Le pagelle di Genoa-Atalanta (1-4): che magie di De Ketelaere e Koopmeiners!

0

Dopo una serie di otto risultati utili consecutivi è costretto a capitolare questo pomeriggio il Genoa contro un’Atalanta in grande condizione. Nella sfida di Marassi valevole per la 24° giornata di Serie A, la Dea infligge un netto 4-1 al Grifone consolidando il quarto posto in classifica. Ad aprire le danze è il gol capolavoro di un De Ketelaere in grande spolvero e autore di una serie di giocate da urlo. Gli uomini di Gilardino reagiscono con il classico gol dell’ex di Malinovskyi, ma pochi minuti dopo è la magia su punizione di Koopmeiners ad ammutolire lo stadio. Nel finale, invece, i bergamaschi sfruttano le ripartenze in campo aperto trovando le reti del 3 e 4-1 definitivo con Zappacosta e El Bilal Touré al primo centro stagionale. Ecco le pagelle di Genoa-Atalanta.

Le pagelle di Genoa-Atalanta

Prima di analizzare insieme le pagelle dei protagonisti di Genoa-Atalanta, proviamo a dare una valutazione all’operato del direttore di gara.

Arbitro: Andrea Colombo 7 – Il fischietto della sezione di Como utilizza sin dall’inizio il pugno duro per mantenere la sfida sotto controllo. Estrae un giallo giusto a De Ketelaere dopo l’esultanza di provocazione verso la curva rossoblù per la prima rete della partita. Amministra il match al limite della perfezione prendendo decisioni quasi sempre corrette, evitando di spezzettare troppo il gioco. Con l’ausilio del VAR e dopo un’eternità, annulla per fuorigioco millimetrico il gol dell’1-3 di Scalvini.

Pagelle Genoa

Martínez 6 – Incolpevole sui due capolavori messi a segno da De Ketelaere e Koopmeiners, nega la gioia del gol del Pasalic con una grande parata su due tiri a porta sicura del croato. Pecca di precisione, però, nella costruzione dal basso. 

Vogliacco 5,5 – Accompagna molto nel corso della manovra da buon braccetto di difesa, ma del reparto è forse quello che soffre di più l’intraprendenza e la vivacità offensiva degli avversari (91′ Vitinha s.v.).

Bani 5,5 – Erige un vero e proprio muro al centro della difesa comandando con grande personalità il reparto. Un muro che, però, viene scavalcato dagli avversari alla mezz’ora causa gol imparabile di De Ketelaere. Prende sin da subito le misure su Scamacca non permettendo al centravanti nerazzurro di incidere a dovere. Anche lui, alla fine, è costretto a capitolare alla superiorità degli avversari.

Vázquez 5,5 – Prova a spaventare gli ospiti su situazione di corner, ma il suo colpo di testa trova la respinta di Carnesecchi. In fase difensiva si fa trovare pronto nell’arginare le sortite offensive della Dea dalla sua porzione di campo, ma nel finale -complice stanchezza- si rende protagonista in negativo sugli ultimi due gol degli ospiti.

Sabelli 6 – Spinge tanto sulla fascia facendo pressione sui portatori palla bergamaschi e proponendo ai suoi un paio di traversoni invitanti. Nonostante la sconfitta si guadagna una sufficienza in queste pagelle di Genoa-Atalanta (83′ Messias s.v.).

Strootman 5,5 – Inserito nell’undici titolare per dare esperienza in mezzo al campo, l’ex Roma si rende protagonista in negativo commettendo qualche sbavatura di troppo. Lento, macchinoso e fin troppo prevedibile (63′ Martín 6 – Garantisce maggiore corsa e profondità sulla sinistra entrando dalla panchina con coraggio e determinazione).

Badelj 6,5 – Durante i primi 45′ si comporta quasi da difensore aggiunto dando una preziosa mano in copertura. Avanza il suo raggio d’azione nella ripresa facendosi vedere di più in avanti, vestendo i panni dell’assist-man sull’azione della rete rossoblù (63′ Ekuban 5,5 – In gol nell’ultimo successo casalingo del Grifone, il ghanese entra per dare maggiore peso all’attacco genoano, ma non riesce mai ad essere servito a dovere).

