Le pagelle di Juventus-Roma (1-0): la firma decisiva è di Rabiot

0

La Juventus chiude l’anno con una vittoria e batte la Roma 1-0, accorciando le distanze dall’Inter (vedremo poi le pagelle). La decide una rete di Rabiot su assist di tacco di Vlahovic e chiude un’annata diffcile, ma molto più bella nella seconda parte. La Roma si deve arrendere alla superiorità dei bianconeri e non basta la fantasia di Dybala per provare a sbancare allo Stadium. 

Le pagelle di Juventus-Roma

Prima di analizzare le pagelle dei giocatori e degli allenatori di Juventus-Roma, proponiamo quella sull’arbitro.

Arbitro: Simoen Sozza – Partita molto dinamica e con episodi da tenere d’occhio. Giusto annullare il gol di Chiesa per fuorigioco e buona gestione dei cartellini. 

Pagelle Juventus 

Szszcesny 7 – Ci mette una pezza enorme sulla partita salvando la Juve dai tentativi di Dybala e compagni. Chiude l’anno con una partita senza subire gol e si conferma colonna portante per la squadra di Allegri. 

Gatti 7 – Ordinato e spesso capace di avanzare il gioco o imbucare Vlahovic. Chiude l’annata nel migliore dei modi. Può solo migliorare.

Bremer 7,5 – Tutto quello che possiamo dire su Bremer sta esaurendo. Oggi Lukaku non vede palla ed è merito suo. Sempre di più una muraglia invincibile. 

Danilo 6 – Qualcosa non torna e non è il solito Danilo. Servirà aspettare un recupero di condizione perchè il brasiliano fa una buona prestazione, ma non spettacolare.  

Weah 6 – Garantisce solidità, ma rispetto a Frosinone c’è poca offensività. Può dimostrare di essere un valore aggiunto per la Juventus. 

McKennie 6,5 – Sempre in crescita e con tanta corsa nelle gambe, ma manca quel pizzico di incisività per andare a rete. Oggi però si sacrifica fino allo sfinimento e lo Stadium applaude. 

Locatelli 6 – Siamo sempre alle solite: la manovra va velocizzata. Lì la Juventus deve intervenire, perché Locatelli non è un regista e può solo rompere il gioco avversario recuperando i palloni.

Rabiot 7,5 – Ancora decisivo, ma stavolta in casa. Il gol vale tre punti e completa un’azione capolavoro. Se non c’è lui, questa squadra perde di velocità e di concretezza. 

Kostic 6,5 – Oggi più coraggioso e solido rispetto a Frosinone, tanto da contribuire al gol del vantaggio di Rabiot. Dubbi sulla sua condizione? No, sta bene e Allegri lo sa.

Yildiz 6,5 – Prima da titolare allo Stadium di personalità, anche se gli manca il gol. Manca solo un po’ di continuità nel mantenere l’attenzione nel match, ma ha veramente le potenzialità per essere devastante.

Vlahovic 7,5 – Oggi deve vedersela con la marcatura stretta di Llorente e deve rinunciare ai gol, ma si rivela fondamentale nel gol di Rabiot e nel permettere alla squadra di salire in contropiede. Quando è in fiducia con sè stesso spacca il mondo. 

Allenatore: Massimiliano Allegri 6,5 – La Juventus è forte, ma deve migliorare la regia e la manovra del gioco. Lenta e spesso concede troppo agli avversari. La vittoria è quello che conta, certo, ma migliorare è doveroso, quanto legittimo.

Pagelle Roma

Rui Patricio 6 – Bene su McKennie nel finale, mentre su Rabiot non può fare veramente nulla.  

Ndicka 6,5 – Il mezzo voto in più è per il salvataggio nel finale di primo tempo su Kostic, in cui gli viene premiata la lettura dell’azione. In crescita sicuramente, ma non ancora tale da essere decisivo. 

Mancini 6 – Bene su Vlahovic in alcune occasione e gioca di sacrificio, perchè non al meglio della condizione. 

Llorente 5 – Se su Osimhen l’esame era stato superato, qui bisognerà attendere il prossimo appello. Stravince la potenza serba e deve solo guardare. 

Kristensen 5.5 – Lavora bene in progressione, ma impreciso dietro, con i bianconeri riescono a inserirsi con Rabiot e Kostic.
 
Cristante 5.5 – Apre la partita colpendo il palo dopo cinque minuti di partita. Sicuramente fondametale per Mourinho, ma tende a scomparire dal gioco. 
 
Paredes 6 – L’uomo d’ordine a centrocampo. Pochi errori, ma servirebbe più fantasia per accendere questa squadra (74′ El Shaarawy s.v.).
 
Bove 6 –  È l’uomo di rottura del centrocampo, ma risente della lentezza di Cristante e Paredes (64′ Pellegrini 5 – Non incide rispetto al match contro il Napoli e la sua presenza si rivela quasi inutile)
 
Zalewski 5.5 – Non supera quasi mai il centrocampo in difficoltà contro Weah. Se parte Spinazzola avrà più responsabilità, ma così c’è poco da stare sereni (80′ Azmoun s.v.).
 
Dybala 6.5 – Si allarga sul centro-destra e alla mezz’ora è vicino al gol con un colpo d’esterno poetico. Il faro della Roma in mezzo a mille tempeste burrascose.
 
Lukaku 5 – Se qualcuno l’ha visto è pregato di chiamare Mourinho. Cancellato per novante minuti da Bremer e come a San Siro torna a casa con i fischi. 
 
Allenatore: Mourinho 5 – Oggi la Roma ha mantenuto il possesso palla, ha sicuramente fatto un buon primo tempo, ma qualcosa tende a mancare sempre per competere contro le grandi. 

 

Dove vedere il calcio in streaming e come risparmiare

Su DAZN, al costo di 34,99 euro al mese, è possibile vedere tutte le partite della Serie A, la Serie B, l’Europa League e alcune partite della Conference League.

Sky ha la sua piattaforma streaming, Now TV, dove il Pass Sport, che include tre partite per turno della Serie A e tutta la Champions League e Serie B, costa 9,99 euro al mese.

Amazon Prime Video costa 4,99 euro al mese, e include tutti i servizi Prime oltre le migliori sedici partite della Champions League del mercoledì.

Bonus: come avere un abbonamento alle piattaforme streaming e risparmiare

Esistono alcuni servizi che consentono di condividere l’account delle migliori piattaforme streaming (DAZN, Now TV, Netflix, Prime Video, Disney Plus, ecc.) con altre persone e dunque di risparmiare sugli abbonamenti, parliamo di GamsGoGoSplit o CooSub. Grazie a GamsGo, GoSplit e CooSub è possibile acquistare, ad un prezzo irrisorio, un abbonamento condiviso con altri utenti in maniera facile, veloce e sicura.

LASCIA UN COMMENTO

Per favore inserisci il tuo commento!
Per favore inserisci il tuo nome qui