Le pagelle di Sassuolo-Napoli (1-6): splendida tripletta di Osimhen!

0

Riportiamo le pagelle complete della sfida di recupero di Serie A tra Sassuolo e Napoli. Dalla cornice emiliana del Mapei Stadium va in scena la partita di campionato italiano tra i padroni di casa dei neroverdi e gli ospiti partenopei. Il primo tempo del match ha visto passare in vantaggio gli uomini di mister Bigica grazie alla bella rete di Račić. Il Napoli, tuttavia, grazie ad un pressing asfissiante è riuscito sia a tornare in gara che, addirittura, a portarsi avanti sull’1-3. In gol Rrahmani e doppietta di Osimhen. La seconda frazione ha messo il punto esclamativo sul trionfo azzurro. La tripletta del nigeriano ha fatto da apertura alla doppietta di Kvaratskhelia, portando a casa i tre punti con il risultato esaltante di 1-6.

Le pagelle di Sassuolo-Napoli

Prima di analizzare le pagelle di giocatori e allenatori di Sassuolo e Napoli, mettiamo sotto osservazione la prova del direttore di gara.

Arbitro: Daniele Chiffi 7 – Corretta la prestazione del Signor Chiffi. Gestione di falli e cartellini piuttosto corretta e paritaria da ambo le parti. A dimostrazione del fatto che l’arbitro ha ben svolto il proprio dovere. Nessuna segnalazione VAR e scorrimento della partita non compromesso da situazioni scomode di campo.

Pagelle Sassuolo

Consigli 4,5 – L’estremo difensore dei neroverdi subisce ancora una volta molte reti, nonostante sia abbastanza esente da colpe. Forse qualcosa in più nel gol del pareggio per 1-1 firmato Rrahmani poteva essere fatto. Molto difficile riuscire ad arginare il numero 9 Victor Osimhen, come al solito protagonista assoluto sotto porta.

Pedersen 6 – Buona propensione d’attacco per il terzino del Sassuolo, spende molto del suo tempo cercando la profondità e gestisce bene il possesso del pallone. Le chiusure preventive sul veloce ed imprevedibile Kvaratskhelia sono state ben studiate ed attuate. Nonostante, a volte, il georgiano ha avuto la meglio lungo l’out di sinistra sfruttando gli spazi aperti.

Tressoldi 4 – Sfortuna ed imprecisione, questo l’highlight della partita messa in mostra dal difensore centrale di mister Bigica. Cercare di stare al passo del forte Osimhen e del georgiano Kvaratskhelia non è cosa semplice, soprattutto in una giornata nel quale il numero 44 è sembrato disorientato in campo. Nella rete dell’1-4 che ha sancito la tripletta del nigeriano ha tutte le colpe del caso, regalando la palla all’attacco azzurro a tu per tu con Consigli (77′ Kumbulla s.v.).

Ferrari 4,5 – Qualcosa di meglio in campo rispetto al compagno di squadra e di reparto Tressoldi l’ha fatto vedere. Anche se in occasione delle tre reti subìte nel primo tempo ha più di qualche responsabilità. Il duello uno contro uno con il numero 9 Victor Osimhen è stato totalmente perso dal centrale di difesa neroverde.

Doig 5 – Il terzino sinistro degli emiliani ha tentato di far alzare il baricentro dei suoi con occasioni di incursione e passaggi in profondità come al solito incoraggianti. Tuttavia, la propensione nello sganciarsi dalla linea difensiva neroverde lo ha reso protagonista in negativo dei contrattacchi partenopei. Sulla sua fascia Politano, Osimhen e Di Lorenzo hanno avuto vita facile (57′ Missori 5 – La prova poco incoraggiante di Doig ha fatto decidere all’allenatore neroverde di cambiare qualcosa. Con l’ingresso di Missori il Sassuolo ha provato a contendere la palla con più fermezza agli attacchi laterali del Napoli. Le cose, però, non sembrano essere particolarmente cambiate).