Malinovskyi 7 – L’ucraino garantisce qualità sul rettangolo di gioco imbucando spesso e volentieri i suoi con precise verticalizzazioni. Nella ripresa dà prova delle sue grandi doti balistiche trovando la dura legge del gol dell’ex con una sassata imparabile per Carnesecchi.

Frendrup 6 – Inserito sull’out di sinistra, il danese dopo un primo tempo sottotono rientra dagli spogliatoi con un piglio diverso. Un suo tiro dalla distanza dà l’illusione ottica del gol spaventando i padroni di casa.

Gudmundsson 5 – Il capo-cannoniere del Grifone da vero pericolo numero 1, viene limitato dalla difesa lombarda senza mai riuscire a creare pericoli. Con l’ingresso di Ekuban a mezz’ora dalla fine, arretra sulla trequarti, ma il risultato non cambia. Sul finale ha la palla-gol del 2-2, ma Carnesecchi salva il risultato.

Retegui 6,5 – Con pochi palloni a disposizione l’italo-argentino vive un pomeriggio complicato, ma alla prima vera palla a disposizione va alla conclusione trovando i guantoni di un attento Carnesecchi. Ci riprova ad inizio ripresa lottando contro la difesa avversaria per ben due volte trovando ancora una volta i guantoni dell’estremo difensore nerazzurro.

Allenatore: Alberto Gilardino 6 – Il suo Genoa fa quel che può, ma alla fine è costretto ad arrendersi ad un’Atalanta superiore e in grande condizione. Nonostante il pesante k.o., il tecnico non può rimproverare niente ad una squadra capace di reagire allo svantaggio, e capace di creare qualche grattacapo agli avversari in diverse circostanze. Una sconfitta arrivata dopo una lunga serie di risultati utili consecutivi a dimostrazione di una stagione comunque positiva della compagine ligure.

Le pagelle di Genoa-Atalanta (1-4): che magie di De Ketelaere e Koopmeiners!

Pagelle Atalanta

Carnesecchi 6,5 – Protagonista di interventi alla portata, ad inizio secondo tempo è costretto agli straordinari su insidiosa conclusione di Retegui. Incolpevole sul potente macino dell’1-1 di Malinovskyi. Sul finale di rende determinante su tiro ravvicinato e a porta sicura di Gudmundsson.

Scalvini 6,5 – Dei centrali del terzetto difensivo atalantino il classe ’03 è quello che si propone di più in avanti alzando spesso il baricentro per aggredire i padroni di casa in fase di possesso. Trova anche il primo centro in campionato, ma gli viene annullato per fuorigioco (88′ Toloi s.v.).

Djimsiti 6 – Nonostante due clienti scomodi del calibro di Retegui e Gudmundsson, il centrale albanese riesce comunque a garantire sicurezza prendendosi sempre pochi rischi.

Kolasinac 6,5 – Garantisce esperienza e solidità al reparto rendendosi fondamentale soprattutto nell’arginare il forcing finale dei padroni di casa a difesa del risultato.

Holm 5,5 – Macina come sempre tanti chilometri sulla destra, ma i traversoni messi a disposizione degli attaccanti non creano grattacapi alla compagine genovese (58′ Zappacosta 7 – Una buona mezz’ora a disposizione per il n°77 autore del gol del definitivo 3-1 nel recupero su situazione di contropiede).

de Roon 6 – Solita partita di sostanza per il capitano di giornata dei bergamaschi sempre più punto di riferimento per Gasperini. Sufficienza meritata in queste pagelle di Genoa-Atalanta.

Pasalic 7 – Regala a De Ketelaere la palla del momentaneo 0-1 con una imbucata precisa. Valore aggiunto nell’organico a disposizione di Gasperini per la sua fondamentale duttilità, il croato gioca da vero centrocampista box-to-box servendosi spesso in area per creare densità. Ha anche la possibilità di entrare di nuovo a referto, ma Martínez abbassa la saracinesca in ben due occasioni.

