Le pagelle di Juventus-Monza (2-0): l’ultima perla di Alex Sandro

0

Riportiamo le pagelle integrali del match dell’ultimo turno di Serie A tra la Juventus e il Monza. Il suggestivo impianto dell’Allianz Stadium di Torino accoglie in campo i padroni di casa dei bianconeri e gli ospiti del giovane tecnico Raffaele Palladino. La prima frazione di gioco ha messo in evidenza il buon pressing con il cambio tattico apportato dal traghettatore della panchina di Madama, ossia Paolo Montero. La trazione offensiva del 3-4-3 ha dato modo alla Juventus di andare in vantaggio sul 2-0 nel giro di pochissimi minuti nel cuore dei primi quarantacinque minuti. In rete Federico Chiesa e colui che saluterà la squadra al termine della stagione dopo nove anni: il brasiliano Alex Sandro. Il secondo tempo del match ha registrato alti ritmi nonostante non siano stati registrati altri gol. Né da una parte né dall’altra. Il Monza ha tentato di riaprire la partita ma nulla di fatto.

Le pagelle di Juventus-Monza

Prima di andare ad analizzare le pagelle di giocatori ed allenatori di Juventus e Monza, tuttavia, riportiamo la singola prestazione del direttore di gara (o in questo specifico caso, direttrice).

Arbitro: Maria Sole Ferrieri Caputi 7,5 – Una prova di grandissimo calibro ed orgoglio quella messa a referto a Torino. Ha sempre tenuto ferreamente il comando della gara tra le proprie mani, sia con la concessione paritaria e coerente di falli e cartellini da una parte e dall’altra, sia in quanto a gestione di alcuni battibecchi in campo tra i calciatori di Juventus e Monza. Giusto controllare il VAR al termine della sfida per un possibile calcio di rigore a favore degli ospiti. Ancora più eccellente, però, è stato ravvisare un fallo da parte dei biancorossi all’inizio della stessa azione.

Pagelle Juventus

Perin 6 – Non è stato particolarmente chiamato in causa nei quarantacinque minuti giocati in campo. Ha gestito in maniera ottimale il pressing sugli attaccanti avversari dei propri difensori. Sempre molto educato con la palla tra i piedi e pronto costantemente a far avanzare i suoi in profondità con lanci lunghi sulla boa d’attacco Milik (45′ Pinsoglio 7 – Gli unici quarantacinque minuti della stagione del terzo portiere bianconero sono stati da incorniciare. E il pubblico torinese è stato dello stesso avviso. Con più di qualche grande parata ha tenuto inviolata la porta della Juventus. Ancora una volta Pinsoglio si è reso disponibile con classe).

Danilo 7 – Il capitano bianconero è ormai sempre più conscio del proprio status tra le fila di Madama. Eccellente ogni volta che è stato chiamato in causa per bloccare una pericolosa ripartenza degli avversari in maglia rossa. Il brasiliano ha, inoltre, gestito con esperienza e saggezza la palla quando in proprio possesso. Facendo girare più velocemente la Juventus in impostazione.

Rugani 6 – Ogni volta che solca il terreno di gioco dà sempre il massimo per i colori e per la maglia. Anche in occasione dell’ultima sfida di Serie A contro il Monza il numero 24, fresco di rinnovo con la Vecchia Signora, ha portato a termine una prova sufficiente. Fatta di buone letture difensive e padronanza del ruolo. Rimarrà un pilastro della formazione anche nei successivi anni.

Alex Sandro 7,5 – Un saluto perfetto allo stadio dopo nove anni di permanenza in bianconero. Alla sua ultima gara con la Juventus compie una partita difensivamente impeccabile. Arricchita, inoltre, dal bel gol da calcio d’angolo grazie alla classica incursione sul primo palo. La chiusura perfetta e romantica di una storia d’amore turbolenta, ma pur sempre d’amore (73′ Djalo 6,5 – Dopo più di un anno e due mesi il portoghese torna a solcare un campo da calcio. L’ultima volta vestiva ancora la maglia del Lille, il suo ex club. Il rientro sul terreno di gioco è stato molto positivo. Nei pochi minuti a disposizione Djalo ha occupato la zona sinistra della difesa a tre bianconera. Riuscendo pure a rendersi pericoloso in avanti con interessanti galoppate nello spazio).

