Le pagelle di Roma-Sassuolo (1-0): Pellegrini sventa il passo falso

0

Riportiamo le pagelle della sfida del ventinovesimo turno di Serie A che metterà l’una di fronte l’altra Roma e Sassuolo. Il finale di pomeriggio domenicale del campionato italiano aprirà le porte dello Stadio Olimpico alla formazione casalinga guidata dal tecnico Daniele De Rossi e agli ospiti neroverdi. Il primo tempo dell’incontro ha sorprendentemente visto la squadra data tra le mani di mister Ballardini dare più di qualche fastidio ai giallorossi. Tuttavia le rose sono andate negli spogliatoi sullo 0-0. Nella seconda frazione la Roma è riuscita a trovare il gol vittoria con Pellegrini. Caparbio nell’insaccare alle spalle di Consigli la palla all’angolino basso destro della porta. I giallorossi conquistano ancora i tre punti, nonostante sia stata buona la prova degli ospiti.

Le pagelle di Roma-Sassuolo

Precedentemente all’analisi completa e le pagelle di calciatori e allenatori di RomaSassuolo, tuttavia, c’è da evidenziare la prova del direttore di gara.

Arbitro: Gianluca Manganiello 7 – Corretta la gestione della partita da parte del direttore. Giusta la scelta di mostrare pochi cartellini, solo tre, nell’andamento del match. Con i rispettivi capitani e i giocatori in campo ottima la gestione emotiva. Non era affatto semplice arbitrare così una partita chiusa e nervosa.

Pagelle Roma

Svilar 6,5 – Ultimamente il giovane portiere si sta rendendo protagonista di prove eccezionali tra i pali. Contro il Sassuolo, a maggior ragione, oltre ad aver tenuto inviolata la porta dei suoi ha anche gestito la retroguardia a dovere. Dopo la sconfitta di misura di Brighton torna subito il clean-sheet.

Karsdorp 6 – Non la migliore prestazione dell’olandese ma una prova di coraggio niente male. Soprattutto perché l’avversario da marcare rispondeva al nome di Laurienté. Fase difensiva sufficiente ma troppa velocità di pensiero ed esecuzioni sbagliate quando si è trattato di far avanzare la squadra in avanti (70′ Celik 6 – Serviva un ricambio in quel momento della partita sull’out di destra. Soprattutto perché Karsdorp iniziava ad accusare la mancanza di lucidità. In questo senso, risulta positiva la prova in campo nei venti minuti disponibili di Celik).

Mancini 6,5 – Si da sempre da fare, lavorando il doppio per arrivare dove i propri compagni non arrivano. Sia in fase di chiusura che di impostazione sbilanciata in avanti. Perfetto e cinico in ogni chiusura, sia su Pinamonti che sul veloce e pericoloso Laurienté. In vista dell’Europeo in Germania la Nazionale azzurra potrà fare affidamento ad un difensore sempre più maturo.

Llorente 5,5 – Qualche sbavatura nella partita del numero 14 si è registrata. Il difensore poco prima del fischio finale è anche andato molto vicino alla propria autorete. Che avrebbe certamente messo i bastoni tra le ruote alla vittoria finale dei suoi. Il palo concede a Llorente e ai compagni di fare un sospiro di sollievo. Per ciò che riguarda la sua prestazione difensiva, infine, ha faticato nel trovare continuità in campo.

Spinazzola 6,5 – Un infortunio muscolare sospetto lo costringe ad abbandonare anzitempo il campo poco prima della fine del primo tempo. Prima di essere sostituito, però, l’ex Juventus ha avuto modo di mettere in mostra le sue migliori qualità. Dimostrando di essere il migliore in campo dei suoi nel primo scorcio di gara grazie ad importanti chiusure difensive e palloni telecomandati in avanti (37′ Angelino 6,5 – Il neo-acquisto dal Galatasaray ha condotto una prova alla sua altezza. Come quelle ammirate nei suoi primi minuti italiani a febbraio. Lo strappo lungo la fascia sinistra ha messo in serie difficoltà la retroguardia del Sassuolo. Diventando con il passare dei minuti una minaccia non semplice da contenere).

Cristante 5,5 – La prima frazione di gioco ha inciso negativamente sulla valutazione finale del calciatore. Di fatto, scelte affrettate e sbagliate di passaggio, oltre ad una marcatura su Obiang poco sicura, hanno messo il punto esclamativo sulla prestazione opaca. Nel secondo tempo è cresciuto nei ritmi, facendo anche correre in maniera diversa e più propositiva la Roma.

Paredes 6,5 – L’ex Juventus continua ad inanellare in campo prove da grandissimo giocatore. Quando serve una palla con il contagiri in avanti lui non si tira mai indietro. Oltretutto la rete del finale 1-0 firmata Pellegrini porta il suo assist. Riuscendo con un bel passaggio a creare spazio per il numero 7, poi molto bravo nel concludere l’azione con classe.

