Le pagelle di Milan-Slavia Praga (4-2): festival del gol

0

I 60 000 spettatori dello stadio Giuseppe Meazza assitono a 6 gol nella sfida tra Milan e Slavia Praga. Ben 6 gol, con i rossoneri che si aggiudicano il primo round e si troveranno a gestire un vantaggio di due reti nel ritorno nella capitale ceca. Pur giocando in superiorità numerica, i ragazzi di Stefano Pioli a tratti soffrono un avversario ben organizzato tatticamente e mai domo. Da sottolineare che il pubblico inizia a a fischiare sul 3-2, subendo l’urto d’onda dei cechi, fino alla gran giocata di Leao che chiude i giochi. A seguire le pagelle di Milan-Slavia Praga.

Le pagelle di Milan-Slavia Praga

Prima di riportare le pagelle dei protagonisti di Milan e Slavia Praga diamo un giudizio alla prova del direttore di gara.

Arbitro: Meler 6 – Decisioni di quelle pesanti per il fischietto di nazionalità turca, che esclude il giovane Diouf che interviene ingenuamente a martello su Pulisic. Osservando il regolamento, sebbene apparentemente sembri severa, ci può stare poiché rischia di fare male seriamente all’avversario. Per il resto gestisce senza affanno.

Pagelle Milan

Maignan 6 – In leggero ritardo sulla sassata di Doudera, ma è un tiro ben preciso che il portiere francese riesce comunque a sfiorare.  Poco può sul momentaneo 3-2.

Florenzi 6,5 – Prezioso con la sua esperienza e astuzia, come quando su un tocco corto da corner spalanca a Reijnders la porta. Bissa con un piazzato al bacio per la testa di Loftus-Cheek. Motorino inesaurubile (46′ Calabria 6 – Qualche svista quà e là, ma tiene discretamente la posizione).

Kjaer 5,5 – Inizia con il piglio giusto, ma sui calci piazzati soffre insolitamente e compie una serie di svarioni che avrebbero potuto causare situazioni pericolose.

Gabbia 6 – Alterna buone chiusure a disattenzioni potenzialmente fatali, paga delle amnesie dopo una seconda di parte di stagione ottima (46′ Tomori 6 –  Conduce molto palla e si fa superare raramente).

Theo Hernandez 5,5 – Troppo solo Schranz sul 3-2, non sprinta come al solito e gioca a ritmi molto ridotti rispetto alle sue potenzialità, senza innescare mai il binomio con Leao.

Adli 6 – Regia ordinata, soffre un po’ fisicamente i muscoli dello Slavia Praga. Quando gli avversari creano superiorità va un po’ in apnea.

Reijnders 6,5 – Ci mette un po’ a ingranare, poi prende le redini del gioco e con una sventola da fuori spiana la strada del Milan. Sul velluto nella ripresa (80′ Bennacer s.v.).

Pulisic 6,5 – Sempre nel vivo dell’azione, per la seconda gara di fila causa un’espulsione (stavolta senza polemiche annesse). Come Tomasson in Milan-Ajax ruba il gol a Leao e si prende comunque i meriti per una buona partita.

Loftus-Cheek 6,5 – Come Reijnders impiega un po’ a entrare nel match, anche a causa della grande pressione altrui. Poi sale in cattedra e incorna per il gol del 3-1. Poi gestisce e lascia il campo per andare alla ricerca del 4-2 (67′ Jovic 6 – Tanto movimento e una rasoiata fuori di poco).

Leao 7 – Pulisic gli sottrare un gol tutto suo, ma è determinante quando si accende e si porta idealmente il pallone a casa. Pennella perfettamente per Giroud e salta mezza difesa per il 4-2, se solo avesse sempre questa continuità…

Giroud 6,5 – Solito lavoro sporco per la squadra e il primo tiro è tramutato in oro. Quanto basta per fare felici i suoi tifosi, c’è nel momento giusto (80′ Okafor s.v.).