Račić 6,5 – Il mediano messo in campo a sorpresa dal nuovo allenatore Bigica ha avuto più di qualche difficoltà nel fronteggiare i velocisti offensivi degli azzurri. In particolar modo l’ex della gara Traorè impegnato nel scivolare lungo la trequarti neroverde per non dare punti di riferimento difensivi. D’altrocanto, il numero 6 ha sbloccato l’incontro con la rete dell1-0 frutto di una conclusione ben piazzata e rasoterra (56′ Volpato 6 – Il giovane centrocampista neroverde ha provato a dare un pò di vitalità alla mediana dei suoi, con strappi incoraggianti e qualità palla al piede notevole. Tuttavia, dal suo ingresso in campo i partenopei hanno ulteriormente messo la freccia verso la schiacciante vittoria. Quindi, poco da fare in campo per il subentrante Volpato).

Henrique 5 – La prestazione del mediano tecnico neroverde lascia decisamente con l’amaro in bocca il nuovo tecnico. Abituato a prove di qualità ed intensità, il numero 7 è stato completamente sovrastato dai calciatori offensivi del Napoli. Come Tressoldi, il centrocampista ha “regalato” a pochi passi da Consigli la possibilità ai partenopei di insaccare la palla alle spalle di Consigli.

Bajrami 6 – Probabilmente l’ala destra del Sassuolo è stato l’unico dei quattro giocatori offensivi a tentare di dare vitalità e velocità al gioco dalle parti della retroguardia azzurra. Con il passare dei minuti e l’aumentare del divario sul tabellino anche lo svizzero ha abbassato i ritmi. Rimane da sottolineare una prova nel primo tempo incoraggiante (77′ Defrel 5,5 – Il francese ha timidamente provato ad entrare in partita per dare una mano all’offensiva neroverde in modo da trovare una rete che avrebbe tappezzato, comunque di poco, il pesante parziale che li ha visti sconfitti per 1-6 in casa. Niente da fare, però, per Defrel, anche se la colpa di questa debacle non può assolutamente essere la sua).

Thorstvedt 5,5 – L’attitudine ad indietreggiare qualche metro per prendere il possesso del pallone e legare con le punte non è mancata, anche se le scelte a pochi metri da Meret rimangono discutibili. Il muro composto da Rrahmani e Ostigard per buona parte della partita ha creato molte difficoltà a Thorstvedt. Incapace di dare superiorità numerica quando decisivo.

Laurienté 5,5 – L’esterno d’attacco in maglia Sassuolo è stato ben schermato dalla retroguardia del Napoli, conscia che lasciare spazio al rapido 45 non sarebbe stata affatto una scelta saggia. Certamente l’estro del francese non si è nascosto, soprattutto nel primo tempo. L’andamento della partita, però, l’ha visto uscire lentamente dal match.

Pinamonti 5 – Il numero 9 e punta unica di un Sassuolo in serie difficoltà non è affatto riuscito a dare il proprio contributo. Sempre in ritardo sui tentativi di cross in propria direzione, l’attaccante ex Inter ha messo in mostra una delle sue prestazioni più infelici della stagione. Meret non è mai stato impensierito lungo tutto il progredire della partita (87′ Kumi s.v.).

Allenatore: Bigica 5 – Prendere una squadra che sta facendo molte difficoltà in corso d’opera è un compito arduo. Tuttavia, subire sei reti alla prima apparizione sulla panchina neroverde pesano e non poco sul morale dei calciatori, già a terra dopo gli ultimi mesi di buio in campo. L’approccio alla gara era risultato incoraggiante, come rimarcato anche dal vantaggio, poi l’impeto del Napoli ha evidenziato le difficoltà mentali e fisiche degli emiliani.

