Le pagelle di Genoa-Juventus (1-3): brillano le stelle bianconere

0
Le pagelle di Genoa-Juventus (1-3): brillano le stelle bianconere

La Juventus super il Genoa per 3-1 allo stadio Luigi Ferraris e conferma i 4 punti di vantaggio sulla Lazio, che aveva superato poco prima il Torino. Le stelle bianconere brillano nella notte di Marassi: ancora a segno Dybala e Cristiano Ronaldo, prima che Douglas Costa chiuda il conto. Tre gol di fattura pregevolissima che abbattono un Genoa apparso insicuro e poco convinto dei propri mezzi; il guizzo di Pinamonti nel finale non serve a riaprire la partita. Qui di seguito le pagelle di Genoa-Juventus 1-3.

Genoa-Juventus 1-3, le pagelle

Genoa

Perin 6 – Nel primo tempo risponde in qualche modo agli attacchi bianconeri, incolpevole sui 3 gol capolavoro nella ripresa.

Romero 5,5 – Dopo qualche tentativo di anticipo nei primi minuti affronta la partita in maniera troppo passiva.

Soumaoro 5 – Prestazione “grezza” del centrale della difesa genoana, ampi limiti tecnici che oscurano qualche chiusura rocciosa.

Masiello 5 – Soccombe a Dybala che lo mette in difficoltà nella sua zona, non riesce ad arginare le avanzate degli avversari.

Ghiglione 5 – Timido, non punta mai Danilo e supera raramente il centrocampo (dal ’62 Barreca 5,5 – Porta qualche azione propositiva in più, ma senza riuscire a sfondare).

Behrami 5 – Sfrutta male la sua grande corsa e va spesso fuori tempo, come nel gol del vantaggio Juve.

Schone 5,5 – Dà un misto di qualità e quantità, senza riuscire a fare bene nessuna delle due cose però (dal ’46 Lerager 5 – Non riesce a far filtro davanti alla difesa, il suo unito compito in teoria).

Sturaro 5,5 – Ha il merito di lottare con la sua fisicità, ma non va oltre qualche buona scivolata e sbracciata (dal ’75 Biraschi s.v.)

Cassata 5 – Timido come molti suoi compagni, si ritrova a giocare una partita di copertura e rincorsa senza mostrare le sue doti migliori (dal ’77 Pandev s.v.).

Favilli 5 – Non riesce a sfruttare a dovere la sua stazza per tenere su la squadra, rischia anche l’espulsione con due entrate evitabili (dal ’46 Sanabria 6 – Pimpante, cerca di dare una scossa all’intera squadra con la sua tecnica).

Pinamonti 6 – Surclassato dai centrali della Juve, riesce comunque a trovare un bel gol che poteva riaprire la partita nel finale.

All. Nicola 5 – La squadra sembra in confusione, alcune scelte sembrano rivedibili, come ad esempio la sostituzione di Schone o la posizione molto larga di Sturaro. 

Juventus

Szczesny 6 – Mai chiamato in causa fino al 75′; incolpevole sul gol, reattivo in uscita bassa poco dopo.

Cuadrado 6,5 – Solita prestazione propositiva in fase offensiva e attenta (e di qualità) nella linea difensiva. Impreciso nel gol.

de Ligt 6,5 – Fa valere la sua fisicità, nell’uno contro uno è stato praticamente insuperabile.

Bonucci 6,5 – Guida bene il reparto, dettando i tempi di gioco dalle retrovie.

Danilo 6 – Il fatto di giocare a sinistra ne limita le scorribande offensive; prestazione comunque ordinata.

Bentancur 7 – Sale in cattedra nella ripresa dove prende in mano il centrocampo, prestazione d’autorità.

Pjanic 6 – Spesso schermato e circondato dagli avversari riesce comunque a ritagliarsi qualche spazio per il fraseggio corto (dal ’74 Ramsey 5,5 – Retropassaggio da brividi, poteva costare caro).

Rabiot 6 – Prestazione onesta tutto sommato, anche se mancano sempre giocate degne di note (dall”83 Matuidi s.v.)

Bernardeschi 6 – Prova concreta senza tanti fronzoli, impegna Perin nel primo tempo (dal ’66 Douglas Costa 7 – Ha voglia di fare e lo dimostra: doppio passo e sinistro a giro sotto l’incrocio. Chapeau).

Dybala 7 – Ennesimo gol capolavoro che sblocca il risultato, sta diventando un’abitudine. In questo momento è il trascinatore della squadra (dall”83 Olivieri s.v.).

Cristiano Ronaldo 7 – Nel primo tempo è uno dei pochi a riuscire a trovare la porta, nel secondo si inventa un gol clamoroso con un siluro dai 25m (dal ’74 Higuain 6 – Si mette a disposizione per aiutare nella manovra). 

All. Sarri 7 – Piccoli passi avanti nel primo tempo, decisamente meglio nella ripresa. Palleggio più veloce e fluido, ma per sbloccare e segnare servono comunque le giocate raffinate dei singoli.

Dove vedere il calcio in streaming e come risparmiare

Su DAZN, al costo di 34,99 euro al mese, è possibile vedere tutte le partite della Serie A, la Serie B, l’Europa League e alcune partite della Conference League.

Sky ha la sua piattaforma streaming, Now TV, dove il Pass Sport, che include tre partite per turno della Serie A e tutta la Champions League e Serie B, costa 9,99 euro al mese.

Amazon Prime Video costa 4,99 euro al mese, e include tutti i servizi Prime oltre le migliori sedici partite della Champions League del mercoledì.

Bonus: come avere un abbonamento alle piattaforme streaming e risparmiare

Esistono alcuni servizi che consentono di condividere l’account delle migliori piattaforme streaming (DAZN, Now TV, Netflix, Prime Video, Disney Plus, ecc.) con altre persone e dunque di risparmiare sugli abbonamenti, parliamo di GamsGoGoSplit o CooSub. Grazie a GamsGo, GoSplit e CooSub è possibile acquistare, ad un prezzo irrisorio, un abbonamento condiviso con altri utenti in maniera facile, veloce e sicura.

LASCIA UN COMMENTO

Per favore inserisci il tuo commento!
Per favore inserisci il tuo nome qui