Weah 6 – L’esterno statunitese della Juventus in occasione della sfida al Monza è stato chiamato a ricoprire un ruolo di grande sacrificio. Ha dovuto difendere in fase di non possesso ed attaccare con velocità quando i bianconeri erano pronti a ribaltare il fronte. Questo ha creato alcuni problemi di fiato al ragazzo. Anche se nel complesso Weah si è decisamente dimostrato all’altezza.

Alcaraz 5,5 – Non una partita particolarmente entusiasmante quella del calciatore attualmente in prestito dal club inglese del Southampton. Probabilmente questa chiamata tra i titolari sapeva di ultima occasione per sorprendere la società e mettere la medesima nella posizione di valutare un suo possibile impiego anche per la prossima stagione. Rispetto alle scorse sfide di certo Alcaraz ha avuto più spigliatezza in mezzo al campo. Ma ancora nulla da sottolineare come importante o pericoloso.

Fagioli 6,5 – Il centrocampista di mister Montero ha giocato la sua prima partita da titolare dopo un anno difficile fuori dal campo per colpa della squalifica di settembre 2023. Si ripresenta ai suoi tifosi subito nel migliore dei modi. Facendosi campo in mezzo al terreno di gioco con giocate di classe e passaggi in profondità molto pericolosi. Da sottolineare, poi, il bell’assist da calcio d’angolo per l’incornata di testa di Alex Sandro (80′ Nicolussi-Caviglia s.v.).

Iling-Junior 6,5 – L’inglese ha dimostrato di essere un bravissimo incursore grazie alla propria velocità e classe con il pallone tra i piedi. Allo stesso tempo il ruolo da esterno a tutta fascia di sinistra ha evidenziato delle carenze in fase di ricucitura difensiva. Ma questo era decisamente preventivabile. Il giovane prodotto della Next Gen, però, si è messo in gioco per novanta minuti dimostrando un buonissimo stato di forma in vista della prossima stagione.

Chiesa 7,5 – Quella che poteva essere la partita perfetta del numero 7 è stata ancora una volta sporcata da un pizzico di sfortuna. Di fatto, dopo aver aperto le marcature del match con il bel gol in solitaria dell’1-0 Chiesa si è procurato altre occasioni per raddoppiare la gioia personale. In una di queste l’italiano ha stampato in pieno l’incrocio dei pali con una pennellata da fuori area. In un’altra, invece, una grandissima parata a mano aperta di Sorrentino si è opposta al gol.

Milik 5,5 – Il polacco ha gestito bene la propria zona di campo. Abbassandosi a dovere per aprire i giusti spazi in profondità ai velocisti Chiesa e Yildiz. Tuttavia, molto poca, se non nulla, la pericolosità dalle parti di Sorrentino. Si è, inoltre, spesso allontanato dal fulcro del gioco, non riuscendo ad uscire dalla marcatura stretta attuata nei propri confronti. Poteva fare certamente di meglio per meritarsi la sufficienza (73′ Vlahovic 6 – Subentra con la giusta carica per ricoprire il ruolo da boa occupato da Milik per più di settanta minuti. Riuscendo anche piuttosto bene nell’intento. Manca l’appuntamento con il gol, anche se in una situazione di doppio vantaggio nella quale la Juventus ha dovuto per lo più difendersi non ci si poteva aspettare diversamente).

Yildiz 5,5 – Il turco contro il Monza ha tentato in più modi a far brillare la propria stella in cielo. Senza, però, riuscirci come sperato. I suoi strappi con la palla al piede fulminei sono stati fondamentali per le ripartenze arrembanti dei bianconeri. Anche se in occasione delle due reti della Juventus il suo zampino non è stato messo. Nel secondo tempo si è trovato in più di qualche occasione alle discussioni di campo con Izzo, perdendo la concentrazione.

Allenatore: Montero 7 – Il suo compito dopo l’esonero anticipato di mister Massimiliano Allegri era solo e soltanto quello di far concludere al meglio la stagione ai ragazzi. Il pareggio con la straordinaria rimonta in otto minuti da 3-0 a 3-3 in trasferta contro il Bologna in versione Champions League e la vittoria di carattere per 2-0 sul Monza sottolineano in pieno come il tecnico dell’Under 19 sia riuscito splendidamente nell’obiettivo. Pressione dell’avversario continua per tutta la gara e gestione fisica e mentale delle energie sono stati i due punti di forza nell’ultima di campionato.