Le pagelle di Sassuolo-Napoli (1-6): splendida tripletta di Osimhen!
Josh Doig, Sassuolo

Pagelle Napoli

Meret 6,5 – L’estremo difensore dei partenopei ha decisamente gestito bene la propria retroguardia. Nonostante l’inizio della partita sembrava potesse far presagire un’altra prova grigia per l’azzurro. Sulla rete dell’1-0 del Sassuolo il portiere risulta esente da importanti colpe. Il tiro ben piazzato e veloce di Račić ha strappato gli applausi dello stadio. Poche altre volte Meret è stato chiamato ad interventi.

Di Lorenzo 6 – Il terzino destro del Napoli è sceso in campo con più di qualche lacuna. Il primo scorcio di match l’ha visto in difficoltà, soprattutto sui contrattacchi del veloce Laurienté. Dopo essere stato partecipe all’azione che ha portato al primo gol della gara del Napoli firmato Rrahmani, il numero 22 dei partenopei ha cambiato i giri del motore. Tornando a dimostrare quanto abituato a fare.

Rrahmani 6,5 – In avvio di gara il numero 13 ha subìto particolarmente la pressione intelligente del terminale offensivo neroverde, facendosi scappare in marcatura sia Pinamonti che Thorstvedt. Poi, però, il difensore centrale si rende protagonista del gol che ha rimesso in parità la gara al minuto 29, facendosi pescare nell’area di rigore avversaria con astuzia (62′ Natan 6 – Il difensore brasiliano è stato impeccabile nei circa trenta minuti in campo. Le nuove proposte del Sassuolo smaltite nel corso dell’ultimo scorcio di gara sono state ben arginate. Probabilmente il ruolo di centrale di difesa nella composizione a quattro mette in risalto di più le sue qualità).

Ostigard 6 – Il difensore centrale norvegese ha ancora una volta dimostrato di saper restare in pianta stabile tra i titolari dopo aver affrontato periodi di alti e bassi. L’avvio di gara, d’altrocanto, ha macchiato la prestazione complessiva del numero 55, propiziando senza volere la rete del vantaggio neroverde. Nel prosieguo della partita Ostigard ha sempre avuto la meglio nella sfida a distanza con le ali del Sassuolo e la prima punta Pinamonti.

Mario Rui 6,5 – Il terzino portoghese ha rimesso in mostra una prestazione di alto livello, fatta di salite palla al piede e chiusure difensive precise su Bajrami. L’avanzamento palla al piede di Mario Rui ha anche portato ad un passo dall’assist personale il calciatore partenopeo. Sfortunato dalle parti di Consigli. Margini di miglioramento per lui, come per tutto il Napoli.

Zambo Anguissa 7 – Ottima prestazione quella mostrata in campo dal mediano partenopeo. Un assist di pura classe con il tacco ha regalato a Rrahmani l’occasione di pareggiare il match e di iscriversi al tabellino dei marcatori. In generale, come al solito Anguissa ha avuto predominanza sia fisica che mentale in mezzo al campo.

Lobotka 6 – Buona prova del centrocampista difensivo del Napoli. La sua capacità da recupera palloni ha permesso ai partenopei di andare velocemente in profondità, propiziando a sua volta le sei reti messe in mostra dai campioni d’Italia in carica. Nessun assist per il numero 68, ma picchi incoraggianti di creatività e classe (80′ Dendonker s.v.).

Traorè 6,5 – Con la sua rapidità senza pallone ha messo in serie difficoltà la retroguardia della propria ex squadra. Nel primo tempo più che nel secondo, Traorè è stato capace di aspettare i giusti tempi di gioco per infiammarsi e ragalare spazi offensivi a Kvaratshelia e Osimhen. Insomma, la scelta di proporlo tra i titolari ha dato i suoi meritati frutti (76′ Zielinski 6,5 – Ormai promesso sposo dell’Inter, il centrocampista tuttofare di mister Calzona è entrato in campo con il giusto spirito. Tentando in più ribattute di iscriversi al tabellino dei marcatori. La retroguardia neroverde ha dovuto fare gli straordinari per trattenerlo).

