber marocchino dalle ottime qualità, ma che non sembra riuscire più a incidere al meglio).  

Allenatore: Eusebio Di Francesco 6 – La vittoria di Napoli ha un po’ fatto spendere le energie, ma ha comunque espresso un’ottima prestazione. C’è il rimpianto di non averla portata sul 2-1, perchè la Juventus ultimamente concede più del solito. 

Pagelle Juventus

Szszcesny 6 – Oggi male su Baez per un uscita forse troppo anticipata, ma riesce a salvare la Juventus sul pericolo di Harroui. 

Alex Sandro 6 – Probabilmente mezza tifoseria ha esultato, ma per Allegri è comunque un pezzo di squadra che sarà indisponibile. Esce per infortunio alla mezz’ora (30′ Gatti 6 – Oggi ha voluto provare il gol dell’ex, ma gli è mancato. Qualcosa da rivedere c’è e Allegri lo sa benissimo). 

Bremer 6,5 – Le parole sembrano non essere più a disposizione e tocca essere ripetitivi. Sempre più fortezza e muro impenetrabile di questa Juve per personalità e gestione. 

Danilo 5 – Oggi come a Genoa qualche errore c’è stato e non si può concedere. Male sul gol di Baez dove si fa trovare impreparato. 

Cambiaso 6 – Salterà la Roma per diffida e non è una buona notizia. Meno incisivo oggi, ma che comunque riesce a dare una mano alla difesa (69′ Weah 6,5 – Oggi un giocatore diverso rispetto a Genoa. Lucido e con la voglia di spaccare, infatti grazie a lui la Juve trova il gol del sorpasso).

McKennie 6,5 – Rivelazione assoluta della Juventus e oggi si guadagna gli applausi della sua gente. Un altro giocatore, un’altra testa, ma adesso gli manca solo il gol. Oggi poteva farlo epocale, ma lo premiamo lo stesso per quel cioccolatino servito a Vlahovic. 

Locatelli 6 – Sempre alle solite. Primo tempo anonimo e di sola flebile gestione. Nel secondo tempo deve uscire per infortunio (55′ Nicolussi Caviglia 6,5 – Le doti da regista ci sono, ma adesso starà ad Allegri dargli qualche chance in più. Se gioca lucido e tranquillo come nel finale può veramente fare la differenza in questa squadra). 

Rabiot 6 – Non è ancora al 100%, ma solo il sacrificio e la devozione per questa squadra fanno capire perchè è una colonna fondamentale per la Juventus. 

Kostic 5 – Oggi più contributo offensivo, ma manca quella lucidità nel concludere in porta. Male sul lancio di Monterisi che porta al gol di Baez (55′ Iling Junior 6 – Rispetto a Kostic oggi è veramente una ventata d’aria, ma ha bisogno di minuti per incidere. Ora gli manca solo essere decisivo, ma fargli fare un campionato in panchina è un grosso sbaglio). 

Yildiz 7 – Fenomenale! Finalmente Allegri lo lancia dal primo minuto e il turco ci delizia con un gol da copertina. Bravo, anche se la strada adesso è ancora più lunga e tenerlo in panchina sarà un sacrilegio (55′ Vlahovic 7 – Lo provocano, criticano e credono morto, ma lui aspetta il momento giusto per colpire e zittire. Oggi ha sicuramente più occasioni per segnare, ma quel gol di testa vale tanto mentalmente, perché lo rianima in vista del big match contro la Roma). 

Milik 6 – Sponde e troppa generosità. Sono doti di grande valore, ma anche lui dovrebbe giocare i suoi assi nella manica e deliziarci con qualche gol. Buona prova del polacco.

Allenatore: Massimiliano Allegri 6,5 – La Juventus deve imparare ad “ammazzare” l’avversario. È una squadra che ha valore, ma deve imparare a chiudere le partite e gestire il vantaggio. Su questo c’è da lavorare e nella gestione delle risorse. Iling Junior e Yildiz hanno bisogno di esprimersi e devono dare il loro contributo. Oggi tre punti importanti, ma se si vuole dare fastidio all’Inter servirà qualcosa in più.

Dove vedere il calcio in streaming e come risparmiare

Su DAZN, al costo di 34,99 euro al mese, è possibile vedere tutte le partite della Serie A, la Serie B, l’Europa League e alcune partite della Conference League.

Sky ha la sua piattaforma streaming, Now TV, dove il Pass Sport, che include tre partite per turno della Serie A e tutta la Champions League e Serie B, costa 9,99 euro al mese.

Amazon Prime Video costa 4,99 euro al mese, e include tutti i servizi Prime oltre le migliori sedici partite della Champions League del mercoledì.

Bonus: come avere un abbonamento alle piattaforme streaming e risparmiare

Esistono alcuni servizi che consentono di condividere l’account delle migliori piattaforme streaming (DAZN, Now TV, Netflix, Prime Video, Disney Plus, ecc.) con altre persone e dunque di risparmiare sugli abbonamenti, parliamo di GamsGoGoSplit o CooSub. Grazie a GamsGo, GoSplit e CooSub è possibile acquistare, ad un prezzo irrisorio, un abbonamento condiviso con altri utenti in maniera facile, veloce e sicura.

LASCIA UN COMMENTO

Per favore inserisci il tuo commento!
Per favore inserisci il tuo nome qui