Le pagelle di Lazio-Napoli (0-0): inutile la magia di Castellanos

0

Riportiamo le pagelle del match della ventiduesima giornata di Serie A tra Lazio e Napoli. A partire dalle ore 18:00 di domenica 28 gennaio i padroni di casa dei biancocelesti ospiteranno i campioni d’Italia in carica del tecnico Walter Mazzarri allo Stadio Olimpico. La prima frazione di gioco ha visto la formazione capitolina di mister Maurizio Sarri farsi pericolosamente in avanti, senza però mai riuscire a portarsi in vantaggio. Nel secondo tempo il Napoli ha provato ad alzare i giri del motore, ma senza riscontrare alcun tipo di risultato. L’incontro è terminato a reti inviolate sullo 0-0. Pareggio tra le due formazioni che mancava da ben otto anni.

Le pagelle di Lazio-Napoli

Prima di analizzare le pagelle di calciatori e allenatori di Lazio e Napoli riportiamo la prestazione del direttore di gara.

Arbitro: Daniele Orsato 7 – Scelto per la sua esperienza e qualità, Orsato ha risposto decisamente presente al difficile appuntamento con la capitale. Pochi i cartellini sferrati durante i novanta minuti e, in particolare, una gestione delle situazioni di gioco sempre lucida e corretta.

Pagelle Lazio

Provedel 6,5 – L’estremo difensore biancoceleste non è mai stato chiamato a fare una parata tra i propri pali. Complice di questo è sicuramente stato un lavoro della linea difensiva dinanzi ad esso da riconoscere come eccellente, ma, allo stesso tempo, anche frutto della sua gestione territoriale nell’area di rigore.

Lazzari 6 – Prezioso come sempre il contributo del laterale difensivo biancoceleste. Capace di farsi trovare pronto sia in fase difensiva per bloccare le offensive di Mario Rui e Zielinski che in attacco per racimolare metri e avvicinarsi in pressione alla linea di fondo avversaria (71′ Pellegrini 6,5 – L’ex Juventus è entrato in campo per dare spinta sulla fascia sinistra, quella che specularmente sembrava dare più problemi al Napoli. Il numero 3 ha ben messo in pratica quanto richiesto da Sarri, sia come posizionamento in campo che come tentativo di offendere gli avversari. Da notificare due tiri verso lo specchio di Gollini).

Gila 5,5 – Il difensore catalano ha condotto una partita piuttosto buona. Probabilmente sotto il piano della gestione dei falli non è stato molto lucido, lo conferma anche l’ammonizione rimediata durante il match. Assieme a Romagnoli, tuttavia, ha messo in atto una morsa difensiva di alto livello.

Romagnoli 6,5 – Sempre presente quando viene richiesto di rispondere in campo alle critiche. Anche nell’occasione del big-match odierno Romagnoli ha decisamente fatto la differenza per la sua squadra in difesa. Non è stata una passeggiata ancorare i tentativi di attacco da parte di Politano e Raspadori nello specifico, ma l’ex Milan l’ha fatto sembrare facile.

Marusic 5,5 – Partita sotto tono per il terzino del tecnico toscano. Per un buono spezzone di partita il serbo è stato impiegato sulla fascia sinistra. Poi, negli ultimi venti minuti circa ha invertito la sua posizione agendo a destra. Lavoro di copertura svolto sufficientemente e propensione all’attacco negativa.

Guendouzi 6,5 – Divenuto ormai uno degli uomini fidati di Sarri, il francese ha raccolto dalla gara contro i partenopei una prestazione sempre di altissimo livello. Fatta da intercetti della palla minuziosi e smistamento della stessa di elevata classe ed intelligenza. Prima di uscire dal campo ha lanciato in profondità con una rasoiata l’ala destra Isaksen, creando una grande chance per andare in vantaggio (77′ Vecino 6 – Il centrocampista è entrato per cercare di buttare in campo la propria esperienza in partite così delicate. L’apporto al match, nonostante il poco tempo a disposizione, si è sentito. L’attacco alla profondità è una delle sue più grandi doti).

Cataldi 6 – Il mediano dei biancocelesti ha finito in crescendo la propria prestazione sul terreno di gioco. Se nel primo tempo ha fatto un pò di fatica ad entrare in partita e ad essere lucido, nel secondo ha tentanto di impensierire da fuori area il portiere avversario Gollini. In generale, oltre all’ammonizione procuratosi nel finale di gara, Cataldi si è ancora una volta preso gli applausi dello stadio (84′ Rovella s.v.).

