Le pagelle di Juventus-Lazio (2-1): Juve, lo Scudetto è più vicino

0

La Juventus batte la Lazio per 2-1 e conquista tre punti fondamentali nella corsa Scudetto; la doppietta di Cristiano Ronaldo porta i bianconeri a otto punti di vantaggio sull’Inter seconda in classifica, a sole quattro giornate dal termine. Il nono Scudetto consecutivo adesso è veramente vicino. 

La Lazio continua la serie negativa già intrapresa da qualche giornata, e incappa nella quarta sconfitta nelle ultime cinque partite, dopo quelle contro Milan, Lecce e Sassuolo; squadra stanca, rosa ridotta all’osso tra infortuni e squalifiche e morale che sembra sempre più basso. Serve solo alla classifica marcatori il gol nel finale di Ciro Immobile.

Qui di seguito le pagelle di Juventus-Lazio 2-1.

Arbitro Orsato 6 – Partita senza episodi discutibili, il VAR vede un rigore (fallo di mano di Bastos) che ad occhio nudo sarebbe stato quasi impossibile da segnalare. Inizia a tirare fuori qualche giallo un pochino troppo tardi.

Pagelle Juventus 

Szczesny 6,5 – Dopo una partita relativamente tranquilla è costretto a calare la grande parata su Milinkovic nel finale. Attento.

Cuadrado 5,5 – Impreciso, sbaglia molti appoggi corti specialmente nel primo tempo e fatica a tenere Anderson.

Bonucci 4,5 – Timido nell’occasione del palo di Immobile e disastroso con l’intervento nel finale che rischia di compromettere la partita dei suoi.

de Ligt 6 – Non ha grossi problemi a tenere Caicedo e Immobile.

Alex Sandro 6 – Partita diligente, non concede molto a Lazzari che era un cliente difficile.

Ramsey 5 – Prova qualche inserimento, ma non riesce a lasciare un impatto sul gioco della Juve e sul match (’57 Matuidi 5,5 – Offre la sua solita corsa ma non molto altro).

Bentancur 5,5 – Un altro errore in uscita che poteva costare caro, il palo colpito da Immobile lo salva. Per il resto tanta corsa e pressing.

Rabiot 6,5 – Fa sentire il fisico nel centrocampo e dimostra una buona forma fisica con qualche cavalcata in stile San Siro.

Douglas Costa 5 – Non fa valere la sua velocità, non tenta quasi mai dribbling importanti. Sbaglia molte giocate da fermo (’57 Danilo 6 – Concentrato, tiene per lo più la posizione).

Dybala 7 – Chiamato in campo per il problema ad Higuain nel riscaldamento, dimostra la solita classe e qualità da vendere. Crea scompiglio nella difesa laziale e regala a Ronaldo la doppietta (’89 Rugani s.v.)

Cristiano Ronaldo 7,5 – Glaciale dal dischetto, opportunista davanti al portiere e leader carismatico nel tenere alta la concentrazione dei compagni.

Allenatore Sarri 6,5 – Concede poco e niente al gioco laziale, escludendo i brividi nel finale. L’esclusione di Dybala avrebbe destato dubbi, ma questa, grazie all’infortunio di Higuain, è un’altra storia.

Pagelle Lazio 

Strakosha 6 – Incolpevole sui gol e poco altro da segnalare.

Bastos 5 – Il suo stile aggressivo lo esalta nel primo tempo e lo condanna nella ripresa. Causa il rigore con il braccio larghissimo e soffre quando Dybala e Ronaldo sono lì intorno.

Luiz Felipe 4,5 – Gioca un ottimo primo tempo, ma vanifica la sua prova e la prestazione della Lazio con un errore madornale che porta al 2-0 (’89 Falbo s.v.)

Acerbi 5,5 – Ultimo a mollare, ma anche per lui la condizione non è quella migliore. 

Lazzari 5,5 – Riesce a superare Alex Sandro solo una volta, meno pungente del solito (’89 Moro s.v.)

Milinkovic-Savic 5,5 – Innegabile che i problemi fisici lo stiano frenando nelle ultime settimane, si vede poco. Impegna Szczesny da fermo.

Cataldi 5,5 – Trova poche trame di gioco, merito del traffico creato dal centrocampo bianconero (’75 A. Anderson 6 – Un bel guizzo e un bel tiro costringono Szczesny ad un buon intervento).

Parolo 5,5 – Si vede troppo poco, la corsa e la lotta non sono abbastanza quando sei chiamato a sostituire Luis Alberto.

D. Anderson 6 – Nel primo tempo è uno dei migliori, contando anche che viene schierato fuori ruolo (’66 Vavro 6 – Qualche sportellata a difendere l’area di rigore).

Caicedo 5 – Impalpabile, viene gestito facilmente da Bonucci e de Ligt (’66 Adekanye 5 – Non lascia tracce col suo ingresso).

Immobile 7 – Il palo lo ferma nel primo tempo, ma non smette di crederci. Si conquista il rigore e fa 30 in campionato.

Allenatore Inzaghi 5,5 – Con una rosa ridotta all’osso non può inventarsi più di tanto. Se ci si mettono errori individuali come quelli di Luiz Felipe si fa ancora più dura. La cosa peggiore è che la squadra sembra esausta anche a livello psicologico, e questo è un qualcosa su cui si può lavorare.

Dove vedere il calcio in streaming e come risparmiare

Su DAZN, al costo di 34,99 euro al mese, è possibile vedere tutte le partite della Serie A, la Serie B, l’Europa League e alcune partite della Conference League.

Sky ha la sua piattaforma streaming, Now TV, dove il Pass Sport, che include tre partite per turno della Serie A e tutta la Champions League e Serie B, costa 9,99 euro al mese.

Amazon Prime Video costa 4,99 euro al mese, e include tutti i servizi Prime oltre le migliori sedici partite della Champions League del mercoledì.

Bonus: come avere un abbonamento alle piattaforme streaming e risparmiare

Esistono alcuni servizi che consentono di condividere l’account delle migliori piattaforme streaming (DAZN, Now TV, Netflix, Prime Video, Disney Plus, ecc.) con altre persone e dunque di risparmiare sugli abbonamenti, parliamo di GamsGoGoSplit o CooSub. Grazie a GamsGo, GoSplit e CooSub è possibile acquistare, ad un prezzo irrisorio, un abbonamento condiviso con altri utenti in maniera facile, veloce e sicura.

LASCIA UN COMMENTO

Per favore inserisci il tuo commento!
Per favore inserisci il tuo nome qui