Pellegrini 7,5 – Sicuramente il migliore in campo dei suoi. Il gol registrato oggi per la finale vittoria è un mix di qualità e leadership invidiabile. Con l’arrivo in panchina del tecnico Daniele De Rossi il trequartista giallorosso ha ricominciato a convincere i supporters. Lo Stadio Olimpico è caduto di nuovo ai suoi piedi, regalando tre punti pesanti.

Aouar 5,5 – In una posizione che di fatto non è quella naturale l’ex centrocampista del Lione ha fatto un pò di fatica. Le chance più importanti per andare dalle parti di Consigli, infatti, non sono arrivate dal suo lato ma da quello opposto. In realtà, in generale, il terminale di destra assieme a Karsdorp non ha funzionato a dovere. Motivo per il quale mister De Rossi ha cambiato entrambi (70′ Baldanzi 6,5 – Come al solito l’ex Empoli si dimostra in grado di subentrare e dare un piglio ancora più positivo alle azioni d’attacco dei giallorossi. Grazie ad una rapidità di gamba e pensiero individiabile, Baldanzi ha provato in più di una occasione a bussare dalle parti di Consigli per chiudere definitivamente la partita).

Lukaku 5,5 – Molte opportunità di pungere Consigli, ma ancora una volta il belga non ha inquadrato a dovere la porta. La morsa difensiva del Sassuolo ha avuto un ulteriore ruolo nella prova poco convincente dell’ex Inter. Non è stato semplice partecipare alle azioni, oltretutto se spesso non cercato a dovere dai propri compagni (86′ Azmoun 6 – Subentra nei minuti finali della gara, ma nonostante ciò merita di essere valutato con il voto. Prende subito un’ammonizione in mezzo al campo, per cercare di evitare la ripartenza neroverde. Dopodichè crea superiorità nascondendo con classe il pallone agli avversari).

El Shaarawy 5,5 – L’ala sinistra capitolina ha cercato di rendersi imprevedibile. Ma la buona marcatura alta di Pedersen e una mancanza di idee generale hanno messo in cattiva luce la prestazione dell’ex Milan tra le altre. Mister De Rossi decide di sostuirlo in quanto il giocatore ha evidenziato stanchezza nei minuti finali dell’incontro (86′ Huijsen s.v.).

Allenatore: De Rossi 7 – Ha visto gli uomini scesi in campo un pò provati. Probabilmente visto l’insieme di impegni ravvicinati ed importanti da poco superati. Con la giusta testa e carattere, però, il neo-tecnico dei giallorossi ha provato, con successo, a dare una spinta. Fino all’ultimo minuto di gioco ha partecipato attivamente per dare indicazioni.

Le pagelle di Roma-Sassuolo (1-0): Pellegrini sventa il passo falso
Leandro Paredes, Roma

Pagelle Sassuolo

Consigli 6 – L’estremo difensore del Sassuolo ha finalmente dimostrato il proprio status da veterano di partite di questo calibro ed importanza. Se non fosse stato per la sua reattività ed esperienza tra i pali probabilmente la Roma avrebbe potuto terminare l’incontro con qualche gol di scarto in più. La rete subìta da Pellegrini rimane l’unica sbavatura, tuttavia più da parte della difesa che da Consigli.

Pedersen 6,5 – Prima che la partita iniziasse c’era più di qualche perplessità attorno alla possibile prestazione del terzino destro. In quanto calciatori come El Shaarawy sono difficili da contenere. Invece, Pedersen ha messo in campo una delle sue migliori prove da quando è in Emilia, facendo valere il fisico in difesa e lo strappo veloce in profondità.

Erlic 5,5 – A pochi istanti dal fischio finale spende il cartellino giallo, rivelatosi fondamentale in quanto diffidato. Salterà quindi la prossima importante partita di Serie A per tentare di salvarsi e non retrocedere. Tuttavia, nel corso del match assieme al compagno di reparto ha schermato molto bene Lukaku e compagni. Sulla rete di Pellegrini rimane un dubbio il posizionamento troppo al ridosso di Consigli.

Ferrari 6 – La voglia di uscire dal campo di Roma con almeno un punto si è vista negli occhi del difensore per tutto l’andamento della partita. In effetti Ferrari ha provato in tutti i modi a tenere a galla la propria retroguardia grazie a delle scelte di passaggio e chiusure sugli attaccanti avversari da gran giocatore. Alla fine, però, il risultato non gli ha dato la ragione sperata.

Viti 6 – Il terzino sinistro di mister Ballardini ha provato a dare profondità ai suoi con incursioni palla al piede pericolose. Con il passare dei minuti, però, il giocatore ha iniziato a sentire la stanchezza. Non riuscendo a dare lo stesso contributo del primo tempo. Rimane comunque uno dei più propositivi dei suoi (86′ Ruan s.v.).

