Le pagelle di Milan-Sassuolo (1-0): Pulisic decisivo

0

Il Milan torna a respirare concludendo l’anno solare con la vittoria di misura il Sassuolo per 1-0. Allo stadio Giuseppe Meazza i rossoneri non conducono una prova brillantissima, pur mantenendo il pallino del gioco. A seguito di alcune chance la decide Christian Pulisic, che sfrutta un rimpallo favorevole e batte Consigli. La squadra di Stefano Pioli torna così al successo dopo il deludente 2-2 di Salerno e conferma il terzo posto, a -3 dall’Inter capolista. Neroverdi invece in piena crisi, successo che manca da 5 gare e zona rossa a sole due lunghezze. Riportiamo le pagelle di Milan-Sassuolo.

Le pagelle di Milan-Sassuolo

Prima di riportare le pagelle dei protagonisti di Milan e Sassuolo, diamo un giudizio alla prova del direttore di gara.

Arbitro: Marinelli 6 – Il fischietto di Tivoli conduce senza particolari patemi, non dovendo gestire alcun episodio eclatante. Ha buon occhio su entrambi i gol annullati al Milan, avendo sempre segnalato prontamente i fuorigioco. Gara corretta anche dal punto di vista disciplinare: solamente l’ex Samu Castillejo è finito nel taccuino dei cattivi. 

Pagelle Milan

Maignan 6,5 – Una sola grande parata ma decisiva su Berardi, a tenere il punteggio inchiodato sullo 0-0. I tiri in porta sono la sua preda e anche nelle uscite alte non corre alcun rischio.

Calabria 6,5 – Prestazione molto attenta per il capitano rossonero, abile a disinnescare Laurentié con diverse chiusure importanti. Dopo tante critiche, San Siro accoglie con un boato i suoi interventi.

Kjaer 6 – Indubbiamente ha perso lo smalto dei giorni migliori, anche per questioni anagrafiche. Ad ogni modo, gioca di esperienza su Pinamonti e chiude tutti gli spazi (81′ Simic s.v.).

Theo Hernandez 6 – Confermato centrale difensivo in piena emergenza, non tradisce le aspettative. Non perde il vizietto e si concede qualche folata in avanti.

Florenzi 6 – Nel complesso tiene bene Berardi e non disdegna qualche sortita offensiva. Tenta la fortuna più volte dalla distanza, ma stecca la conclusione.

Bennacer 7 – Quanto era mancato al centrocampo del Milan! Conduce la manovra con grande senso tattico e con personalità prova anche a sbloccare il match, oltre a servire la palla dell’1-0. Gravitano tanti palloni, Pioli lo perderà per la Coppa d’Africa (63′ Adli 6 – Pasticcia un po’, ma nel complesso argina discretamente il gioco avversario).

Reijnders 6 – Il tocco di palla è veramente sovraffino, ma cicca un’ottima opportunità a seguito del velo di un compagno. A tratti manca di cattiveria sotto porta.

Pulisic 6,5  – Ci pensa l’americano a togliere le castagne dal fuoco, siglando una rete da centravanti opportunista. Di fatto il più pericoloso a prescindere dal gol, sbaglia diversi palloni ma non si dà per vinto. La tenacia lo premia.

Loftus-Cheek 6  – Buoni recuperi palla e qualche buono strappo, sebbene non dia continuità per i minuti in cui resta in campo (74′ Zeroli 6 – Debutto per il classe 2005 in massima serie, aiuta nel contenimento).

Leao 6 – Partita da “vorrei, ma non posso”. Qualche sprint isolato, da quando è rientrato sembra aver perso un po’ la capacità di stappare le gare con i suoi strappi al veleno (82′ Chukwueze 6 – Si rende subito protagonista e sfiora il gol del raddoppio).

Giroud 5 – Forse paga le innumerevoli gare giocate in stagione, ma là davanti è troppo solo e non lotta con la solita grinta che lo contraddistingue (63′ Jovic 5,5 – Non tiene molti palloni e non si rende pericoloso).

Allenatore: Pioli 6 – Il suo Milan non è completamente guarito, eppure tra tanti guai muscolari strappa tre punti fondamentali. Squadra un po’ compassata e non sempre bellissima da vedere, ma oggi punta alla praticità e al successo. Coppa Italia ed Empoli, due appuntamenti da non fallire per non farsi trovare impreparato al giro di boa.

