Le pagelle di Inter-Getafe (2-0): Lukaku-Eriksen, Inter ai quarti

0

L’Inter batte per 2-0 il Getafe a Gelsenkirchen e si qualifica così per i quarti di finale di Europa League; partita combattuta e per niente facile per gli uomini di Conte. Decidono Lukaku (al trentesimo gol stagionale) ed Eriksen. Sull’1-0 il Getafe sbaglia un rigore che avrebbe potuto cambiare il corso della partita.

L’Inter ha saputo soffrire nei primi quindici minuti di gioco per poi uscire alla distanza e imporre la sua qualità; bene la difesa, Barella qualità e quantità, Lukaku trascinatore assoluto. I nerazzurri giocheranno la partita dei quarti di finale lunedì.

Il Getafe fa valere la sua grinta e la voglia di pressare alto. Quando l’Inter viene fuori si iniziano a vedere le differenze tecniche e gli spagnoli capitolano; Cucurella si mette in mostra, l’ingresso di Molina è disastroso. Male i due centrali di difesa.

Qui di seguito le pagelle di Inter-Getafe 2-0

Pagelle Inter

Handanovic 6,5 – Decisivo ad inizio gara e attento nel finale. Una sicurezza.

Godin 6 – Partita attenta e precisa nonostante il fallo di mano che regala il rigore agli spagnoli.

de Vrij 6,5 – Risponde presente ai numerosi cross degli avversari, sorveglia bene il centro dell’area.

Bastoni 7 – Dai suoi piedi nascono i due gol, regista inaspettato delle migliori azioni offensive.

D’Ambrosio 6 – Soffre Cucurella ma risponde colpo su colpo in fase offensiva (84′ Biraghi s.v.)

Barella 7 – Avanti e indietro a centrocampo, instancabile. Partita di grandissima sostanza.

Brozovic 6 – Non si vede molto, ma quando riesce a dettare il tempo la differenza si nota (82′ Eriksen 6,5 – Puntuale, entra e segna). 

Gagliardini 6 – Buon lavoro tattico e di guardia.

Young 5,5 – Si vede troppo poco, non fa valere la sua qualità.

Lukaku 7,5 – La sua fisicità domina i difensori spagnoli. Sempre fondamentale nello sviluppo dell’azione e nella finalizzazione.

Lautaro Martinez 6,5 – Due buone occasioni dal limite, quando riesce a dialogare con Lukaku i due creano ottime azioni (70′ Sanchez 6 – Ingresso concentrato, fa bene il suo lavoro).

Allenatore Conte 6,5 – Vittoria che mette in pausa giorni di pesanti (e ingiustificate) polemiche. Resiste agli attacchi degli spagnoli per poi far valere la superiore qualità tecnica.

Pagelle Getafe

Soria 6,5 – Decisivo su Lautaro, fa quello che può. Impreciso solo con i piedi.

Suarez 5,5 – Ottimo inizio, mette in difficoltà Young. Poi cala piano piano e non riesce a pungere. 

Djene 4 – Quando gli attaccanti dell’Inter si muovono bene va in totale confusione. Disastroso sul gol di Eriksen.

Etxeita 4,5 – Esce malconcio dal duello con Lukaku, in costante affanno.

Olivera 5 – Tanta voglia di correre e lottare ma non è abbastanza (88′ Portillo s.v.)

Arambarri 5,5 – Guida il pressing dei suoi con la grinta che caratterizza la squadra, ma la qualità latita (88′ Duro s.v.).

Timor 5,5 – Tanta quantità anche per lui, ma i suoi lanci sono quasi sempre sbagliati. 

Nyom 5 – Inizio sprint grazie all’esplosività fisica, poi cala di ritmo e mostra evidenti limiti tecnici (69′ Jason 5,5 – Numerosi cross sperando che succeda qualcosa, che in effetti stava per succedere).

Maksimovic 5,5 – Nel momento migliore dei suoi si mette in mostra con gli inserimenti, poi cala drasticamente (56′ Angel 5,5 – Porta energia fresca in campo ma sbatte spesso contro il muro nerazzurro).

Cucurella 7 – I suoi spunti sono la cosa migliore che il Getafe può offrire, da tenere d’occhio.

Mata 5,5 – Difficile farsi notare tra i giganti della difesa nerazzurra; qualche azione di manovra e un colpo di testa. Non è freddo negli ultimi metri (’69 Molina 4 – Ha la possibilità di pareggiare la partita ma calcia un rigore inguardabile).

Allenatore Bordalas 5,5 – Quando la grinta e la corsa vengono meno diventa più difficile tenere testa all’Inter. Se l’è comunque giocata nonostante le differenze qualitative.

Dove vedere il calcio in streaming e come risparmiare

Su DAZN, al costo di 34,99 euro al mese, è possibile vedere tutte le partite della Serie A, la Serie B, l’Europa League e alcune partite della Conference League.

Sky ha la sua piattaforma streaming, Now TV, dove il Pass Sport, che include tre partite per turno della Serie A e tutta la Champions League e Serie B, costa 9,99 euro al mese.

Amazon Prime Video costa 4,99 euro al mese, e include tutti i servizi Prime oltre le migliori sedici partite della Champions League del mercoledì.

Bonus: come avere un abbonamento alle piattaforme streaming e risparmiare

Esistono alcuni servizi che consentono di condividere l’account delle migliori piattaforme streaming (DAZN, Now TV, Netflix, Prime Video, Disney Plus, ecc.) con altre persone e dunque di risparmiare sugli abbonamenti, parliamo di GamsGoGoSplit o CooSub. Grazie a GamsGo, GoSplit e CooSub è possibile acquistare, ad un prezzo irrisorio, un abbonamento condiviso con altri utenti in maniera facile, veloce e sicura.

LASCIA UN COMMENTO

Per favore inserisci il tuo commento!
Per favore inserisci il tuo nome qui