Le pagelle di Inter-Fiorentina (0-0): super Terracciano, Inter terza

0

Termina 0-0 la partita tra Inter e Fiorentina giocata a San Siro, un punto che costa momentaneamente il secondo posto ai nerazzurri, in favore dell’Atalanta, e che potrebbe permettere alla Juventus di festeggiare il nono scudetto consecutivo già nella giornata di domani.

Inter senza tante idee, come nella trasferta di Roma di qualche giorno fa, e probabilmente sprovvista dell’energia e degli stimoli mentali giusti. Nella serata “no” ci si mette anche la sfortuna: un super Terracciano e 2 legni di Lukaku e Sanchez negano il gol ai nerazzurri.

Fiorentina ordinata e compatta dietro, grande prova dell’intera retroguardia e sugli scudi il portiere Terracciano, che sta sostituendo l’infortunato Dragowski. Ribery e Chiesa guidano qualche ripartenza, Lirola manca il gol del colpaccio.

Procediamo quindi con le pagelle di Inter-Fiorentina 0-0.

Arbitro Giacomelli 6 – Metro di giudizio a volte permissivo e a volte più severo nella stessa partita, non ci sono episodi da segnalare.

Pagelle Inter

Handanovic 7 – Chiamato in causa due volte, si fa trovare prontissimo. Sicuro sul piazzato di Castrovilli, decisivo sull’inserimento di Lirola.

D’Ambrosio 6 – Partita principalmente di rincorsa sui possibili contropiedi viola (’70 Bastoni 6 – Tenuto a tenere su la linea il più possibile per tentare il forcing finale).

de Vrij 6 – Tiene bene Cutrone ad inizio gara (23′ Ranocchia 6 – Si trova spesso a correre all’indietro con la difesa, bella scivola nel finale su Kouame).

Godin 6 – Tiene la posizione, bravo nel finale a chiudere un contropiede pericoloso.

Candreva 6 – Molto attivo nei primi minuti, cala piano piano senza riuscire a trovare giocate interessanti (’69 Moses 6 – Movimenti e giocate standard, compitino).

Barella 6,5 – Il più dinamico della squadra, e anche quello che ci mette di più. 

Gagliardini 6 – Mette ordine al centrocampo senza mai rischiare troppo però (’76 Brozovic s.v.).

Young 5,5 – Non incide, a corto di fantasia.

Eriksen 6 – Molto bene nei primi 25 minuti di gara, poi inizia ad uscire dal vivo del gioco senza mai riuscire a tornarci.

Sanchez 5 – Palo pieno nell’unico acuto della sua gara. Non ha funzionato l’intesa con Lukaku (’69 Lautaro Martinez 5,5 – Qualche tiro impreciso e poco altro).

Lukaku 5,5 – Sicuramente più attivo del compagno di reparto, ma sbaglia decisamente troppo davanti a Terracciano. Errori che pesano.

Allenatore Conte 5 – Come a Roma si vedono poche idee e le solite trame di gioco; la difesa viola prende le misure e la squadra non passa. Sembrano siano anche venuti a mancare gli stimoli, che per le sue squadre sono quasi tutto.

Pagelle Fiorentina 

Terracciano 8 – Prende letteralmente tutto, e quando serve aiuto può contare sul palo e sulla traversa. Serata di grazia, migliore in campo.

Milenkovic 6,5 – La sua esplosività e fisicità sono determinanti nel tenere a bada gli attacchi dell’Inter nella sua zona di competenza.

Pezzella 7 – Amministra bene il reparto, calamita qualsiasi cross o palla sporca gli capiti a tiro.

Caceres 6,5 – Fa valere l’esperienza e la velocità quando serve metterci una pezza.

Venuti 6 – Partita diligente ed esclusivamente difensiva.

Duncan 6 – Bene nel recupero e nel palleggio nel primo tempo, inizia a calare nella ripresa (’58 Ghezzal 6 – Qualche giocata di fino sarebbe evitabile a centrocampo, ma assicura comunque la prestazione).

Badelj 5,5 – Non ha molto tempo e spazio per far girare la palla, non si vede molto (’76 Pulgar s.v.).

Castrovilli 6 – In una partita di corsa le dà e le prende. Ha sui piedi il possibile vantaggio, poteva fare meglio.

Dalbert 6 – Meglio quando si tratta di difendere, sempre attento su Candreva (’51 Lirola 6 – Offre più corsa, ha sul piede l’occasione per il vantaggio ma trova il muro Handanovic).

Cutrone 5,5 – Lotta tanto ma riesce a tenere su pochi palloni contro la fisicità di Godin e de Vrij (’58 Kouame 5 – Fisicamente c’è, ma sbaglia malamente due contropiedi nel finale che potevano essere decisivi).

Ribery 6 – Primo tempo di qualità, secondo meno lucido ma la squadra può sempre contare su di lui (’75 Chiesa 6 – Mette Lirola davanti al portiere nell’unica occasione che gli capita).

Allenatore Iachini 6,5 – Squadra ben organizzata e concentrata. Il reparto difensivo si dimostra affidabile e in un buon momento; bravo a preparare le controffensive agli attacchi dell’Inter e a giocarsi la partita sul possesso e contropiede.

Dove vedere il calcio in streaming e come risparmiare

Su DAZN, al costo di 34,99 euro al mese, è possibile vedere tutte le partite della Serie A, la Serie B, l’Europa League e alcune partite della Conference League.

Sky ha la sua piattaforma streaming, Now TV, dove il Pass Sport, che include tre partite per turno della Serie A e tutta la Champions League e Serie B, costa 9,99 euro al mese.

Amazon Prime Video costa 4,99 euro al mese, e include tutti i servizi Prime oltre le migliori sedici partite della Champions League del mercoledì.

Bonus: come avere un abbonamento alle piattaforme streaming e risparmiare

Esistono alcuni servizi che consentono di condividere l’account delle migliori piattaforme streaming (DAZN, Now TV, Netflix, Prime Video, Disney Plus, ecc.) con altre persone e dunque di risparmiare sugli abbonamenti, parliamo di GamsGoGoSplit o CooSub. Grazie a GamsGo, GoSplit e CooSub è possibile acquistare, ad un prezzo irrisorio, un abbonamento condiviso con altri utenti in maniera facile, veloce e sicura.

LASCIA UN COMMENTO

Per favore inserisci il tuo commento!
Per favore inserisci il tuo nome qui