Le pagelle di Milan-Sassuolo (1-0): Pulisic decisivo

Pagelle Sassuolo

Consigli 6 – Tocca ma non quanto basta la conclusione di Pulisic. Non si distingue per interventi particolari, se non la respinta per la rasoiata di Reijnders a inizio gara.

Toljan 6 – Buona gara di contenimento su Leao, che non ha moltissimo margine di ragionamento. In alcune circostanze si sgancia e mette i brividi a San Siro.

Ferrari 6  – Gara tranquilla sul suo versante, buoni interventi difensivi e pochi rischi corsi.

Erlic 6 – Come il suo compagno di reparto limita i danni, i rossoneri raramente concludono all’interno dell’area di rigore (46′ Ruan 5 – Entra e di fatto con un intervento sgraziato consegna a Pulisic il pallone della sconfitta. Decisivo in negativo).

Pedersen 6,5 – Decisamente il migliore del quartetto difensivo, interviene su Pulisic a più riprese e si prende anche Leao. Pochi spazi per offender

Matheus Henrique 5,5 – L’uomo d’ordine fa sentire meno la voce rispetto al consueto. A tratti si eclissa e tutto il giro palla ne risente.

Thorstvedt 5,5 – Non ci sono varchi per gli inserimenti ed è costretto a una gara non propriamente nelle sue corde, a sostegno di Henrique. Poca luce per emergere (89′ Ceide s.v.).

Berardi 6 – Il più pericoloso dei suoi in avanti: 11 gol in carriera al Milan non possono essere una coincidenza. Funge da regista avanzato e crea l’occasione migliore per il Sassuolo (70′ Castillejo 5,5 – Fumoso nei dribbling, si prende un giallo evitabile. Torna a salutare il suo vecchio pubblico).

Bajrami 5 – Completamente avulso dal gioco, fatica enormemente ad emergere e a creare grattacapi. Qualche conclusione sporadica e poco più (65′ Volpato 5,5 – Non incide particolarmente, qualche cross fuori misura e precisione che scarseggia).

Laurentié 5,5 – Uno dei grandi assenti in questa prima parte di stagione. Ha una chance ghiotta ma strozza troppo su Maignan, non trova la giusta fluidità per pungere un attento Calabria (89′ Mulattieri s.v.).

Pinamonti 5 – Gioca molto spalle alla porta, le palle giocabili si contano col contagocce ma non ci mette del suo. 

Allenatore: Dionisi 5,5 – La sensazione è che il Sassuolo giochi col braccino corto, non sfruttando il suo potenziale offensivo. Nella prima frazione il piano va in porto, ma nella ripresa dopo un buon avvio consegna la gara agli avversari. Reazione troppo sterile e cambi che non incidono, la classifica inizia a stringersi. Mai in discussione come in questi giorni.

Le pagelle di Milan-Sassuolo (1-0): Pulisic decisivo

Dove vedere il calcio in streaming e come risparmiare

Su DAZN, al costo di 34,99 euro al mese, è possibile vedere tutte le partite della Serie A, la Serie B, l’Europa League e alcune partite della Conference League.

Sky ha la sua piattaforma streaming, Now TV, dove il Pass Sport, che include tre partite per turno della Serie A e tutta la Champions League e Serie B, costa 9,99 euro al mese.

Amazon Prime Video costa 4,99 euro al mese, e include tutti i servizi Prime oltre le migliori sedici partite della Champions League del mercoledì.

Bonus: come avere un abbonamento alle piattaforme streaming e risparmiare

Esistono alcuni servizi che consentono di condividere l’account delle migliori piattaforme streaming (DAZN, Now TV, Netflix, Prime Video, Disney Plus, ecc.) con altre persone e dunque di risparmiare sugli abbonamenti, parliamo di GamsGoGoSplit o CooSub. Grazie a GamsGo, GoSplit e CooSub è possibile acquistare, ad un prezzo irrisorio, un abbonamento condiviso con altri utenti in maniera facile, veloce e sicura.

LASCIA UN COMMENTO

Per favore inserisci il tuo commento!
Per favore inserisci il tuo nome qui