Luis Alberto 5,5 – Il fantasista della Lazio ha avuto più di qualche difficoltà a girare la palla come avrebbe voluto lungo tutto il corso della partita. Il posizionamento alto di Ostigard sulla sua porzione di campo lo ha costretto ad indietreggiare in molte occasioni, evitandogli di far arrivare la palla dalle parti di Castellanos.

Isaksen 6,5 – Il numero 18 sta dimostrando di essere in un periodo di forma invidiabile. Grazie alla sua rapidità di gamba e pensiero ha messo in difficoltà più volte l’attenta retroguardia del Napoli. Prima di uscire dal terreno di gioco, se proprio possiamo trovare una piccola sbavatura, Isaksen a tu per tu con Gollini ha deciso di non calciare e cercare l’assist in mezzo per un ben marcato Castellanos. Forse troppo altruismo (84′ Pedro s.v.).

Castellanos 6,5 – L’attaccante dei biancocelesti ha voglia di incidere in partite come queste. Soltanto un fuorigioco di qualche centimetro non gli ha concesso di far passare in vantaggio i suoi con una rovesciata da applausi. Oltre a questo, Castellanos si è sempre proposto lungo le linee di passaggio con rapidità e ha spaventato gli avversari.

Felipe Anderson 5,5 – Il brasiliano ha agito sulla sinistra per accentrarsi e far valere la propria classe nelle zone di Gollini. Così, però, non è mai stato realmente. Complessivamente Felipe Anderson non ha messo in campo una brutta prestazione, ma certamente la sufficienza non può essere raggiunta. Poca propensione d’attacco e scelte a volte frettolose.

Allenatore: Sarri 5,5 – Non sufficiente, o per lo meno a pieno, la prova del tecnico toscano. Poiché per quanto precursore di una difesa eccellente e di un piano di gioco molto rapido e bello non è riuscito a portare a casa i tre punti contro un Napoli in evidente emergenza. Quando ai partenopei mancano in avanti sia Osimhen che Kvaratskhelia, una strategia migliore potrebbe essere messa in atto.

Le pagelle di Lazio-Napoli (0-0): inutile la magia di Castellanos

Pagelle Napoli

Gollini 6,5 – Soltanto un tiro nello specchio da respingere durante tutto il corso della partita per l’estremo difensore ex Atalanta. In generale la prova è stata decisamente sufficiente, confermando che le ultime presenze inanellate sono frutto di tanto lavoro e sacrificio. E che, tra l’altro, non è semplice gestire i nervi in un momento difficile come questo per la squadra.

Ostigard 6,5 – Eccellente la prestazione in campo odierna del difensore di mister Mazzarri. Non si è mai messo nelle condizioni di essere saltato e, soprattutto, ha avuto la lucidità di restare concentrato per tutti e novanta i minuti alla caccia delle frecce biancocelesti, spinte dal pubblico casalingo per impattare la partita con il gol del possibile vantaggio.

Rrahmani 6 – Sta prendendo sempre più coscienza del suo status all’interno della squadra partenopea, dimostrandosi leader silenzioso della inedita linea a tre messa in campo dall’allenatore toscano Walter Mazzarri. Castellanos è stato ben chiuso. Nonostante in occasione del gol annullato per fuorigioco l’argentino aveva ben superato il pressing del difensore partenopeo.

Juan Jesus 6 – L’ex difensore della Roma non ha affatto messo in campo una delle sue migliori prestazioni, nonostante chiusure e imposizioni territoriali non sono mancate. Questo è stato soprattutto colpa di un Isaksen scatenato per la gara odierna. Soltanto l’esperienza ha donato al brasiliano le giuste contro risposte da giocarsi.

Di Lorenzo 5,5 – Il terzino destro della ciurma partenopea ha faticato e non poco ad offendere in profondità Marusic. Probabilmente anche lui come Mario Rui nel nuovo assesto a tre difensori sta trovando difficoltà ad avere un equilibrio tra rientro in difesa e attacco degli spazi in avanti.

