Le pagelle di Udinese-Lecce (1-1): ritorna al gol Beto!

0

Riportiamo le pagelle di Udinese-Lecce. Alla Dacia Arena i ragazzi di Sottil vengono stoppati da un ottimo Lecce, i salentini colpiscono due legni nel primo tempo.

Le pagelle di Udinese-Lecce 

Prima delle pagelle di giocatori e allenatori di Udinese e Lecce, riportiamo quella del direttore di gara.

Fourneau 6 – Non commette praticamente nessun errore, da sottolineare come la gestione dei cartellini e dei falli sia ai limiti dell’irritante. 

Le pagelle dell’Udinese

Silvestri 6 – Spettatore non pagante anche se il Lecce crea tanto. Sul goal è incolpevole, sui due legni può solo soffiare sul pallone e pregare. 

Ebosse 5 – Sul goal è troppo molle nel contrastare Colombo che raccoglie il rimpallo e segna, si sente la mancanza di Rodrigo Becao. Deve crescere, c’è tempo.

Bijol 6 – Sempre molto concentrato ed è bravo a tenere botta a Colombo, si fa ammonire sull’unica ingenuità della sua gara. 

Perez 6 – Il centrale ex Atletico è sempre più in crescita, nel primo tempo notevole il suo apporto in fase offensiva da braccetto di destra. 

Pereyra 6,5 – Il capitano dei friulani come sempre è il migliore in campo dei suoi, prima porta qualità e tecnica sull’esterno per poi finire come trequarti negli ultimi dieci minuti. Non trova il goal nel finale solo grazie ad un sontuoso Falcone. 

Arslan 5,5 – Sbaglia davvero troppi palloni in fase di costruzione, bene quando deve raddoppiare e fare filtro (64′ Success 6,5 – Il suo ingresso e il cambio tattico sono la svolta della partita, è suo l’assist per l’uno a uno). 

Samarzdic 5 – Il ragazzo ha bisogno di continuità passando da serate negative come questa, non gli riesce praticamente nulla neanche sui calci piazzati (79′ Jajalo s.v.).

Ehizibue 6 – Non punge in fase offensiva ma a difesa schierata regge bene il confronto con un Gallo in grande spolvero (79′ Nuyntick s.v.). 

Deulofeu 5,5 – Stasera vuole strafare quando come tutti gli umani ha una serata no. Gestisce male due contropiedi, in particolare l’ultimo non servendo Beto da solo davanti a Falcone (89′ Ebosele s.v.). 

Beto 6,5 – Ha il grande merito di non abbattersi dopo 68 minuti in cui non ne fa mezza giusta, dopo l’uscita di Umtiti trova più spazio e sfrutta bene l’unico pallone pulito arrivato in area. Non segnava da un mese. 

Allenatore: Sottil 5,5 – Nel primo tempo i suoi ragazzi soffrono il ritmo elevato dei leccesi, inspiegabile l’ingresso di Jajalo. Inspiegabile anche la sostituzione di Deulofeu con gli avversari in inferiorità numerica.

Pagelle Lecce 

Falcone 7 – Una saracinesca. Nel finale grazie a una sua chiusura su Pereyra il Lecce porta a casa un punto preziosissimo nella lotta salvezza. 

Gendrey 5,5 – Giocatore di grande spinta che però è ancora fin troppo timido, si fa vedere molto poco in avanti.

Baschirotto 6,5 – La sua fisicità abbinata alla concentrazione lo rendono un cliente davvero scomodo per Beto, soffre l’uscita anticipata di Umtiti. 

Umtiti 7 – Una partita incredibile del centrale francese ex Barcellona, con lui in campo Beto non tocca un pallone e Deulofeu viene disinnescato. Peccato per l’infortunio (57′ Dermaku 5,5 – Tra lui e il compagno ci sono due categorie di differenza).

Gallo 6,5 – A inizio stagione veniva spesso criticato ma Baroni lo preferisce a Pezzella, oggi gioca una partita ordinata e colpisce un incrocio clamoroso sullo 0-1. 

Gonzalez 6 – Si muove tanto per il campo per cercare spazi in cui ricevere palla, quando riesce a staccarsi si rende sempre pericoloso (84′ Bistrovic s.v.). 

Blin 6 – Bravo nel coprire ed aiutare tutti i suoi compagni in difficoltà. Corre per due e il suo apporto in fase di interdizione si sente. 

Hjulmand 6,5 – Il capitano dei salentini come al solito è l’uomo decisivo per fare filtro davanti alla difesa, decisivo il suo intervento in area per negare il gol a Deulofeu. 

Strefezza 6,5 – Nel primo tempo domina i suoi avversari e colpisce anche un legno dopo due minuti, nel secondo tempo sparisce piano piano dalla partita (75′ Di Francesco s.v.).

Colombo 7 – Vince il ballottaggio con il suo collega Ceesay e dimostra a Baroni di aver puntato sul cavallo giusto, secondo goal in campionato dopo quello al Maradona (75′ Ceesay s.v.). 

Banda 5,5 – Ritrova il posto da titolare in una partita complicata, punta spesso l’uomo ma fatica a trovare lo spunto decisivo. Talento da sgrezzare (84′ Oudin s.v.).

Allenatore: Baroni 6,5 – Ottima partita del suo Lecce, nel primo tempo solo la sfortuna gli impedisce di raddoppiare. Con questa intensità e con questa aggressività la salvezza è più vicina. 

Dove vedere il calcio in streaming e come risparmiare

Su DAZN, al costo di 34,99 euro al mese, è possibile vedere tutte le partite della Serie A, la Serie B, l’Europa League e alcune partite della Conference League.

Sky ha la sua piattaforma streaming, Now TV, dove il Pass Sport, che include tre partite per turno della Serie A e tutta la Champions League e Serie B, costa 9,99 euro al mese.

Amazon Prime Video costa 4,99 euro al mese, e include tutti i servizi Prime oltre le migliori sedici partite della Champions League del mercoledì.

Bonus: come avere un abbonamento alle piattaforme streaming e risparmiare

Esistono alcuni servizi che consentono di condividere l’account delle migliori piattaforme streaming (DAZN, Now TV, Netflix, Prime Video, Disney Plus, ecc.) con altre persone e dunque di risparmiare sugli abbonamenti, parliamo di GamsGoGoSplit o CooSub. Grazie a GamsGo, GoSplit e CooSub è possibile acquistare, ad un prezzo irrisorio, un abbonamento condiviso con altri utenti in maniera facile, veloce e sicura.

LASCIA UN COMMENTO

Per favore inserisci il tuo commento!
Per favore inserisci il tuo nome qui