Le pagelle di Roma-Monza (1-0): Mourinho la risolve con i cambi

0

Di seguito le pagelle della sfida tra Roma Monza, anticipo domenicale della nona giornata del campionato di Serie A. Partita vinta dai giallorossi per 1-0, in virtù della rete al 90′ di Stephan El Shaarawy.

Le pagelle di Roma-Monza

Prima di entrare nel merito delle pagelle della gara tra Roma Monza, ecco un giudizio sulla direzione di gara dell’arbitro dell’incontro, il signor Ayroldi.

Arbitro: Ayroldi 5 – Si può discutere sul secondo giallo per D’Ambrosio, ma in particolare non sembra coerente nel metro di giudizio: manca un’ammonizione a metà campo per Paredes, e in generale i fischi non sembrano avere logica, da una parte e dall’altra.

Pagelle Roma

Rui Patricio 6,5 – Il Monza è fondamentalmente inoperoso per tutto il primo tempo, mentre nella ripresa è attento su due conclusioni di Birindelli.

Mancini 6,5 – Ordinaria amministrazione dalle sue parti nel primo tempo, senza particolari rischi da correre. Ma è fondamentale su Vignato con una chiusura decisiva in piena area.

Cristante 6 – Si occupa della gestione di Colombo, che non gli crea grossi problemi. Torna a centrocampo nella ripresa, provando a inserirsi quando può.

N’dicka 6 – Dei tre centrali è quello che prende più iniziative in fase offensiva, sfruttando anche la sterilità del possesso dei brianzoli, che non crea pericoli nel primo tempo (73′ Llorente 5,5 – Non è il massimo dell’attenzione: soffre oltremodo l’1vs1 su Vignato).

Karsdorp 5,5 – Non è sempre continuo in termini di qualità in fase di spinta, sbaglia diverse scelte (73′ Zalewski 6 – Accompagna con buona volontà, senza però grande intraprendenza tecnica).

Bove 6 – Si inserisce con il contagocce, ma dimostra di poter offrire soluzioni quando si mette in moto (62′ El Shaarawy 7 – Pochi palloni toccati, e quei pochi li sbaglia anche. L’unico che indovina è al 90′: botta a colpo sicuro in piena area che vale il gol dei 3 punti, facendo esplodere l’Olimpico).

Paredes 5,5 – Regia abbastanza scolastica e senza grossi intoppi nel primo tempo, ma nella ripresa sbaglia diversi palloni. E Ayroldi lo grazia.

Aouar 5,5 – Ha una chance di testa nel primo tempo, ma da ottima posizione tira centrale. Senza Dybala dovrebbe essere lui l’uomo dell’ultimo passaggio, ma gli manca il coraggio.

Spinazzola 6,5 – Molto continuo in fase di spinta, e non a caso le occasioni dei giallorossi passano spesso dai suoi piedi (80′ Kristensen S.V.).

Lukaku 5 – Più sponda che attacco alla profondità, complice la buona marcatura di Marì. Poco mobile, poca velocità di pensiero ed esecuzione, e pochissima qualità. E anche sfortunato sul palo colpito nella ripresa.

Belotti 6 – Si comporta da seconda punta, girando intorno a Lukaku; un cross non sfruttato da Aouar e una zampata respinta da Di Gregorio le occasioni costruite da lui (62′ Azmoun 6,5 – Dinamico e sempre attivo, utile soprattutto da seconda punta. Anche sfortunato, però: palo interno clamoroso a 2′ dalla fine. E sempre da un suo tiro respinto scaturisce la conclusione vincente di El Shaarawy).

Allenatore: José Mourinho 6 – Davanti sembra mancare l’inventiva per arrivare alla conclusione. E anche in superiorità numerica il giro palla è lento e poco coraggioso. Al tutto si aggiunge la solita dose di sfortuna: altri due pali fermano i giallorossi. Alla fine, però, la risolvono i cambi: Azmoun El Shaarawy si rivelano decisivi. Solito rosso per proteste nel finale.

Pagelle Monza

Di Gregorio 6,5 – La sua “ordinaria amministrazione”: un miracolo su Aouar e un altro su Belotti permettono ai suoi di restare in parità nel primo tempo. Il palo lo salva in due circostanze nella ripresa. Non può nulla, però, sul tiro di El Shaarawy.

D’Ambrosio 4,5 – Sciagurato il suo modo di aggredire gli avversari: due gialli molto ingenui (soprattutto il secondo) lasciano i suoi compagni in 10 già nel primo tempo.

Marì 6,5 – Si occupa di Lukaku, e lo fa con buona concentrazione per tutta la prima frazione. Non perde colpi nella ripresa, anzi tiene alta la guardia: due ottime chiusure sul centravanti belga.

Caldirola 6 – Quando può aiuta Marì nella marcatura su Lukaku; nella ripresa si divide in più zone del campo, risultando sempre molto attento. Forse poco reattivo sulla mischia che porta al gol di El Shaarawy.

Pedro Pereira 5,5 – Non disdegna le sortite offensive, ma in difesa lascia tanti spazi a Spinazzola, che lo sorprende più di una volta (46′ Birindelli 6,5 – Difende soprattutto, ma quando può si mette in mostra in attacco: due buone conclusioni respinte da Rui Patricio).

Gagliardini 6 – Mette più sostanza che qualità, ergendo una diga con Pessina difficile da superare, nonostante l’inferiorità numerica.

Pessina 6,5 – Regia ordinata ma senza particolari spunti, complice la difesa compatta dei giallorossi. Ma è determinante in fase difensiva, con tante chiusure decisive nella ripresa.

Kyriakopoulos 6 – Spinge e difende con più ordine del suo compagno sull’altra fascia, proponendosi anche con tagli profondi sulla trequarti avversaria (84′ Donati S.V.).

Colpani 6,5 – Inventa occasioni anche da fermo, come il tiro da lontano nella ripresa vicino all’incrocio. Ma stavolta è decisivo anche in difesa, con un salvataggio fondamentale in piena area di rigore (64′ Vignato 6,5 – Entra subito con qualità e voglia di prendersi la scena, con dribbling e buone giocate. Fa ammattire la difesa giallorossa quando ha la palla al piede).

Machin 6 – Cerca di tanto in tanto di proporre qualche soluzione interessante, ma dalle sue parti Mancini è difficile da superare. Sacrificato da Palladino dopo l’espulsione di D’Ambrosio (45′ Carboni 6 – Costretto a entrare a freddo dopo il rosso di D’Ambrosio, si dà da fare in fase difensiva).

Colombo 5,5 – Ha qualche pallone interessante da poter gestire, ma li spreca tutti. Poco mobile, e soprattutto poco qualitativo (64′ Mota 6 – Duetta bene con Vignato, proponendosi spesso sulla trequarti avversaria).

Allenatore: Raffaele Palladino 6 – I suoi vogliono imporre il loro gioco. Il piano partita, però, va a monte quando sopraggiunge l’inferiorità numerica. Eppure, sfruttando una buona fase difensiva, anche i brianzoli hanno le loro occasioni per segnare, giocando con grande attenzione e coraggio. Tutto, però, vanificato dal gol al 90′ di El Shaarawy.

LASCIA UN COMMENTO

Per favore inserisci il tuo commento!
Per favore inserisci il tuo nome qui