Demme 5,5 – Lavoro di costruzione e recupero della palla assieme al compagno di reparto Lobotka piuttosto corretto e secondo quanto richiesto dal tecnico Mazzarri in una gara così complicata. Tuttavia, nell’ora di gioco scarsa che ha solcato il terreno di gioco il numero 4 ha avuto poche chance di mettersi in luce. Inoltre, da considerare anche l’ammonizione procuratosi nel primo tempo (60′ Gaetano 6 – Entrato con il giusto spirito in campo, il giovane azzurro è stato pericoloso nei ribaltamenti di fronte comandati da Lobotka. Ha cercato di scagliare la conclusione verso la porta avversaria in più di una occasione. Mettendo in risalto le sue doti da velocista in mezzo al campo).

Lobotka 6,5 – Chiaramente uno dei migliori in campo della partita. Il numero 68 del Napoli non ha praticamente mai sbagliato un passaggio rivolto verso i suoi compagni. Che esso sia stato per ammortizzare l’offensiva della Lazio verso la linea difensiva oppure per far ripartire Politano e Zielinski lungo gli out di destra e sinistra.

Mario Rui 5,5 – Schierato per l’occasione su una linea decisamente più offensiva rispetto al solito compito da terzino nella difesa a quattro, il numero 6 portoghese ha trovato qualche difficoltà ad attaccare con caparbietà la fascia difesa da Lazzari. Risultando piuttosto sterile e promotore di cross in mezzo per i compagni decisamente poco pericolosi (80′ Mazzocchi s.v.).

Politano 6,5 – L’esterno azzurro ha dato tutto in campo, cercando di essere pericoloso anche difronte ad una difesa davvero schierata bene dal solito perfezionista Sarri. Se il Napoli non è riuscito a fare la differenza in avanti non è decisamente colpa di Politano. Unico dei suoi risultante voglioso di dimostrare (84′ Lindstrom s.v.).

Zielinski 6 – Sufficiente la prova del polacco in campo. Nel nuovo assetto tattico Mazzarri lo predilige come “seconda punta” al servizio dell’attaccante di ruolo. Questo permette di mettere in risalto le sue capacità da incursore e palleggiatore di alto livello in una porzione del terreno di gioco molto delicata (84′ Dendonker s.v.).

Raspadori 6 – L’attaccante dei partenopei ha fatto un pò di fatica a dire la propria. Complice anche una morsa difensiva a tre dei padroni di casa ben messa in piedi. Tuttavia, l’ex Sassuolo ha provato a fare la differenza per i suoi, gestendo palloni difficili e muovendosi spaventosamente dalle parti di Provedel con insistenza (79′ Ngonge 6 – L’esordio in campo con la maglia degli azzurri da parte dell’ormai ex Verona ha messo in luce la sua propensione all’attacco degli spazi in profondità. Il tempo a disposizione non è stato dalla sua parte, ma in generale non ha fatto mancare in campo la propria freschezza).

Allenatore: Mazzarri 6,5 – Continuano ad evidenziarsi in campo le serie difficoltà offensive di un gruppo attualmente orfano dei terminali d’attacco più importanti. Condando questo e che il Napoli sta trovando molti problemi soprattutto sotto l’aspetto mentale, uscire con un pareggio dalla bolgia dello Stadio Olimpico è frutto di una buona prestazione tecnico-tattica. Possibilmente accentuata anche dal cambio modulo con tre difensori centrali di ruolo.

Le pagelle di Lazio-Napoli (0-0): inutile la magia di Castellanos

Dove vedere il calcio in streaming e come risparmiare

Su DAZN, al costo di 34,99 euro al mese, è possibile vedere tutte le partite della Serie A, la Serie B, l’Europa League e alcune partite della Conference League.

Sky ha la sua piattaforma streaming, Now TV, dove il Pass Sport, che include tre partite per turno della Serie A e tutta la Champions League e Serie B, costa 9,99 euro al mese.

Amazon Prime Video costa 4,99 euro al mese, e include tutti i servizi Prime oltre le migliori sedici partite della Champions League del mercoledì.

Bonus: come avere un abbonamento alle piattaforme streaming e risparmiare

Esistono alcuni servizi che consentono di condividere l’account delle migliori piattaforme streaming (DAZN, Now TV, Netflix, Prime Video, Disney Plus, ecc.) con altre persone e dunque di risparmiare sugli abbonamenti, parliamo di GamsGoGoSplit o CooSub. Grazie a GamsGo, GoSplit e CooSub è possibile acquistare, ad un prezzo irrisorio, un abbonamento condiviso con altri utenti in maniera facile, veloce e sicura.

LASCIA UN COMMENTO

Per favore inserisci il tuo commento!
Per favore inserisci il tuo nome qui