Le pagelle di Milan-Napoli (0-1): partenopei al secondo posto

0
analisi tattica milan napoli

Termina con il risultato di 0-1 il big match della diciottesima giornata di Serie A tra Milan e Napoli. La gara di San Siro come da aspettative, ha regalato grandi emozioni. Ad avere la meglio alla fine, sono stati gli uomini di Luciano Spalletti grazie al gol firmato dal Elmas dopo soli 5′. I padroni di casa hanno provato a reagire alla ricerca del pareggio, ma un’ottima fase difensiva dei partenopei, e il gol annullato a Kessié per fuorigioco di Giroud, hanno rovinato i piani dei rossoneri. Grazie a questo successo i campani raggiungono al secondo posto la compagine milanese portandosi a quattro punti di distanza dalla capolista Inter. Ecco le pagelle di Milan-Napoli.

Le pagelle di Milan-Napoli

Prima di analizzare le pagelle dei protagonisti di Milan-Napoli, proviamo a valutare l’operato del direttore di gara.

Arbitro: Davide Massa 5,5 – Il fischietto della sezione di Imperia utilizza un metro di giudizio abbastanza equo. Lascia giocare molto per evitare di rovinare lo spettacolo in campo estraendo appena due cartellini e tenendo la sfida sotto controllo. Abbastanza dubbia la rete annullata a Kessié con l’ausilio del VAR, per un fuorigioco di Giroud considerato attivo nonostante il calciatore francese a terra. 

Pagelle Milan

Maignan 6 – Non può nulla sul colpo di testa schiacciato a terra e ravvicinato di Elmas. L’estremo difensore ex Lille non compie interventi particolarmente complessi nell’arco dei 90′

Florenzi 6 – Dopo qualche difficoltà iniziale, prende subito le misure sulla sua zona di campo in marcatura su Elmas. Va molto vicino al pareggio con un bel tiro terminato di poco fuori. Gioca una partita ordinata e si guadagna la sufficienza (86′ Kalulu s.v.).

Tomori 7 – Sicuramente il migliore in campo tra le fila del Diavolo in queste pagelle di Milan-Napoli. Nonostante la giovane età, comanda la retroguardia in maniera impeccabile compiendo salvataggi fondamentali nella ripresa per evitare il raddoppio degli ospiti. Una sicurezza.

Romagnoli 6 – Protagonista di una prova ordinata e con poche disattenzioni, il capitano del Milan non è costretto agli straordinari come il suo compagno di reparto. 

Ballo-Touré 5,5 – Sulla sinistra spinge spesso e volentieri mettendo in mezzo anche un cross invitante che Ibrahimovic però non riesce a sfruttare. Da rivedere però la fase difensiva. Il senegalese pare ancora troppo disordinato e impacciato, e soffre un cliente scomodo del calibro di Lozano.

Tonali 5,5 – Ha grosse responsabilità sulla rete che decide l’incontro sbagliando la marcatura su Elmas. L’ex Brescia però non riesce a rifarsi (78′ Bennacer s.v.).

Kessié 6 – Trova la rete del pareggio nel finale dopo una prestazione abbastanza anonima, ma gli viene cancellata per offside di Giroud. Ci si aspettava comunque qualcosa in più dall’ivoriano in un match importante come questo.

Messias 5,5 – Alterna belle giocate ad errori abbastanza banali. Non garantisce vivacità e intraprendenza al reparto offensivo nonostante le sue grandi qualità nel saltare l’uomo. Unico squillo dell’incontro una conclusione insidiosa terminata alta sopra la traversa (78′ Castillejo s.v.).

Krunic 5,5 – Si alterna con Brahim Díaz sulla trequarti per provare a creare imprevedibilità. L’ex Empoli però non riesce mai ad entrare nel vivo del match (63′ Saelemaekers 6 – Entra in campo con un piglio diverso rispetto alle ultime prove sottotono. Prova a dare maggiore intraprendenza all’attacco del Diavolo, ma questo non influisce sul punteggio finale).

Brahim Díaz 5,5 – Sembra un calciatore completamente diverso da quello capace di mettere a soqquadro le difese avversarie con la sua imprevedibilità. Lo spagnolo soffre per tutto l’incontro la fisicità dei centrali partenopei non riuscendo così a sfondare (63′ Giroud 5,5 – Recuperato dall’infortunio, mister Pioli lo mette nella mischia alla disperata ricerca del pareggio. Tranne che per un colpo di testa non pericoloso, il francese non incide come ci si aspettava).

Le pagelle di Milan-Napoli (0-1): partenopei al secondo posto

Ibrahimovic 5,5 – In due occasioni va vicino al gol, ma questa non sembra essere serata per il gigante svedese. Lotta contro i centrali campani, ma senza successo e trovando sempre una loro opposizione o un loro anticipo. Rimane a secco dopo la stupenda rete di sabato a Udine.

