Liga, top e flop del campionato

0

Con il recupero della 4a giornata Atletico Madrid-Siviglia, terminato 1-0 in favore dei Colchoneros, si è concluso l’anno solare di Liga. Il campionato riprenderà il 2 gennaio con la 19a giornata ed è arrivato il momento di tracciare un primo bilancio. Andiamo allora alla scoperta di 3 squadre top e flop della Liga 2023/2024.

Liga, top e flop del campionato: le squadre top

  • Girona: in cima a tutti non può che esserci la squadra di Michel. Candidati a una salvezza tranquilla dopo l’ottimo decimo posto nel 2022/2023, i catalani si stanno addirittura superando. Primo posto in coabitazione con il Real Madrid e miglior attacco del torneo con ben 42 reti. Il vantaggio è che, rispetto ai Blancos, giocano per divertirsi senza pressioni. Una sola sconfitta e un bel gioco. Il bomber ucraino Dovbyk, secondo miglior marcatore con 11 gol, e il giovane talentuoso Savio stanno conducendo una bella realtà verso un sogno. Vedremo se si concretizzerà.
  • Las Palmas: il club dell’isola Gran Canaria si sta difendendo alla grande da neopromossa. Nona posizione e a quota 25, a sole tre lunghezze dal Betis settimo, posizione che garantirebbe l’accesso in Conference League. Garcia Pimienta ha di fatto fatto sì che la squadra abbia vinto tutti gli scontri diretti, concedendosi addirittura il lusso di battere l’Atletico Madrid e il Villarreal. Nessun vero goleador nonostante la presenza dell’esperto Munir: una cooperativa del gol che ha guidato gli isolani nella parte sinistra della graduatoria. Un risultato inaspettato, ma per tenere certi ritmi sarà necessaria la costanza.
  • Athletic Bilbao: i Leoni nella passata annata hanno concluso all’ottavo posto, sfiorando l’accesso in Europa. Fin qua hanno trovato continuità di gioco e risultati, piazzandosi a -3 dal quarto posto. Nonostante il pesante 3-0 patito nel derby basco con la Real Sociedad, la squadra capeggiata dall’esperto Ernesto Valverde ha macinato gioco e risultati, anche grazie alle giocate dei fratelli Iñaki e Nico Williams. Un mix di gioventù ed esperienza che sta regalando gioie ai propri tifosi. L’ultima apparizione in una competizione del vecchio continente risale al 2017/2018, ottavi di finale in Europa League. È tornato il momento di riaffacciarsi in Europa.

Liga, top e flop del campionato

Le squadre flop

  • Siviglia: primi su tutti non possono che essere i campioni in carica dell’Europa League. Ben tre allenatori nel corso di questa stagione (Mendilibar, Diego Alonso, Quique Sanchez Flores) e un misero +3 sulla zona rossa. Nemmeno la campagna europea sta risollevando il morale: ultimo posto nel Gruppo B di Champions League dietro ad Arsenal, PSV e Lens. Oramai c’è da conquistare la salvezza in campionato e onorare l’impegno in Copa del Rey, ma per una tifoseria abituata ad altissimi livelli è un colpo molto duro da digerire. 
  • Almeria: il 2022/2023 gli andalusi avevano concluso con una salvezza raggiunta all’ultima giornata, a +1 sul Valladolid di Ronaldo. Quest’anno però molte cose sembrano essere cambiate. Fanalino di coda con appena 5 punti e senza vittorie all’attivo, sono distanti 8 lunghezze dai cugini corregionali del Cadice. Anche in questo caso l’avvicendamento in panchina tra Javier Aguirre e Gaizka Garritano ha sortito pochi effetti, se non una reazione di orgoglio in casa del Barcellona, sfiorando un punto. Servirà un’altra marcia per guadagnare la seconda permanenza di fila in massima serie.
  • Celta Vigo: anche per i Celestes una stagione complessa, nonostante l’esperienza in panchina di un certo Rafa Benitez. La sensazione è che manchino molto le reti di Iago Aspas che nel 2022/2023 aiutarono molto alla conquista della permanenza in Liga. Per il classe 1987 è arrivato solamente un sigillo in 17 apparizioni. Nonostante una rosa di buon livello (si pensi agli internazionali Starfelt, Tapia, Douvikas e Strand Larsen), il terzultimo posto in classifica piange. La zona salvezza è solo a due punti, ma è necessario dare una svolta alla stagione.

Dove vedere il calcio in streaming e come risparmiare

Su DAZN, al costo di 34,99 euro al mese, è possibile vedere tutte le partite della Serie A, la Serie B, l’Europa League e alcune partite della Conference League.

Sky ha la sua piattaforma streaming, Now TV, dove il Pass Sport, che include tre partite per turno della Serie A e tutta la Champions League e Serie B, costa 9,99 euro al mese.

Amazon Prime Video costa 4,99 euro al mese, e include tutti i servizi Prime oltre le migliori sedici partite della Champions League del mercoledì.

Bonus: come avere un abbonamento alle piattaforme streaming e risparmiare

Esistono alcuni servizi che consentono di condividere l’account delle migliori piattaforme streaming (DAZN, Now TV, Netflix, Prime Video, Disney Plus, ecc.) con altre persone e dunque di risparmiare sugli abbonamenti, parliamo di GamsGoGoSplit o CooSub. Grazie a GamsGo, GoSplit e CooSub è possibile acquistare, ad un prezzo irrisorio, un abbonamento condiviso con altri utenti in maniera facile, veloce e sicura.

LASCIA UN COMMENTO

Per favore inserisci il tuo commento!
Per favore inserisci il tuo nome qui