Le pagelle di Sporting Lisbona-Atalanta (1-1): tutto rimandato al ritorno

0

Tutto rimandato al ritorno nel doppio confronto tra Sporting Lisbona e Atalanta. Dopo essersi affrontate nella fase a gironi, il cammino in Europa League delle due contendenti si è incrociato un’altra volta, questa volta per gli ottavi di finale. Nonostante l’iniziale vantaggio lusitano firmato Paulinho, la Dea ha mostrato una grande reazione creando diverse occasioni da gol fino a trovarlo grazie al ritorno a referto di Scamacca. Nella ripresa i bergamaschi peccano di cinismo sprecando tanto, ma portando comunque a casa un buon pareggio in vista del ritorno in programma settimana prossima. Ecco le pagelle di Sporting Lisbona-Atalanta.

Le pagelle di Sporting Lisbona-Atalanta

Prima di analizzare insieme le pagelle dei protagonisti di Sporting Lisbona-Atalanta, proviamo a dare una valutazione all’operato del direttore di gara.

Arbitro: Daniel Siebert 6,5 – Ottima gestione della partita da parte del fischietto tedesco. Compie rari errori da matita rossa e tende a non spezzettare troppo l’incontro per renderlo piacevole. Buona la gestione dei cartellini, dimostra di avere in mano la sfida per tutti i 90′.

Pagelle Sporting Lisbona

Israel 7 – Miracoloso sulla conclusione dalla distanza terra-aria di de Roon, e sul colpo di testa di Scamacca, l’ex estremo difensore della Next Gen fa quel che può per conservare il clean sheet, ma deve arrendersi proprio al gol del pareggio firmato dal n°90 atalantino.

Quaresma 4,5 – Sanguinoso il pallone all’indietro per Israel che porta al momentaneo pareggio. Il classe 2002 in difficoltà sul pressing alto condotto dai nerazzurri, non si intende con Israel causando così l’azione dell’1-1.

Coates 6 – L’uruguaiano comanda la retroguardia dello Sporting garantendo tranquillità ed esperienza al reparto. Nella ripresa, inoltre, va ad un passo dal gol del vantaggio con la specialità della casa: il colpo di testa.

Diomande 6 – Prova pulita e priva di sbavature per il centrale ivoriano bravo ad arginare le sortite offensive bergamasche facendo valere la sua prestanza fisica e atletica (46′ St. Juste 6 – Non fa inizialmente tanto meglio rispetto al compagno sostituito soffrendo la vivacità offensiva degli ospiti, ma nel finale diventa comunque determinante nel ribattere colpo su colpo le loro avanzate).

Catamo 6 – Autore di un paio di belle giocate palla al piede, il nazionale del Mozambico durante la ripresa fa valere la sua agilità rendendosi pericoloso in diverse situazioni di contropiede.

Koindredi 5,5 – Impreciso e  difficoltà contro la pressione alta condotta dai centrocampisti avversari, Amorim preferisce fare a meno di lui nella ripresa (46′ Hjulmand 6 – L’ex Lecce detta con buona precisione i tempi di gioco dando maggiore qualità in fase di possesso).

Morita 6 – Il giapponese fa da filtro sul rettangolo di gioco tra difesa e centrocampo dando un prezioso contributo in copertura. Allo stesso tempo, garantisce anche qualità e quantità (84′ Bragança s.v.).

Reis 6 – Grande protagonista dei primi 45′, il terzino brasiliano spinge tanto sull’out di sinistra dando profondità in avanti. Scompare dal vivo del gioco nel corso della ripresa, ma si porta comunque a casa la sufficienza in queste pagelle di Sporting Lisbona-Atalanta.

Edwards 5,5 – Il meno appariscente del reparto offensivo dei Leoes, il prodotto del vivaio del Tottenham riesce a sprazzi ad entrare in partita. Non fa valere la sua agilità e imprevedibilità in fase offensiva (46′ Gyökeres 6 – Il bomber svedese non entra nel tabellino marcatori, ma contribuisce dando maggiore peso all’attacco biancoverde. Gioca di sponda facendo prevalere la sua fisicità contro i difensori bergamaschi).

Trincao 6,5 – Una spina nel fianco per la retroguardia avversaria, svaria per tutto il fronte offensivo arretrando spesso e volentieri anche il baricentro come nell’azione che porta al momentaneo 1-0. Suo l’assist per la rete di Paulinho.

Paulinho 7 – Fa valere la sua esperienza in avanti per creare più qualche grattacapo alla difesa bergamasca e alla fine riesce anche ad aprire le danze sfruttando l’assist di Trincao (69′ Esgaio 5,5 – Entra per dare maggiore freschezza in avanti e sfruttare i contropiedi, ma non riesce ad entrare in partita).

Allenatore: Ruben Amorim 6 – Decide di puntare sulla lotta al titolo in campionato puntando su ampio turnover e viene in parte premiato. I suoi, però, si intestardiscono in fase di possesso giocando spesso palla con il portiere con diversi rischi visti l’alta pressione condotta dagli ospiti. Alla fine, considerando anche le tante occasioni avute dalla Dea, il punteggio finale sorride allo Sporting, ma se si vuole cercare di strappare il pass per i quarti servirà molto di più.