Allenatore: Stefano Pioli 5,5 – Le assenze si fanno sentire e come. L’indisponibilità di Theo Hernandez di questa mattina, ha rovinato sicuramente il piano gara dell’ex tecnico della Fiorentina. Questa sera si è visto in campo un Milan incapace di concretizzare le occasioni da gol come ad inizio stagione, e con poche idee in fase offensiva. Se si vuole lottare per lo Scudetto le assenze non possono essere considerate un alibi.

Pagelle Napoli

Ospina 6 – Gara vissuta da spettatore non pagante per il colombiano. Dimostra comunque un ottimo livello di concentrazione bloccando un paio di conclusioni verso la sua porta.

Malcuit 6,5 – L’esempio lampante di come quando si gioca come riserva in una qualsiasi squadra, ogni occasione è quella giusta per mettere in difficoltà l’allenatore nella scelta delle formazioni. Il terzino transalpino si sovrappone moltissimo in avanti mettendo in mezzo un paio di traversoni insidiosi, conducendo anche un’ottima gara in copertura. 

Rrahmani 6,5 – Respinge colpo su colpo ogni sortita offensiva dei rossoneri. Marca a uomo Ibrahimovic non permettendo al centravanti svedese di rendersi pericoloso in area di rigore. Vista l’assenza di un leader del calibro di Koulibaly, tocca a lui comandare il reparto.

Juan Jesus 7 – Tomori è stato il migliore tra le fila dei padroni di casa, e lo stesso si può dire per l’ex difensore dell’Inter. Sostituisce Koulibaly nel migliore dei modi mettendo in campo tutta la sua esperienza e la sua fisicità per anticipare ogni azione offensiva del Milan. Sempre attento e concentrato, non commette alcuna sbavatura.

Di Lorenzo 6 – Lo metti a destra o a sinistra e il risultato non cambia. Il terzino della Nazionale italiana viene inserito da Spalletti sulla sinistra visto l’infortunio di Mario Rui. Non delude le aspettative e nonostante l’ammonizione, riesce a prendere bene le misure su Messias. Sufficienza meritata in queste pagelle di Milan-Napoli.

Demme 5,5 – Rischia più volte di farsi ammonire per qualche intervento scomposto di troppo, sbaglia diverse volte nel dettare la manovra (53′ Lobotka 6 – Fa sicuramente meglio del suo compagno di reparto. Spalletti lo inserisce in campo per sfruttare la sua abilità nel tener palla cercando così di conservare il risultato).

Anguissa 5,5 – Non è ancora al top della forma e si vede. Il camerunense commette qualche sbavatura di troppo e non riesce a garantire quella sicurezza e quella solidità viste ad inizio stagione. Rimane comunque prezioso il suo contributo in fase difensiva.

Lozano 6,5 – Il messicano garantisce tanta vivacità al reparto offensivo partenopeo questa sera. Sfrutta la sua agilità e bravura nel saltare l’uomo per mettere in difficoltà la retroguardia dei padroni di casa (78′ Ounas s.v.).

Zielinski 6,5 – La trequarti è l’habitat naturale dell’ex centrocampista dell’Udinese. Si muove molto senza palla svariando da una posizione all’altra del campo per non dare punti di riferimento agli avversari. Serve un assist perfetto sugli sviluppi di corner per il colpo di testa di Elmas che decide la gara (78′ Politano s.v.).

Elmas 7 – Matchwinner della sfida, il macedone sta vivendo fino ad ora una stagione straordinaria. Sostituisce nel migliore dei modi Insigne garantendo qualità all’attacco del Napoli. La rete messa a segno dopo appena 5′ dà maggiore fiducia al giovane esterno di Spalletti protagonista di una prova di gran livello (86′ Ghoulam s.v.).

Le pagelle di Milan-Napoli (0-1): partenopei al secondo posto

Petagna 6 – Spalletti lo preferisce inaspettatamente al posto di Mertens nell’undici titolare. Il centravanti “scuola” Milan non incide più di tanto in fase offensiva, ma si rende protagonista comunque di una buona prova. Fondamentale la sua presenza in campo nel giocare di sponda e nel far salire la squadra (78′ Mertens s.v.).

Allenatore: Luciano Spalletti 8 – Un voto in pagella più che meritato per il tecnico di Certaldo. Insigne, Osimhen e Koulibaly sono solo tre dei tanti assenti importanti quest’oggi, ma lui non demorde, anzi, sorprende tutti inserendo Petagna al posto di un Mertens in un ottimo momento di forma. La fiducia dell’allenatore del Napoli nei confronti dell’attaccante, viene ricambiata da una buona prova, così come la prova da parte delle altre seconde linee messe in campo. La dimostrazione lampante di come se si voglia lottare per traguardi importanti bisogna far uscire il meglio da tutti i componenti della rosa ogni qual volta vengano chiamati in causa. Successo meritato.

LASCIA UN COMMENTO

Per favore inserisci il tuo commento!
Per favore inserisci il tuo nome qui