Allenatore: Pioli 6 – Inspiegabile come la squadra possa lasciare così tanto campo al cospetto di uno Slavia Praga ridotto in 10 uomini. Troppe amnesie e due gol presi da palla inattiva, ci pensano i suoi uomini offensivi a risolvere una gara più complicata del previsto. Sarà necessaria maggiore attenzione nel ritorno, blackout del genere non saranno ammessi.

Le pagelle di Milan-Slavia Praga (4-2): festival del gol

Pagelle Slavia Praga

Stanek 5,5 – Miracoloso su Gabbia da pochi passi, ma non copre il suo palo su Reijnders. A conti fatti, è un errore che incide.

Vlcek 5,5 – Considerando la caratura dell’incontro tiene piuttosto bene su Leao, fino a quando il portoghese non si accende e lo manda al bar con un dribbling ubriacante.

Holes 6 – Nettamente il migliore della retroguardia, va di anticipo e sbaglia poco. 

Zima 5 – Beffato da Giroud sull’1-0, soffre tremendamente sulle palle inattive. L’ex Torino gioca in apnea e va in difficoltà.

Diouf 4,5 – Di fatto compromette la gara. Al 12′ tutto solo cicca un pallone che avrebbe meritato sorte migliore. Poi la follia su Leao e l’espulsione, ha solo 20 anni e avrà tutto il tempo per maturare.

Masopust 6 – Buon lavoro con la sua fisicità, imposta e fa un lavoro oscuro prezioso per la squadra (86′ Wallem s.v.).

Oscar 5,5 – Perde diversi duelli in mezzo al campo, non riesce mai a entrare pienamente nel cuore della gara.

Doudera 7 – Si inventa un gol al volo da cineteca ed è una minaccia continua con i suoi inserimenti. Punto di riferimento sull’out di destra offensivo (86′ Tomic s.v.).

Provod 6,5 – Batte il piazzato che innesca la rete del 3-2, piede molto preciso, al centro delle azioni offensive sulla trequarti, lotta fino alla fine (83′ Jurecka s.v.).

Zmrly 5,5 – Discontinuo fin quando rimane in campo, Florenzi prima e Calabria poi ne limitano il raggio di azione senza affanni (83′ Boril s.v.).

Chytil 5,5 – Troppo isolato in avanti, condizionato anche dalla situazione di inferiorità numerica dei compagni. Pochi movimenti in profondità, di fatto mai pericoloso (61′ Schranz 6,5 – Fa nettamente meglio, spedendo in fondo al sacco un invito della disattenta difesa del MIlan).

Allenatore: Trpisovsky 6 – Risultato che forse punisce eccessivamente una compagine coraggiosa e con un piano tattico molto chiaro. Annulla il Milan sino alla superiorità numerica e anzi, accarezza pure l’idea di rimonta con una pressione continua. Paga la superiorità tecnica avversaria, avversario insidioso che potrebbe dare fastidio nella gara di ritorno col fattore campo a favore.

Le pagelle di Milan-Slavia Praga (4-2): festival del gol

Dove vedere il calcio in streaming e come risparmiare

Su DAZN, al costo di 34,99 euro al mese, è possibile vedere tutte le partite della Serie A, la Serie B, l’Europa League e alcune partite della Conference League.

Sky ha la sua piattaforma streaming, Now TV, dove il Pass Sport, che include tre partite per turno della Serie A e tutta la Champions League e Serie B, costa 9,99 euro al mese.

Amazon Prime Video costa 4,99 euro al mese, e include tutti i servizi Prime oltre le migliori sedici partite della Champions League del mercoledì.

Bonus: come avere un abbonamento alle piattaforme streaming e risparmiare

Esistono alcuni servizi che consentono di condividere l’account delle migliori piattaforme streaming (DAZN, Now TV, Netflix, Prime Video, Disney Plus, ecc.) con altre persone e dunque di risparmiare sugli abbonamenti, parliamo di GamsGoGoSplit o CooSub. Grazie a GamsGo, GoSplit e CooSub è possibile acquistare, ad un prezzo irrisorio, un abbonamento condiviso con altri utenti in maniera facile, veloce e sicura.

LASCIA UN COMMENTO

Per favore inserisci il tuo commento!
Per favore inserisci il tuo nome qui