Ruggeri 5,5 – Soffre la pressione alta condotta dai rossoblù mostrandosi in diverse circostanze insicuro e in confusione. Commette qualche sbavatura non da lui provando a farsi perdonare con un colpo di testa respinto dal portiere rossoblù (94′ Hateboer s.v.).

Koopmeiners 7 – Sfrutta il piatto forte della casa per riportare i suoi subito in vantaggio dopo il momentaneo 1-1. Il suo forte e delicato mancino su calcio di punizione batte l’estremo difensore spagnolo forse nel momento migliore della compagine ligure. Altra prova da incorniciare nonostante il forfait dell’ultimo turno.

De Ketelaere 7,5 – La compatta retroguardia rossoblù non permette al reparto offensivo di creare occasioni da gol, ma serve il talento del belga per sbloccare un difficile incontro. Con una magia sigla la sua terza rete di fila battendo un incolpevole Martínez con una forte conclusione di sinistro dalla distanza. Decisamente in stato di grazia, delizia in mezzo al campo con la sua notevole pulizia tecnica (58′ El Bilal Traoré 6,5 – Ancora alla ricerca della migliore condizione fisica, Gasperini punta sulla rapidità dell’ex Almeria per far male al Grifone in situazioni di ripartenza. Autore di troppi errori tecnici che non fanno felice il suo allenatore, si rifà siglando il suo primo gol con l’Atalanta colpendo di testa per chiudere definitivamente la pratica).

Scamacca 5,5 – Gioca molto con la squadra entrando spesso nel vivo della manovra come nell’azione del primo vantaggio. Ben contenuto da Bani, l’altro ex di serata non riesce mai a rendersi pericoloso dalle parti di Martínez (58′ Miranchuk 6,5 – In grande condizione, il trequartista russo scalda subito i guantoni del portiere rossoblù con una conclusione pericolosa. Nel finale ha la possibilità di entrare a referto, ma il suo tiro viene ancora respinto dal portiere genoano. Regala a Traoré il suo primo centro in maglia nerazzurra).

Allenatore: Gian Piero Gasperini 7,5 – Prosegue senza sosta la rincorsa dell’Atalanta verso la qualificazione in Champions League. In un campo difficile, l’altro grande ex dell’incontro sfrutta la freschezza fisica e mentale dei suoi per portare a casa una vittoria fondamentale. Nonostante qualche difficoltà di troppo ad inizio secondo tempo, decide di puntare sulle armi dalla panchina venendo premiato grazie alle reti dei subentrati Zappacosta e Touré. Il collettivo che prevale sulle individualità: questo il segreto del tecnico piemontese!

Le pagelle di Genoa-Atalanta (1-4): che magie di De Ketelaere e Koopmeiners!

Dove vedere il calcio in streaming e come risparmiare

Su DAZN, al costo di 34,99 euro al mese, è possibile vedere tutte le partite della Serie A, la Serie B, l’Europa League e alcune partite della Conference League.

Sky ha la sua piattaforma streaming, Now TV, dove il Pass Sport, che include tre partite per turno della Serie A e tutta la Champions League e Serie B, costa 9,99 euro al mese.

Amazon Prime Video costa 4,99 euro al mese, e include tutti i servizi Prime oltre le migliori sedici partite della Champions League del mercoledì.

Bonus: come avere un abbonamento alle piattaforme streaming e risparmiare

Esistono alcuni servizi che consentono di condividere l’account delle migliori piattaforme streaming (DAZN, Now TV, Netflix, Prime Video, Disney Plus, ecc.) con altre persone e dunque di risparmiare sugli abbonamenti, parliamo di GamsGoGoSplit o CooSub. Grazie a GamsGo, GoSplit e CooSub è possibile acquistare, ad un prezzo irrisorio, un abbonamento condiviso con altri utenti in maniera facile, veloce e sicura.

LASCIA UN COMMENTO

Per favore inserisci il tuo commento!
Per favore inserisci il tuo nome qui