Politano 7 – L’esterno offensivo di mister Calzona ha avuto qualche difficoltà nell’entrare in partita. Con l’avanzare dei minuti, tuttavia, il numero 21 ha messo in mostra la propria velocità e visione di gioco, fornendo con passaggi telecomandati due assist alle complessive tre reti della gara di Osimhen. Nel complesso, si è dimostrato ancora una volta imprescindibile nello scacchiere partenopeo (62′ Raspadori 5,5 – Contro la sua ex squadra, nonché realtà che l’ha formato e lasciato andare verso nuovi orizzonti, l’attaccante partenopeo è stato sensibilmente bloccato dall’emozione. Nella mezz’ora in campo Raspadori è apparso pericolosamente dalle parti di Consigli in una sola occasione).

Osimhen 9 – La prova in campo dell’attaccante nigeriano è stata semplicemente superlativa. Grazie alla tripletta messa in mostra il numero 9 può meritatamente portarsi il pallone della gara a casa. Velocità, conclusione, freddezza e agilità fuori dal comune hanno fatto girare la testa in particolare a Tressoldi, Ferrari e un incolpevole Consigli. In un simpatico siparietto nel cuore del primo tempo Osimhen ha dato una mano a riassestare la porta agli addetti ai lavori del Sassuolo (76′ Simeone 6 – L’attaccante argentino ha avuto poco tempo a disposizione per iscriversi alla festa del gol. Qualche occasione, nonostante il minutaggio, è arrivata dalle parti di Consigli. La sensazione resta quella che il figlio d’arte dovrà abituarsi a non scendere più in campo come prima scelta).

Kvaratskhelia 8,5 – L’ala sinistra georgiana è tornata ad esultare per la rete dopo diverse giornate di astinenza. Il secondo tempo porta per la maggiore la sua firma, riuscendo a mettere in mostra una bella doppietta e un assist per il terzo gol della partita di Osimhen. Con il rientro del nigeriano il numero 77 sembra poter giovare di spazi diversi in attacco.

Allenatore: Calzona 7 – Ottima la prima in Serie A del neo-tecnico del Napoli. L’inizio di partita ha spaventato e non poco i supporters partenopei, ma dopo la rete del pareggio azzurra la gara è stata a senso unico per tutto il tempo. I giocatori hanno messo in luce gli insegnamenti dell’allenatore, ispirato tatticamente proprio al fautore dello scudetto Luciano Spalletti.

Le pagelle di Sassuolo-Napoli (1-6): splendida tripletta di Osimhen!

Dove vedere il calcio in streaming e come risparmiare

Su DAZN, al costo di 34,99 euro al mese, è possibile vedere tutte le partite della Serie A, la Serie B, l’Europa League e alcune partite della Conference League.

Sky ha la sua piattaforma streaming, Now TV, dove il Pass Sport, che include tre partite per turno della Serie A e tutta la Champions League e Serie B, costa 9,99 euro al mese.

Amazon Prime Video costa 4,99 euro al mese, e include tutti i servizi Prime oltre le migliori sedici partite della Champions League del mercoledì.

Bonus: come avere un abbonamento alle piattaforme streaming e risparmiare

Esistono alcuni servizi che consentono di condividere l’account delle migliori piattaforme streaming (DAZN, Now TV, Netflix, Prime Video, Disney Plus, ecc.) con altre persone e dunque di risparmiare sugli abbonamenti, parliamo di GamsGoGoSplit o CooSub. Grazie a GamsGo, GoSplit e CooSub è possibile acquistare, ad un prezzo irrisorio, un abbonamento condiviso con altri utenti in maniera facile, veloce e sicura.

LASCIA UN COMMENTO

Per favore inserisci il tuo commento!
Per favore inserisci il tuo nome qui