Le pagelle di Italia-Olanda (1-1): Immobile sprecone

0

Analizziamo le pagelle di Italia-Olanda. Un pari che non accontenta nessuna delle due, scavalcate dalla Polonia che balza in vetta al gruppo 4 di Nations League. Gli Azzurri al 16′ passano in vantaggio grazie a Pellegrini, ma undici minuti dopo Van De Beek firma il pareggio. Da lì in poi occasioni da una parte e dall’altra, ma il punteggio non cambia. A seguire le pagelle di Italia-Olanda.

Arbitro: Taylor 6 – Nega due rigori all’Olanda, ma forse è giusto così. Manca un giallo a Chiellini per un intervento a gamba tesa, giusti gli altri gialli. Ecco le pagelle di Italia-Olanda.

Pagelle Italia

Donnarumma 6,5 – Solita sicurezza nelle uscite, provvidenziale in un diagonale insidioso di Depay, in cui la toglie dall’angolino.

D’Ambrosio 5,5 – Nella prima frazione si propone più del solito, ma dalla sua parte soffre eccessivamente le avanzate orange. Cambiamento di modulo per sostenerlo.

Bonucci 6 – Preciso nelle chiusure, prova a illuminare la scena coi suoi lanci. Nella ripresa ha una colossale occasione ma non è fortunato.

Chiellini 6,5 – Si era sentita la sua mancanza. Le prende praticamente tutte, ci mette più volte una pezza nelle situazioni più intricate.

Spinazzola 5,5 – Stasera è un po’ troppo timido. Inizialmente poco servito, nella seconda parte prende coraggio ma manca la precisione.

Verratti 5,5 – Inizia bene con un bell’assist a Pellegrini. Poi però perde le misure e soffre la forza di F. De Jong e Van de Beek (53′ Locatelli 5,5 – Un po’ confusionario, gioca con minore lucidità rispetto alle altre uscite).

Jorginho 5 – Grande assente della serata. Non si sente la sua presenza in cabina di regia e si fa risucchiare dal centrocampo avversario.

Barella 7 – Uomo ovunque. Recupera, va in difesa, scatta, ha pure il modo di servire un passaggio da urlo a Pellegrini per l’1-0. Si è preso questa Nazionale con decisione.

Chiesa 5,5 – Continua il periodo di appannamento. Ha buona volontà ma è spesso inconcludente. Non si ricorda un suo spunto (55′ Kean 6 – meglio rispetto al compagno. Prova a mordere e in velocità è bravo, ma un po’ fumoso nella rifinitura).

Immobile 4,5 – Nel primo tempo impegna severamente Cillessen. Imperdonabile, però, l’errore del secondo tempo a tu per tu con il portiere. Quanto può starci in questa Nazionale?

Pellegrini 6,5 – Diversamente dal rivale laziale, non sbaglia il tocco per il vantaggio. Poi lotta e si spegne alla distanza (72′ Florenzi 6 – Break improvvisi e buoni scatti, qualcosa di positivo c’è).

Allenatore: Mancini 6 – Strappa un punto a una squadra con fisicità importante, salvo poi andare in affanno in alcuni frangenti. Perché, però, lasciare in panca un giocatore in forma come Caputo? 

Pagelle Olanda

Cillessen 7 – Una muraglia. Bravo due volte su Immobile per chiudere lo specchio. Sempre attento.

De Vrij 6 – Conosce il calcio italiano e si vede. Dà anche supporto alla manovra offensiva. Mezzo voto in meno per il piazzamento erroneo nel primo gol.

Van Dijk 6,5 – Sempre guardingo, Immobile non ha mai vita facile con lui. Il leader della retroguardia.

Aké 7 – Il ragazzo cresce sempre più. Capacità di anticipo e lettura difensiva, oltre a tanto agonismo. Si sta confermando.

Hateboer 5,5 – Tagliato secco nella rete, nel secondo tempo sbaglia un controllo che regala un’autostrada a Immobile. Per sua fortuna, graziato.

Van De Beek 6,5 – Presenza imponente in mezzo al campo, sfrutta un rimpallo per siglare l’1-1. Al posto giusto nel momento giusto.

F. De Jong 7 – Straripante. Regala spesso la superiorità numerica ai suoi, domina in mediana e difficilmente fa cose banali. Predestinato.

Wijnaldum 6 – Forse meno ficcante rispetto ad altre uscite, ma rimane un metronomo spesso volto anche agli inserimenti.

Blind 6,5 – La mossa di De Boer funziona. Sulla fascia dà grande apprensione e guadagna spesso il fondo per il cross. Sugli scudi anche dietro (77′ Veltman – s.v.).

L. De Jong 5,5 – Si nota veramente poco. Troppo statico, non riceve mai palloni utili ma lui non fa molto per farsi notare.

Depay 6,5 – Il suo diagonale impegna severamente Donnarumma. Svaria su tutto il fronte d’attacco e non dà punti di riferimento. L’avvio di stagione prosegue a gonfie vele (92′ Babel – s.v.).

Allenatore: De Boer 6,5 – Studia bene il match e propone una squadra totalmente diversa dall’andata. Il centrocampo funziona bene e la squadra non si scompone dopo il gol subito, anzi. Manca il guizzo vincente finale, per lui possibile riscatto.

Dove vedere il calcio in streaming e come risparmiare

Su DAZN, al costo di 34,99 euro al mese, è possibile vedere tutte le partite della Serie A, la Serie B, l’Europa League e alcune partite della Conference League.

Sky ha la sua piattaforma streaming, Now TV, dove il Pass Sport, che include tre partite per turno della Serie A e tutta la Champions League e Serie B, costa 9,99 euro al mese.

Amazon Prime Video costa 4,99 euro al mese, e include tutti i servizi Prime oltre le migliori sedici partite della Champions League del mercoledì.

Bonus: come avere un abbonamento alle piattaforme streaming e risparmiare

Esistono alcuni servizi che consentono di condividere l’account delle migliori piattaforme streaming (DAZN, Now TV, Netflix, Prime Video, Disney Plus, ecc.) con altre persone e dunque di risparmiare sugli abbonamenti, parliamo di GamsGoGoSplit o CooSub. Grazie a GamsGo, GoSplit e CooSub è possibile acquistare, ad un prezzo irrisorio, un abbonamento condiviso con altri utenti in maniera facile, veloce e sicura.

LASCIA UN COMMENTO

Per favore inserisci il tuo commento!
Per favore inserisci il tuo nome qui