Lecce, scelto il post D’Aversa: è Luca Gotti il nuovo allenatore

0

Il Lecce, dopo la difficile giornata di Domenica e alcune ore di necessaria riflessione ha scelto il nuovo allenatore da qui a fine stagione: Luca Gotti. Sarà dunque il mister di Adria a guidare i salentini nella complicata lotta per non retrocedere. Firmato il contratto da qui a Giugno 2024, con prolungamento in caso di salvezza. 

48 ore dopo l’esonero di mister D’Aversa a seguito del comportamento grave tenuto dal tecnico nei minuti successivi alla fine di Lecce-Hellas Verona verso Thomas Henry, i giallorossi hanno dunque il loro nuovo allenatore.

Lecce, scelto il post D'Aversa: è Luca Gotti il nuovo allenatore

Gotti, che ha dovuto risolvere alcuni dettagli che lo legavano ancora allo Spezia, ha dunque vinto la concorrenza di Leonardo Semplici

Nelle prossime giornate, cruciali vista la classifica dei giallorossi, si capirà se la scelta effettuata dal presidente Sticchi Damiani si rivelerà corretta. Di sicuro Gotti dovrà esser bravo a non dimostrarsi integralista e adattarsi alla rosa del Lecce. 

Come può giocare il Lecce con Luca Gotti come nuovo allenatore?

C’è molta curiosità per capire come potranno scendere in campo i pugliesi con il tecnico veneto alla guida. Gotti infatti, abituato a giocare con la difesa a tre nelle precedenti esperienze alla guida dell’Udinese e dello Spezia, dovrà decidere se continuare con i suoi concetti oppure schierare la retroguardia a 4, più congeniale alla rosa dei giallorossi. 

Questo è il dilemma principale in cui può trovarsi la chiave di lettura della sua avventura in Puglia. Giocare con il 4-3-3, potrebbe infatti far mantenere ai pugliesi l’identità mostrata fin dall’inizio della stagione, mentre modificare assetto potrebbe rivelarsi pericoloso.

Lecce, scelto il post D'Aversa: è Luca Gotti il nuovo allenatoreI meccanismi difensivi ed offensivi infatti cambiano totalmente. Il poco tempo a disposizione, dato che tra 2 mesi si conclude il campionato, fa si che il Lecce non ha abbastanza tempo per sperimentare. In questa fase infatti, ai giallorossi servono punti e concretezza, anche per uscire da una classifica sempre più preoccupante. 

Dove vedere il calcio in streaming e come risparmiare

Su DAZN, al costo di 34,99 euro al mese, è possibile vedere tutte le partite della Serie A, la Serie B, l’Europa League e alcune partite della Conference League.

Sky ha la sua piattaforma streaming, Now TV, dove il Pass Sport, che include tre partite per turno della Serie A e tutta la Champions League e Serie B, costa 9,99 euro al mese.

Amazon Prime Video costa 4,99 euro al mese, e include tutti i servizi Prime oltre le migliori sedici partite della Champions League del mercoledì.

Bonus: come avere un abbonamento alle piattaforme streaming e risparmiare

Esistono alcuni servizi che consentono di condividere l’account delle migliori piattaforme streaming (DAZN, Now TV, Netflix, Prime Video, Disney Plus, ecc.) con altre persone e dunque di risparmiare sugli abbonamenti, parliamo di GamsGoGoSplit o CooSub. Grazie a GamsGo, GoSplit e CooSub è possibile acquistare, ad un prezzo irrisorio, un abbonamento condiviso con altri utenti in maniera facile, veloce e sicura.

LASCIA UN COMMENTO

Per favore inserisci il tuo commento!
Per favore inserisci il tuo nome qui