Le pagelle di Liverpool-Manchester United (0-0): reti bianche ad Anfield

0

Ci si aspettava una partita ricca di gol ed emozioni, ma ci si è dovuti alla fine accontentare delle reti bianche in quel di Anfield. Nel big match che chiude la 17° giornata di Premier League tra Liverpool e Manchester United, a prevalere sono due difese solide e compatte. Nonostante il dominio territoriale dei Reds, la retroguardia dei Red Devils regge per tutti i 90′ ribattendo colpo su colpo le avanzate dei padroni di casa. Tante occasioni create alla fine da ambo le parti, ma zero gol in una sfida dalla quale lo United porta a casa un punto d’oro vista la situazione. Ecco le pagelle di Liverpool-Manchester United.

Le pagelle di Liverpool-Manchester United

Prima di riportare le pagelle dei protagonisti di Liverpool-Manchester United, proviamo a dare una valutazione all’operato del direttore di gara.

Arbitro: Michael Oliver 7 – Adotta il classico arbitraggio “all’inglese” evitando -se necessario- di fermare troppo il gioco per rendere la partita più piacevole e a ritmi elevati. Corretto non assegnare penalty ai Reds nel finale per un presunto fallo di mano di Shaw.

Pagelle Liverpool

Alisson 6 – Spettatore non pagante per larga parte della sfida, il portiere brasiliano si rende decisivo soltanto su una conclusione di Hojlund respinta senza troppi patemi.

Alexander-Arnold 7 – Spento durante la prima frazione, si accende finalmente nella ripresa sovrapponendosi spesso in avanti. In fase difensiva vince nettamente il duello con Garnacho. Spostato a centrocampo con il passare del secondo tempo, va ad un passo dall’1-0 con una conclusione insidiosa dalla distanza che spaventa Onana.

Konaté 6,5 – Anche lui come il collega di reparto fa prevalere la sua prestanza fisica sui calci d’angolo spaventando i tifosi ospiti nel corso dei primi 45′ con una conclusione di testa terminata alta di poco sulla traversa. Lette in anticipo quasi tutti i tentativi di ripartenza dello United.

van Dijk 6,5 – La specialità della casa sono i colpi di testa in occasione di calci piazzati, e lo dimostra con la prima vera palla-gol dell’incontro mettendo a dura prova i riflessi di Onana. Garantisce solidità e sicurezza al reparto.

Tsimikas 6 – Spinge spesso sulla sinistra mettendo in mezzo un paio di traversoni invitanti respinti però di continuo dalla retroguardia dei Red Devils.

Szoboszlai 5,5 – La giovane promessa ungherese entra subito nel vivo del match rendendosi protagonista anche di un paio di tiri verso la porta avversaria. La sua prova, però, cala drasticamente con il passare dei minuti (61′ Gomez 6 – Si comporta da terzino di spinta accompagnando le sortite offensive della squadra. Ingresso convincente).

Endo 6 – Gestisce e detta i tempi di gioco con precisione commettendo rare sbavature in mezzo al campo. Sufficienza guadagnata in queste pagelle di Liverpool-Manchester United.

Gravenberch 6 – Ci prova con un paio di conclusioni dalla distanza che non impensieriscono Onana facendosi trovare spesso in area per creare densità. Durante il secondo tempo, però, è costretto a dare forfait (61′ Gakpo 5,5 – Klopp si affida alla sue qualità offensive per provare a scardinare la difesa avversaria, ma l’olandese non rispetta le aspettative. Sul finale sovrasta McTominay in marcatura, ma il suo colpo di testa non centra lo specchio).

Salah 6 – Nonostante i pochi spazi lasciati a disposizione dalla difesa avversaria, il bomber egiziano non si isola dal match prendendo spesso sulle spalle la squadra. Tenta l’arma dell’uno contro uno andando anche alla conclusione, ma con poca fortuna.

Núñez 5 – Poco lucido in alcune scelte, perde spesso l’attimo trovandosi accerchiato dalla fase difensiva dei Red Devils. Fin troppo nervoso, si prende un giallo inutile incidendo poco quanto niente (78′ Elliott s.v.).

Luis Díaz 5,5 – La compatta linea difensiva barricata dai Red Devils non permette all’ex Porto di mettere in mostra le sue doti tecniche e la sua agilità palla al piede. Pochi secondi prima della sua uscita dal campo ha tra i piedi la palla dell’1-0, ma Onana e i difensori avversari ribattono il suo tentativo ravvicinato (78′ Jones s.v.).

Allenatore: Jürgen Klopp 5,5 – Per la prima volta in stagione il Liverpool non vince ad Anfield. Un risultato che fa sicuramente notizia, e che ferma la grande cavalcata dei Reds ora costretti ad inseguire la capolista Arsenal, suo avversario nel prossimo weekend. I suoi partono subito forti garantendo vivacità e qualità in avanti, ma con il passare dei minuti, gli avversari iniziano a prendere le misure chiudendosi e costringendo il tecnico tedesco ad attuare diverse modifiche che non portano i risultati sperati. Servono maggiori soluzioni e idee contro le difese schierate per poter pensare di raggiungere la vetta.

