Le pagelle di Napoli-Inter (0-3): Inter strepitosa al Maradona!

0
Le pagelle di Napoli-Inter (0-3): Inter strepitosa al Maradona!

Il Napoli cade amaramente contro l’Inter al Maradona per 3-0 e non ci resta che passare alle pagelle di questo match. L’Inter si porta nuovamente al primo posto e sopra la Juventus e rimanda un’eventuale riapertura della lotta scudetto, per il momento. Primo tempo molto combattuto tra le due squadre che giocano a viso aperto, cercano luno contro uno e non mancano occasioni pericolose sia da una parte che dall’altra. La traversa di Politano a fine primo tempo, mentre Lautaro manca di poco il gol nel primo tempo. Poi il missile di Calhanoglu ammutisce a fine primo tempo il Maradona. Nel secondo tempo è Barella con una giocata super fantastica a portare il risultato sul 2-0. Alla fine a chiudere i giochi ci pensa Marcus Thuram su assist di Cuadrado. 

Le pagelle di Napoli-Inter

Prima di analizzare le pagelle dei giocatori e degli allenatori di Napoli-Inter, proponiamo quella sull’arbitro. 

Arbitro: Davide Massa 4,5 – Dove c’è Massa ci sono le polemiche L’episodio del gol annullato nel primo tempo a Thuram è stato gestito molto bene; mentre sul rigore di Osimhen qualche dubbio persiste, come nella trattenuta di Lautaro su Lobotka. 

Pagelle Napoli

Meret 5,5 – Deve fare i salti mortali su Lautaro Martinez, ma sul missile di Calhanoglu non può fare assolutamente nulla. Sul gol di Barella sbaglia la difesa e per fermarlo avrebbe dovuto fare solo un miracolo. Ennesima valanga di gol subita, compresa quella di Madrid. 

Di Lorenzo 6 – Buon primo tempo di spinta, a cui manca solo la finalizzazione del bomber. Nel secondo tempo deve resistere alla valanga nerazzurra. 

Rhamani 4 – Male oggi, veramente male. Poca precisione e concede troppo agli attaccanti. Mazzarri ha da lavorare su di lui. 

Ostigard 5 – Grinta e carattere, la giusta ricetta per la partita di questo ragazzo. Peccato che nel secondo tempo scompaiono del tutto. Male su Barella e sul gol di Thuram. 

Natan 5,5 – Largo a sinistra a fare un terzino più moderato e difensivo, rispetto a Di Lorenzo. Partita coraggiosa e non ha paura di spingersi contro Dumfries, ma su Cuadrado nel finale non riesce a coprire e nasce il gol di Thuram (86′ Zerbin s.v.). 

Anguissa 6,5 – Primo tempo in cui sbaglia pochissimo, corre e dà fluidità al gioco. 

Lobotka 6 – Oggi si è rivisto quel centrocampista spallettiano che ha fatto innamorare Napoli. Quando gioca di prima è fenomenale ed è un altro giocatore rivitalizzato da Mazzarri. Cala nel secondo tempo. (74′ Lindstrom 5 – Prova lo squillo nel finale, unica nota da sottolineare di un ingresso inutile). 

Elmas 6,5 – Mazzarri l’ha resuscitato dopo che Garcia lo stava rovinando a suon di panchine. Nel primo tempo è pericoloso dalla distanza e aiuta in fase offensiva (74′ Zielinski 5 – Entra per provare a riaccendere il Napoli, ma non riesce a incidere e non sembra essere nemmeno entrato). 

Politano 7 – Vuole il gol dell’ex, ma ci sono di mezzo Sommer e la traversa nel primo tempo. Esce dal campo stremato, perché ha veramente dato l’anima oggi (67′ Raspadori 5 – Prova a cercare Osimhen o almeno a servirgli qualche pallone per riaccenderlo, ma la difesa nerazzurra lo travolge). 

Osimhen 5 – Nel primo tempo il nigeriano non riesce a incidere, sembra impreciso e che non riesca a leggere i palloni che gli servono. Nel secondo tempo sovrasta Carlos Augusto, ma manca il guizzo per riaprire la partita. 

Kvaratskhelia 5,5 – È devastante, sempre. Mette in difficoltà la difesa nerazzurra, ma lì davanti deve segnare. Nel secondo tempo si mangia un’azione clamorosa, merito anche di Sommer. 