Le pagelle di Juventus-Monza (2-0): l'ultima perla di Alex Sandro
Alex Sandro, tributo Juventus

 

Pagelle Monza

Sorrentino 5 – Le due reti subìte in rapida successione nel cuore del primo tempo ne hanno compromesso il voto in pagella. Anche se grazie ad alcuni suoi interventi nel corso della seconda frazione il Monza è sempre rimasto ancorato alla partita. Con un pizzico di fortuna in più Sorrentino avrebbe potuto aiutare ancor meglio i propri compagni alla ricerca quantomeno del pareggio ospite contro la Juventus.

D’Ambrosio 5 – L’ex Inter ha disputato una brutta prima frazione di gioco. Stessa nella quale non è mai riuscito veramente a mettersi in protezione dei velocisti Yildiz, Chiesa e Iling-Junior. Inoltre, in occasione della rete della Juventus che ha sbloccato le marcature del match D’Ambrosio è colpevole di aver perso la palla proprio all’entrata dell’area di rigore protetta da Sorrentino. Rendendo vano ogni tentantivo di recupero all’errore da parte dei compagni più arretrati e dell’estremo difensore.

Pablo Mari 5,5 – Il roccioso centrale di mister Palladino ha chiuso bene in più di qualche occasione il numero 14 Milik. Costringendolo a cercare il possesso del pallone verso il centro del campo e non permettendogli di attaccare pericolosamente Sorrentino. Inoltre Pablo Mari è stato molto attento nell’intercettare alcune conclusioni pericolose da fuori area da parte degli avversari. La prova resta insufficiente perché in entrambe le reti bianconere non ha avuto le giuste capacità per sistemare la propria linea difensiva in posizione.

Izzo 6 – Nonostante, come spesso accade, il difensore del Monza si lasci andare a provocazione e nervosismo in campo, ha dimostrato di saper pressare molto alto gli avversari. Riuscendo nel proprio intento di intercetto e ripartenza anche con una buona dose di classe e bravura. In entrambe le reti della Juventus rimane esente da colpe. Per questo motivo avrà qualcosa da rimproverare ai compagni.

Birindelli 5,5 – Ad un primo tempo davvero da dimenticare si è aggiunto uno scorcio di ripresa molto più convincente. Tutto quello che inizialmente sembrava molto difficile per l’esterno di mister Palladino con il passare dei minuti è diventato il vero e proprio punto di forza. Partendo dalla possibilità di uscire con la palla tra i piedi dalla propria metà campo per forzare l’attacco dei suoi lungo l’out di destra. La prima rete di Chiesa, però, è anche frutto di una sua disattenzione (65′ Zerbin 4,5 – Poco dopo essere entrato interviene in maniera scomposta su un avversario e prende il cartellino giallo. Poi, come se non bastasse, a pochi istanti dal termine della gara lo stesso ha preso in pieno le gambe di Alcaraz. L’intervento gli è costato il secondo cartellino giallo e l’espulsione).

Gagliardini 6 – Uno dei pochi della formazione lombarda ad essere salvo da critiche nel match dell’Allianz Stadium contro la Juventus. Ha tentato, nella maggior parte dei casi con successo, di bloccare le pericolose iniziative con la palla tra i piedi di Nicolò Fagioli. Inoltre, l’ex Inter è stato concentrato per tutto il corso del primo tempo, prima di uscire per infortunio. Nulla da rimproverare alla prestazione di Gagliardini (45′ Bondo 6,5 – Con il suo ingresso sul terreno di gioco il Monza ha preso molti metri in avanti e ha cominciato ad essere davvero pericolosa dalle parti del subentrato Pinsoglio. Qualche conclusione da fuori area per sua mano è arrivata. Con la palla in proprio controllo, poi, Bondo ha dimostrato di essere poco nervoso e molto lucido per cercare al meglio i compagni smarcati).

Pessina 6 – Una prestazione da sufficienza quella dell’abile centrocampista campione d’Europa in carica con la Nazionale azzurra. La pressione di Fagioli e la robustezza di Alcaraz non hanno dato particolari problemi a Pessina. Stesso che ha raccolto molti palloni importanti in mezzo al campo e li ha resi disponibili per gli attaccanti biancorossi. Alcune volte, tuttavia, ha trovato difficoltà nel rimanere ancorato nel fulcro del gioco.