Racic 5 – Sulla rete del definitivo 1-0 dei giallorossi il centrocampista del Sassuolo non ha chiuso gli spazi come dovuto. Lasciando spazio di conclusione a Pellegrini ha concesso un’occasione troppo ghiotta al numero 7 della Roma. Sbavatura, questa, che giudica negativamente la prestazione del numero 6, nonostante un incoraggiante inizio di gara (79′ Bajrami s.v.).

Obiang 6 – Il mediano dei neroverdi ha condotto una gara di grande sacrificio. Nel primo tempo ha dato filo da torcere anche alla retroguardia della Roma, con annessa chance di andare alla conclusione da fuori. Poi, nel secondo tempo ha decisamente rallentato, sia nelle scelte di passaggio che nella marcatura (72′ Volpato 5,5 – Mister Ballardini ha puntato sulle conoscenze dell’ambiente giallorosso del giovane centrocampista. Tuttavia, il peso specifico del centrocampo di De Rossi ha sovrastato il suo talento. Rendendo pressoché inutile l’apporto palla al piede di Volpato).

Henrique 5,5 – Soprattutto nel primo tempo ha sferrato una prova incoraggiante. Con il passare dei minuti e l’aumentare della fatica, però, il centrocampista neroverde ha abbassato i giri del motore. Risultando distratto anche nell’azione che ha poi portato Pellegrini a guadagnare campo e ad andare indisturbato dalle parti dell’estremo difensore del Sassuolo.

Defrel 6 – Lungo la fascia destra ha decisamente sofferto la presenza di Spinazzola. Dopo l’uscita in campo del numero 37, però, il francese ha avuto l’occasione di rifarsi. Andando a prendere la palla fino al cuore del centrocampo e dando spunti interessanti a Pinamonti. Tuttavia, a Defrel è mancato un pizzico di lucidità (73′ Boloca 5,5 – Ha provato a dare una rinfrescata alle manovre in avanti dei suoi. In un momento della gara nel quale risultava opportuno non perdere il focus dall’area di rigore avversaria. Qualche occasione per dare fastidio se l’è procurata. Ma, nel complesso, nulla di fatto).

Pinamonti 5,5 – Incolore la prova offensiva del numero 9 neroverde. Dinanzi a Svilar ha avuto poche occasioni per dare fastidio, venendo ben coperto dalla retroguardia della Roma. La progessione con il pallone tra i piedi è stata ben fatta. Chiaramente, però, non può bastare per giudicare positivamente la prestazione di un terminale offensivo (79′ Mulattieri s.v.).

Laurienté 6 – Molto positivo l’apporto offensivo messo in campo contro la Roma dall’ala sinistra francese. Se avesse avuto la giusta lucidità anche dalle parti di Svilar, allora Laurienté sarebbe riuscito a salvare i suoi dalla sconfitta. La velocità di esecuzione e la rapidità palla al piede del calciatore lo hanno dipinto come pericolo numero uno della gara dalle parti di Mancini e Llorente.

Allenatore: Ballardini 6,5 – Per quello che si poteva aspettare il pubblico prima dell’inizio dell’incontro il tecnico dei neroverdi ha messo molto bene in campo i suoi. Dimostrando che la formazione a propria disposizione ha tutte le possibilità di salvarsi e non retrocedere in Serie B. Solamente una sbavatura difensiva nel secondo tempo è costata la partita e il possibile pareggio che sarebbe risultato oro.

Le pagelle di Roma-Sassuolo (1-0): Pellegrini sventa il passo falso

Dove vedere il calcio in streaming e come risparmiare

Su DAZN, al costo di 34,99 euro al mese, è possibile vedere tutte le partite della Serie A, la Serie B, l’Europa League e alcune partite della Conference League.

Sky ha la sua piattaforma streaming, Now TV, dove il Pass Sport, che include tre partite per turno della Serie A e tutta la Champions League e Serie B, costa 9,99 euro al mese.

Amazon Prime Video costa 4,99 euro al mese, e include tutti i servizi Prime oltre le migliori sedici partite della Champions League del mercoledì.

Bonus: come avere un abbonamento alle piattaforme streaming e risparmiare

Esistono alcuni servizi che consentono di condividere l’account delle migliori piattaforme streaming (DAZN, Now TV, Netflix, Prime Video, Disney Plus, ecc.) con altre persone e dunque di risparmiare sugli abbonamenti, parliamo di GamsGoGoSplit o CooSub. Grazie a GamsGo, GoSplit e CooSub è possibile acquistare, ad un prezzo irrisorio, un abbonamento condiviso con altri utenti in maniera facile, veloce e sicura.

LASCIA UN COMMENTO

Per favore inserisci il tuo commento!
Per favore inserisci il tuo nome qui