Le pagelle di Milan-Lecce (3-0): rossoneri con il pilota automatico!

0

Riportiamo le pagelle del match tra Milan e Lecce. A San Siro i rossoneri blindano il secondo posto con una grande vittoria, per i pugliesi partita già indirizzata da un brutto inizio di primo tempo. Per i ragazzi di Pioli ora testa alla sfida europea contro la Roma, da sottolineare le prestazioni del solito Pulisic e di uno scatenato Chukwueze. Per il Lecce rimane comunque una classifica non preoccupante, si giocherà la salvezza nelle prossime settimane. 

Le pagelle di Milan-Lecce 

Prima di analizzare le pagelle di giocatori e allenatori di Milan e Lecce, ecco il voto del direttore di gara. 

Arbitro: Massimi 6,5 – Partita non complicata da arbitrare, attento sul rosso per il brutto intervento di Krstovic. 

Pagelle Milan 

Maignan 6,5 – Nel primo tempo non viene praticamente chiamato in causa, nel secondo compie qualche intervento dei suoi. 

Calabria 6 – Gioca come sempre più bloccato rispetto al suo collega Theo Hernandez, corre tanto e recupera una quantità importante di palloni. 

Tomori 6 – Nel primo tempo quasi ruba il goal a Giroud, per il resto garantisce solidità e voglia di aggredire alla retroguardia.

Gabbia 6 – Partita intelligente e sicura dell’ormai certezza della retroguardia rossonera, sempre più vicino il rinnovo.

Theo Hernandez 6,5 – Come sempre un attaccante aggiunto per la squadra di Pioli, colpisce prima una traversa e poi sfiora il goal su punizione (82′ Terracciano s.v.).

Reijnders 6 – Probabilmente il più timido dei suoi a centrocampo, si muove tanto ma non entra mai nel vivo delle azioni pericolosi dei suoi (78′ Bennacer s.v.).

Adli 7 – Parte malissimo con due palloni persi, dopo serve il primo assist su calcio d’angolo e il secondo con una grande imbucata per Leao. In crescita. 

Chukwueze 7 – La miglior partita da quando è al Milan, nel primo tempo domina dal suo lato e fornisce un assist al bacio per Pulisic. Causa il rosso di Krstovic. 

Pulisic 7 – Ancora e sempre solo Pulisic, domina in qualunque parte del campo, oggi da trequartista è una vera spina nel fianco per i salentini (61′ Musah 6 – Fa respirare l’americano e gestisce il vantaggio).

Rafael Leao 7 – Nel primo tempo si vede poco e quando riceve palla è poco convinto, nella ripresa scende in campo con più cattiveria e chiude il match con un bel goal.

Giroud 7 – Goal importante per lui e per il Milan, importante mantenere lo status da titolare a discapito di Jovic. Mancherà tanto ai tifosi rossoneri (61′ Jovic 6 – Solo un grande Falcone gli nega il goal).

Allenatore: Pioli 6,5 – Milan che oggi va col pilota automatico, chiude il match nel primo tempo e risparmia energie importanti in vista dell’Europa League.

Pagelle Lecce

Falcone 7 – Ennesima performance pazzesca del portiere dei salentini, nega il goal con almeno tre miracoli.

Venuti 5 – Ha la sfortuna di trovarsi dal lato di Theo e Leao, dal lato fisico e tecnico non c’è praticamente mai un vero e proprio duello credibile (69′ Gendrey 6 – Tiene meglio fisicamente Leao).

Pongracic 6 – Se il parziale non è più pesante è anche merito suo, fino alla fine limita come meglio può fare Giroud e Jovic.

Baschirotto 5,5 – Nonostante i tre goal subiti non gioca una partita troppo negativa, combatte su tutti i palloni ed è uno degli ultimi a mollare. 

Gallo 4,5 – Pomeriggio da incubo per il mancino giallorosso, ogni volta che viene puntato da Chukwueze viene puntualmente saltato senza troppi problemi.

Blin 5 – Partita di grande sacrificio e corsa, paga la marcatura scorretta sul goal del due a zero di Giroud su calcio piazzato (77′ Berisha s.v.).

Ramadani 6 – Sempre uno dei pochi a salvarsi anche nelle sconfitte pesanti, giocatore di grande intelligenza tattica e di estremo sacrificio. 

Gonzalez 6,5 – Il migliore in campo dei suoi, nel primo tempo va vicinissimo al goal con due inserimenti a fari spenti estremamente pericolosi. Colpisce anche una traversa a Maignan battuto (46′ Piccoli 5,5 – Lotta e fa a sportellate).

Dorgu 6 – Viene adattato ad esterno alto a piede invertito, piano piano trova le spaziature giuste e riesce a rendersi pericoloso con qualche bel cross tagliato (85′ Pierotti s.v.).

Krstovic 4 – Distrugge completamente la sua partita e quella della squadra con un intervento scriteriato in attacco. Bocciato.

Banda 5,5 – Si muove tanto e punta Theo, trova davanti un giocatore che fisicamente riesce tranquillamente a tenere botta (46′ Alqmvist 6 – Tanta qualità, si rende disponibile alla partita di sacrificio).

Allenatore: Gotti 5,5 – Partita complicatissima, iniziata male e continuata peggio con il rosso per il suo attaccante. Limita i danni.

Dove vedere il calcio in streaming e come risparmiare

Su DAZN, al costo di 34,99 euro al mese, è possibile vedere tutte le partite della Serie A, la Serie B, l’Europa League e alcune partite della Conference League.

Sky ha la sua piattaforma streaming, Now TV, dove il Pass Sport, che include tre partite per turno della Serie A e tutta la Champions League e Serie B, costa 9,99 euro al mese.

Amazon Prime Video costa 4,99 euro al mese, e include tutti i servizi Prime oltre le migliori sedici partite della Champions League del mercoledì.

Bonus: come avere un abbonamento alle piattaforme streaming e risparmiare

Esistono alcuni servizi che consentono di condividere l’account delle migliori piattaforme streaming (DAZN, Now TV, Netflix, Prime Video, Disney Plus, ecc.) con altre persone e dunque di risparmiare sugli abbonamenti, parliamo di GamsGoGoSplit o CooSub. Grazie a GamsGo, GoSplit e CooSub è possibile acquistare, ad un prezzo irrisorio, un abbonamento condiviso con altri utenti in maniera facile, veloce e sicura.

LASCIA UN COMMENTO

Per favore inserisci il tuo commento!
Per favore inserisci il tuo nome qui