Pereira 5,5 – I molteplici tentativi di far ripartire la squadra in contropiede con la sua velocità di gamba e di pensiero sono stati apprezzati dal tecnico del Monza. Anche se, soprattutto nel primo tempo, Pereira ha subìto molto la pressione alta dei giovani talenti bianconeri. Cadendo anche negli errori più banali che in alcune zone di campo sarebbe sempre meglio evitare (74′ Kyriakopoulos 6 – Ingresso molto positivo per il rinforzo di Palladino, capace di presentarsi subito nei pressi dell’area di rigore avversaria per dare ampiezza e mettere pericolosi cross in mezzo ai compagni. Con il passare dei minuti è stato costretto ad indietreggiare progressivamente, fino a sterilizzare la propria prova, nonché l’apporto offensivo).

Colpani 6 – Il talentuoso trequartista del tecnico Palladino ha cercato di mettersi a massima disposizione dell’offensiva biancorossa, correndo molto negli spazi e toccando la palla il più possibile nella metà campo avversaria. Purtoppo, complice anche una buona marcatura preventiva da parte di Alex Sandro, l’italiano ha avuto qualche difficoltà ad essere pericoloso dalle parti di Perin. Nei primi ed unici quarantacinque minuti giocati, tuttavia, resta il più imprevedibile del Monza (45′ Djuric 5 – Ha certamente portato centimetri da sfruttare nell’area di rigore della Juventus. Anche se un’ottima marcatura di Rugani e compagni non gli hanno permesso di mettere particolarmente apprensione a Pinsoglio. Sempre anticipato nei colpi di testa, Djuric avrebbe potuto dare qualcosa in più al match. Il cambio tattico di Palladino non era volto a questo).

Carboni 5,5 – Il suo estro da buon talento offensivo gli permette sempre di creare in un fazzoletto occasioni probabilmente pericolose nell’area avversaria. Anche contro la Juventus le idee offensive di Carboni non sono affatto mancate, soprattutto nella seconda metà di gioco. Il lato negativo, però, riscontrato durante tutto l’andamento del match è stato certamente il poco aiuto in fase di ripiego dello stesso. Una prestazione incompleta del gioiello dei lombardi (81′ Ferraris s.v.).

Mota 5,5 – Molto esplosivo con la palla in controllo e sempre imprevedibile. Ma contro la Juventus l’ala biancorossa ha fatto molta fatica a ricoprirsi uno spazio personale sul quale attaccare con rapidità e classe. Complice, senza ombra di dubbio, una prestazione eccelsa di Danilo in copertura sul medesimo. Inoltre, ha da rimproverarsi la mancata marcatura su Alex Sandro in occasione del 2-0 bianconero.

Allenatore: Palladino 5,5 – Cerca in tutti i modi di cambiare abito tattico ai suoi per recuperare subito una partita che si era messa nei binari sbagliati. Dando una nuova idea alle offensive del Monza, di fatto, Palladino ha reso la ciurma lombarda molto più pericolosa. Andando addirittura molto vicini alla rete del 2-1 che avrebbe riaperto i discorsi. Rimane, però, molto insufficiente l’approccio del primo tempo. Stesso nel quale si è decisa, di fatto, l’intera partita.

Le pagelle di Juventus-Monza (2-0): l'ultima perla di Alex Sandro
Valentin Carboni, Monza

Dove vedere il calcio in streaming e come risparmiare

Su DAZN, al costo di 34,99 euro al mese, è possibile vedere tutte le partite della Serie A, la Serie B, l’Europa League e alcune partite della Conference League.

Sky ha la sua piattaforma streaming, Now TV, dove il Pass Sport, che include tre partite per turno della Serie A e tutta la Champions League e Serie B, costa 9,99 euro al mese.

Amazon Prime Video costa 4,99 euro al mese, e include tutti i servizi Prime oltre le migliori sedici partite della Champions League del mercoledì.

Bonus: come avere un abbonamento alle piattaforme streaming e risparmiare

Esistono alcuni servizi che consentono di condividere l’account delle migliori piattaforme streaming (DAZN, Now TV, Netflix, Prime Video, Disney Plus, ecc.) con altre persone e dunque di risparmiare sugli abbonamenti, parliamo di GamsGoGoSplit o CooSub. Grazie a GamsGo, GoSplit e CooSub è possibile acquistare, ad un prezzo irrisorio, un abbonamento condiviso con altri utenti in maniera facile, veloce e sicura.

LASCIA UN COMMENTO

Per favore inserisci il tuo commento!
Per favore inserisci il tuo nome qui