Lecce-Inter (0-4), Inzaghi: «Non facile vincere dopo la Champions»

0

Dominio nerazzuro contro Lecce, perché l’Inter travolge 0-4 i salentini allungando ancora in classifica, nonostante la vittoria della Juve e in attesa del risultato del Milan. Gli uomini di Inzaghi sono infermabili e adesso possono concentrarsi al recupero contro la Dea di mercoledì.

Inzaghi su Lecce-Inter (0-4): «Lautaro come Immobile con me nel 2019/20»

L’Inter non sbaglia e vince per 0-4 contro il Lecce confermando non solo il primo posto, ma anche la forza degli elementi provenienti dalla panchina di Inzaghi. Il “demone di Piacenza” oggi rischia con un ampio turnover e viene premiato. La doppietta di Lautaro Martinez (101 gol per lui in Serie A) è accompagnata dal gol di Frattesi e anche da quello di De Vrij. Nel finale di gara ha parlato il tecnico nerazzurro, Simone Inzaghi, commentando l’ennesima importante vittoria dei nerazzurri.

Il tecnico ha commentato la prestazione di Lautaro Martinez: «Deve continuare così. Lautaro sta facendo un percorso incredibile, come lo fece con me anche Immobile alla Lazio. È la fortuna di ogni allenatore avere un attacante del genere». Poi sul possibile raggiungimento dei 36 gol in campionato da parte del bomber aggiunge: «Lui deve continuare così, ci sono tante partite. Stasera avevo il dubbio su di lui, perché magari sarebbe partito titolare Arnautovic. Arrivavamo dalla partita contro l’Atletico in cui Arnautovic non stava bene per la febbre».

Per Inzaghi l’Inter è paradossalmente migliorabile: «Assolutamente sì, perché mancano ancora tre mesi. Giusto essere contenti di quello che facciamo e del percorso, ma adesso dobbiamo guardare all’Atalanta. Abbiamo bisogno di tutti e oggi questa partita ne è la prova».

Sulla gestione della squadra e di come l’Inter sia diventata un modello nel calcio europeo: «Quello tantissimo, c’è tanto tanto lavoro. Ho la fortuna di avere uno staff che lavora con me da parecchio tempo e una società alle spalle che cerca di aiutarci. Trova giocatori con grande disponibilità, è solo bello per un allenatore. Nel primo gol c’è la presenza di Audero, Bisseck e Asllani, che non stanno giocando sempre, eppure sono decisivi».

Il Milan deve ancora giocare e la Juventus ha vinto dopo parecchio tempo, ma per Inzaghi la pratica scudetto è archiviata: «No, non c’è assolutamente da stare tranquilla. Manca ancora parecchio, circa tre mesi. Sono tante partite e tanti punti in palio. Dobbiamo rivedere parecchio. Oggi abbiamo concesso qualche occasione. Oggi era un campo difficile, perché il Lecce sta facendo un buon campionato in casa principalmente. La Champions costa a livello di energie, quindi era importante non sbagliare».

Su Arnautovic e Sanchez: «Hanno dato una bella risposta all’ambiente, ma io già lo dicevo prima. Non avevo bisogno della partita di stasera. Arnautovic con l’Atletico avete visto tutti quanto è stato decisivo, così come Sanchez stasera, anche se non ha segnato. Ne ha fatti tanti, ma ha dimostrato di essere campione».

Sul recupero contro l’Atalanta di questo mercoledì: «No, non è un match point. È una partita importante. Dobbiamo rimanere concentrati. Abbiamo avuto gennaio e febbraio che era tutto abbastanza tranquillo, recuperavamo forze. Oggi c’erano sei assenze, non è semplice. Dobbiamo continuare a vincere e migliorare». 

Su Mkhitaryan, ammonito alla fine, ironizza: «No, gliel’ho detto prima quando è uscito. Sarebbe uscito ugualmente. È fondamentale per noi perché ha un’intelligenza incredibile. Dovevamo gestire il vantaggio e portare un bel numero di sostituzioni verso la fine, dispiace per il giallo. Klassen sarebbe entrato ugualmente».

Dove vedere il calcio in streaming e come risparmiare

Su DAZN, al costo di 34,99 euro al mese, è possibile vedere tutte le partite della Serie A, la Serie B, l’Europa League e alcune partite della Conference League.

Sky ha la sua piattaforma streaming, Now TV, dove il Pass Sport, che include tre partite per turno della Serie A e tutta la Champions League e Serie B, costa 9,99 euro al mese.

Amazon Prime Video costa 4,99 euro al mese, e include tutti i servizi Prime oltre le migliori sedici partite della Champions League del mercoledì.

Bonus: come avere un abbonamento alle piattaforme streaming e risparmiare

Esistono alcuni servizi che consentono di condividere l’account delle migliori piattaforme streaming (DAZN, Now TV, Netflix, Prime Video, Disney Plus, ecc.) con altre persone e dunque di risparmiare sugli abbonamenti, parliamo di GamsGoGoSplit o CooSub. Grazie a GamsGo, GoSplit e CooSub è possibile acquistare, ad un prezzo irrisorio, un abbonamento condiviso con altri utenti in maniera facile, veloce e sicura.

LASCIA UN COMMENTO

Per favore inserisci il tuo commento!
Per favore inserisci il tuo nome qui