Le pagelle di Sporting Lisbona-Atalanta (1-1): tutto rimandato al ritorno

Pagelle Atalanta

Musso 6 – Incolpevole sull’occasione del primo vantaggio dei padroni di casa, al ritorno tra i pali compie pochi interventi degni di nota e alla portata.

Djimsiti 6 – Prova senza lode e senza infamia per il n°19 parso in difficoltà soltanto in alcune circostanze in marcatura su un cliente scomodo del calibro di Gyökeres. Sufficienza meritata in queste pagelle di Sporting Lisbona-Atalanta.

Hien 5 – Ammonito dopo nemmeno un quarto d’ora, prende bene le misure su Paulino con il passare dei minuti, ma rischia in un paio di circostanze di lasciare i suoi in dieci (46′ Scalvini 6 – A pochi minuti dal suo ingresso si becca un giallo che non fa felice Gasperini, ma per il resto è protagonista di una prova pulita e priva di sbavature).

Kolasinac 6,5 – Da buon braccetto della difesa a tre, si sovrappone spesso e volentieri in avanti per dar man forte alla fase offensiva. Va vicinissimo al raddoppio, ma il suo colpo di testa termina a centimetri dal palo.

Holm 6 – Come gran parte del reparto difensivo, sbaglia a scalare in marcatura sull’azione della prima rete dei lusitani perdendo Paulinho. Prova a rifarsi qualche minuto dopo creando la prima vera palla-gol per la Dea, ma il suo tiro si stampa sul palo. La sua prestazione migliora gradualmente macinando tanti chilometri sulla destra (90′ Zappacosta s.v.).

de Roon 6 – Come suo solito garantisce un importante apporto in copertura comportandosi quasi da difensore aggiunto per fermare le avanzate dei padroni di casa.

Ederson 7 – Sfrutta l’arma della pressione alta per mettere in difficoltà i portatori palla avversari. Fondamentale in fase d’interdizione, il brasiliano garantisce come sempre dinamismo e sostanza in mezzo al campo. Sempre più giocatore chiave nello scacchiere tattico di Gasperini.

Ruggeri 5,5 – Occupa bene gli spazi garantendo tanta corsa sulla sinistra, ma pecca di precisione sui pochi cross messi a disposizione degli attaccanti.

Miranchuk 6 – Nonostante un primo tempo abbastanza sottotono e con pochi spazi a disposizione, il russo veste comunque i panni dell’assist-man per la rete di Scamacca (72′ Koopmeiners s.v.).

Lookman 7 – Meno appariscente del solito durante i primi 45′, diventa fondamentale un suo recupero palla su errore di Quaresma per creare l’occasione dell’1-1 firmata Scamacca. Il più pericoloso tra le fila nerazzurre, anche il nigeriano sfiora la gioia personale dopo una giocata da urlo, ma il suo tiro si stampa sul palo (72′ De Ketelaere s.v.).

Scamacca 7 – Prova a ripetersi dopo il grande gol messo a segno nella sfida di ritorno della fase a gironi, ma la sua conclusione dalla distanza finisce sul palo. In grande serata, l’ex Sassuolo torna al gol che mancava da oltre un mese sfruttando il recupero palla determinante di Lookman. Sempre nella prima frazione ha la possibilità di entrare nuovamente a referto, ma Israel gli nega la seconda gioia personale (81′ El Bilal Touré 6 – Ottimo l’approccio del classe ’01 che si vede annullare una magica rovesciata per via di un fuorigioco quasi millimetrico).

Allenatore: Gian Piero Gasperini 7 – Proprio in questo stadio l’Atalanta aveva giocato la sua migliore partita stagionale. Motivo questo per ripetersi, ma stavolta sono i ben tre pali a fermare la compagine lombarda. Il pari, infatti, resta stretto ai suoi in una partita dominata a larghi tratti soprattutto nel secondo tempo. Il pari comunque è un buon risultato in vista della prossima settimana, ma occhio a sottovalutare i lusitani!

Le pagelle di Sporting Lisbona-Atalanta (1-1): tutto rimandato al ritorno

Dove vedere il calcio in streaming e come risparmiare

Su DAZN, al costo di 34,99 euro al mese, è possibile vedere tutte le partite della Serie A, la Serie B, l’Europa League e alcune partite della Conference League.

Sky ha la sua piattaforma streaming, Now TV, dove il Pass Sport, che include tre partite per turno della Serie A e tutta la Champions League e Serie B, costa 9,99 euro al mese.

Amazon Prime Video costa 4,99 euro al mese, e include tutti i servizi Prime oltre le migliori sedici partite della Champions League del mercoledì.

Bonus: come avere un abbonamento alle piattaforme streaming e risparmiare

Esistono alcuni servizi che consentono di condividere l’account delle migliori piattaforme streaming (DAZN, Now TV, Netflix, Prime Video, Disney Plus, ecc.) con altre persone e dunque di risparmiare sugli abbonamenti, parliamo di GamsGoGoSplit o CooSub. Grazie a GamsGo, GoSplit e CooSub è possibile acquistare, ad un prezzo irrisorio, un abbonamento condiviso con altri utenti in maniera facile, veloce e sicura.

LASCIA UN COMMENTO

Per favore inserisci il tuo commento!
Per favore inserisci il tuo nome qui