Le pagelle di Liverpool-Manchester United (0-0): reti bianche ad Anfield

Pagelle Manchester United

Onana 6,5 – L’ex estremo difensore dell’Inter ha ancora qualcosa da farsi perdonare e si rende subito decisivo con un grande intervento su forte colpo di testa di van Dijk. Non si fa impensierire da due conclusioni pericolose di Salah nel secondo tempo. Salva prima su Luis Díaz, poi su Konaté. Finalmente un clean sheet dopo le tante critiche.

Dalot 6 – Timido in proiezione avanzata, il lusitano si fa trovare pronto in copertura per gran parte dell’incontro contenendo bene le scorribande dei padroni di casa. “Sporca” un’ottima prova con una inutile espulsione per qualche protesta di troppo nel recupero. 

Evans 6,5 – Inserito titolare per l’infortunio di Maguire, mette a disposizione tutta la sua esperienza per arginare le sortite offensive dei padroni di casa. Solido ed efficace.

Varane 7,5 – Rivederlo ai livelli del Real Madrid è utopia, ma la prestazione di quest’oggi si avvicina di gran lunga a quelle viste con la casacca dei Blancos. Se la linea difensiva dello United regge è per gran parte merito del transalpino pronto a ribattere colpo su colpo le avanzate dei rivali.

Shaw 7 – Dalla sua zona di campo deve vedersela contro un cliente scomodo del calibro di Salah. Riesce a contenere il fuoriclasse egiziano non concedendogli mai abbastanza spazio per far male.

Mainoo 6,5 – Considerando le numerose assenze, ten Hag decide di puntare sul classe 2005 ricevendo risposte convincenti. Nonostante la giovanissima età e l’ammonizione ricevuta nel corso dei primi 45′, gioca con coraggio e personalità facendosi valere in mezzo al campo (82′ Mejbri s.v.).

Amrabat 6,5 – Inizialmente soffre la vivacità offensiva degli avversari perdendo qualche pallone di troppo. La sua prestazione migliora gradualmente con il passare dei minuti con il marocchino chiamato a comportarsi da difensore aggiunto a difesa del pareggio. Determinati un paio di suoi salvataggi.

Antony 5,5 – Limitato bene dagli avversari, l’esterno brasiliano prova a far male nelle rare ripartenze a disposizione, ma non incide a dovere (82′ Pellistri s.v.).

McTominay 6 – Inserito sulla trequarti nell’undici titolare, lo scozzese si concentra in particolare sulla fase difensiva dando una mano preziosa ai suoi. Nel vivo della manovra sulle poche occasioni dei suoi. Sufficienza meritata in queste pagelle di Liverpool-Manchester United.

Garnacho 6 – Il pericolo n°1 della retroguardia dei Reds, la giovane stella argentina è il più vivace del reparto offensivo dello United in una gara nella quale Alisson non è stato quasi mai chiamato in causa (71′ Rashford 5,5 – Non ancora al meglio della condizione, non incide a dovere nei pochi minuti a disposizione).

Hojlund 5 – Una partita molto complicata per l’ex centravanti dell’Atalanta. Sgomita con scarsi risultati contro i due centrali del Liverpool non riuscendo mai a farsi servire dai compagni. Ha la grande possibilità di portare i suoi in vantaggio sul forse unico contropiede ben costruito, ma si fa ipnotizzare da Alisson.

Allenatore: Erik ten Hag 6,5 – Eliminazione dalla Champions, settimo posto e lunga lista di infortunati. La situazione in casa United non è delle più rosee, ma quest’oggi arriva comunque una risposta positiva contro una delle grandi rivali storiche. Uno 0-0 che alla fine sorride proprio ai Red Devils solidi in fase difensiva per tutti i 90′, ma poco efficaci in avanti. Un reparto questo dove l’unico a salvarsi è Garnacho, mentre Antony e Hojlund entrano ufficialmente nel vortice della critica considerando la cifra spesa per i due cartellini. Un punto che tappa i buchi.

Le pagelle di Liverpool-Manchester United (0-0): reti bianche ad Anfield

Dove vedere il calcio in streaming e come risparmiare

Su DAZN, al costo di 34,99 euro al mese, è possibile vedere tutte le partite della Serie A, la Serie B, l’Europa League e alcune partite della Conference League.

Sky ha la sua piattaforma streaming, Now TV, dove il Pass Sport, che include tre partite per turno della Serie A e tutta la Champions League e Serie B, costa 9,99 euro al mese.

Amazon Prime Video costa 4,99 euro al mese, e include tutti i servizi Prime oltre le migliori sedici partite della Champions League del mercoledì.

Bonus: come avere un abbonamento alle piattaforme streaming e risparmiare

Esistono alcuni servizi che consentono di condividere l’account delle migliori piattaforme streaming (DAZN, Now TV, Netflix, Prime Video, Disney Plus, ecc.) con altre persone e dunque di risparmiare sugli abbonamenti, parliamo di GamsGoGoSplit o CooSub. Grazie a GamsGo, GoSplit e CooSub è possibile acquistare, ad un prezzo irrisorio, un abbonamento condiviso con altri utenti in maniera facile, veloce e sicura.

LASCIA UN COMMENTO

Per favore inserisci il tuo commento!
Per favore inserisci il tuo nome qui