L’esordio di De Zerbi in Ucraina non ha assolutamente deluso

0

L’ex allenatore del Sassuolo, Roberto De Zerbi, ha esordito ufficialmente esordito nel campionato ucraino come tecnico dello Shakhtar Donetsk; la squadra, che gioca momentaneamente a Kiev, ha vinto e convinto contro l’Inhulets per due a uno. 

I ragazzi di De Zerbi ora avranno un’altra partita di campionato, contro il Lviv fuori casa, prima di affrontare il turno preliminare di Champions League contro il Genk

De Zerbi vince e convince 

Il nuovo Shakhtar Donetsk, targato Roberto De Zerbi, vince dominando la partita dal primo all’ultimo minuto; i principi di gioco del tecnico italiano, nonostante i pochi mesi di lavoro, si vedono tutti e dimostrano che questa squadra può davvero diventare una mina vagante nelle competizioni europee di questa stagione.

La squadra gioca molto bene, parte sempre dal basso, aggredisce gli avversari nella loro metà campo, giocano a due tocchi e fanno girare molto bene la palla. L’unica pecca che si può trovare, ricordando sempre che è la prima partita, è la disattenzione nel giocare la palla dietro; una delle due azioni pericolose nasce proprio con un errore in appoggio del centrale per il portiere. 

Le statistiche parlano chiaro per lo Shakhtar: più del 60% di possesso palla, 17 conclusioni verso la porta avversaria e 7 calci d’angolo a favore. 

Le parole del tecnico italiano

Roberto De Zerbi ha parlato alla fine della partita discutendo, con toni pacati, anche con un giornalista riguardo al risultato finale: “Abbiamo dominato per 80 minuti, in cui avremmo potuto segnare quattro, cinque o anche sei gol e nessuno si sarebbe stupito se davvero fossimo andati sul risultato di 5-0 o 6-0. Sfortunatamente, ne abbiamo segnati solo due. Non solo in Ucraina, ma anche in Italia o in qualsiasi altro paese, quando concedi un gol sul risultato di 2-0 la partita diventa nervosa e alla fine può succedere di tutto. Per il resto abbiamo dominato: per ottanta minuti i nostri avversari non hanno praticamente mai messo piede nella nostra metà campo“. 

Dove vedere il calcio in streaming e come risparmiare

Su DAZN, al costo di 34,99 euro al mese, è possibile vedere tutte le partite della Serie A, la Serie B, l’Europa League e alcune partite della Conference League.

Sky ha la sua piattaforma streaming, Now TV, dove il Pass Sport, che include tre partite per turno della Serie A e tutta la Champions League e Serie B, costa 9,99 euro al mese.

Amazon Prime Video costa 4,99 euro al mese, e include tutti i servizi Prime oltre le migliori sedici partite della Champions League del mercoledì.

Bonus: come avere un abbonamento alle piattaforme streaming e risparmiare

Esistono alcuni servizi che consentono di condividere l’account delle migliori piattaforme streaming (DAZN, Now TV, Netflix, Prime Video, Disney Plus, ecc.) con altre persone e dunque di risparmiare sugli abbonamenti, parliamo di GamsGoGoSplit o CooSub. Grazie a GamsGo, GoSplit e CooSub è possibile acquistare, ad un prezzo irrisorio, un abbonamento condiviso con altri utenti in maniera facile, veloce e sicura.

LASCIA UN COMMENTO

Per favore inserisci il tuo commento!
Per favore inserisci il tuo nome qui