Allenatore: Walter Mazzarri 6 – Primo tempo quasi perfetto, se non fosse per il gol dell’Inter. Nel secondo tempo probabilmente è mancata quella freddezza sotto porta, perché non è un Napoli che non ha affrontato la partita. Tutto il contrario: coraggioso e determinato, ma senza i gol dell’attacco.  

Pagelle Inter 

Sommer 9 –  Quella parata su Kvaratskhelia vale come un gol. Palleggiatore e guardiano supremo di una squadra che ormai ha dimenticato Onana. 

Darmian 6,5 – Altra grande partita del difensore, punto saldo della difesa nerazzurra. Oggi deve fare i conti con Kvaratskhelia, ma riesce a coprire bene (85′ Bissek s.v.). 

Acerbi 8 – Penso che gli aggettivi per questo difensore siano ormai terminati. Tanto di cappello perchè oggi contro questo Napoli era veramente una sfida difficile, ma è stato oltre l’altezza di quello che si pretendeva. 

De vrij 6 – Fermato solo dall’infortunio, in quel poco tempo è sembrato essere perfettamente in partita (Carlos Augusto 6,5 – Un ruolo un po’ diverso dal solito, ma che comunque interpreta benissimo. Con De vrij infortunato adesso potrà mostrare il suo valore). 

Dumfries 6 – Nel primo tempo deve svegliarsi in qualche modo, ma le urla di Inzaghi non sembrano funzionare. Oggi è apparso meno pericoloso, anzi una partita simile a quella di Torino (77′ Cuadrado 6,5 – Pochi minuti per servire un pallone in mezzo a Thuram e chiudere i giochi. Inzaghi sorride, ritrovando in squadra un giocatore che potrà essere fondamentale). 

Barella 8 – Classe che è inutile parlarne per non essere ripetitivo. Dominatore assoluto e serve il pallone al turco per portare in vantaggio i nerazzurri. Nel secondo tempo la sua giocata è un capolavoro degno della Pinacoteca di Brera e finalmente realizza il primo gol di questa stagione. 

Calhanoglu 8 – Che sassata! Che gol! Un gol assurdo che porta in vantaggio l’Inter. Regia perfetta, in tutti i sensi, ma oggi non si può non parlare di uno dei gol più belli di questo campionato. 

Mhkitaryan 6,5 – Partita dopo partita si capisce perché Inzaghi si affidi alla sua esperienza (77′ Frattesi s.v.). 

Dimarco 6 – Quando meno te l’aspetti ecco che contribuisce alla all’azione del gol del vantaggio. Oggi forse meno pericoloso del solito, ma comunque decisivo a suo modo.  

Lautaro Martinez 6,5 – Oggi solo Meret lo separa dal gol nello stadio del mito argentino, Maradona. Poi nel secondo tempo deve sacrificarsi e riesce a servire il primo gol della sua stagione. 

Thuram 7 – Oggi nel primo tempo prova a far segnare Lautaro, ma alla fine è lui a chiudere la partita sul pallone filtrante di Cuadrado (85′ Aranutovic s.v.). 

Allenatore: Simone Inzaghi 8 – Cosa dire di questa Inter? La partita riconferma il valore di questa squadra, che è superiore a un Napoli a scoppio ritardato per questo campionato, alla Juventus e anche al Milan. Oggi ennesima partita gestita bene e si gioca la carta Carlos Augusto nella difesa a tre con tutti i rischi che comporta. 

Dove vedere il calcio in streaming e come risparmiare

Su DAZN, al costo di 34,99 euro al mese, è possibile vedere tutte le partite della Serie A, la Serie B, l’Europa League e alcune partite della Conference League.

Sky ha la sua piattaforma streaming, Now TV, dove il Pass Sport, che include tre partite per turno della Serie A e tutta la Champions League e Serie B, costa 9,99 euro al mese.

Amazon Prime Video costa 4,99 euro al mese, e include tutti i servizi Prime oltre le migliori sedici partite della Champions League del mercoledì.

Bonus: come avere un abbonamento alle piattaforme streaming e risparmiare

Esistono alcuni servizi che consentono di condividere l’account delle migliori piattaforme streaming (DAZN, Now TV, Netflix, Prime Video, Disney Plus, ecc.) con altre persone e dunque di risparmiare sugli abbonamenti, parliamo di GamsGoGoSplit o CooSub. Grazie a GamsGo, GoSplit e CooSub è possibile acquistare, ad un prezzo irrisorio, un abbonamento condiviso con altri utenti in maniera facile, veloce e sicura.

LASCIA UN COMMENTO

Per favore inserisci il tuo commento!
Per favore inserisci il tuo nome qui