Manchester United, un’altra stagione fallimentare: una crisi senza fine

0

Ottavo posto in classifica a ben 13 punti di distanza dalla zona Champions e la clamorosa eliminazione ai gironi di Coppa dei Campioni classificandosi ultimi. Ancora una volta il Manchester United si sta rendendo protagonista dell’ennesima stagione fallimentare dimostrando di non riuscire più ad andare oltre una crisi senza fine. Una squadra discontinua quella guidata da Erik ten Hag incapace nonostante un organico di tutto rispetto, di tener testa alle altre big di Premier. A complicare la rincorsa verso l’Europa ci ha pensato ieri sera il modesto Crystal Palace rifilando un sonoro 4-0 ai Red Devils. Un netto passo falso che potrebbe costare non solo la qualificazione alle prossime coppe europee, ma una volta per tutte anche la panchina dell’ex allenatore dell’Ajax.

Manchester United in crisi: la FA Cup potrebbe svoltare un’annata negativa

Una squadra fragile, priva di idee e costruita male nonostante il mercato faraonico negli ultimi anni. Lo United, infatti, ha in rosa calciatori di alto livello come Casemiro, Rashford, Eriksen, Varane, Onana e perfino la giovane stella Garnacho. Una squadra di tutto rispetto sulla carta, ma che ancora una volta ha ampiamente deluso le aspettative. Le colpe sono sicuramente di un ten Hag incapace di trovare una certa alchimia tra i giocatori a disposizione e nettamente non abituato ad allenare e gestire un organico di alto livello rispetto alla parentesi sulla panchina dell’Ajax. Una squadra giunta alla fine di un ciclo fallimentare e alla ricerca di una ripartenza con forze fresche in vista della prossima Premier League. Nonostante la Carabao Cub aggiunta in bacheca nella passata stagione e la finale di FA Cup persa contro gli acerrimi rivali del City, il lavoro svolto dal tecnico olandese non si può ritenere sufficiente.

La netta sconfitta di ieri sera, inoltre, ha reso ancora più complicato il cammino verso l’Europa dei Red Devils impegnati nelle prossime ultime tre giornate contro Arsenal, Newcastle e Brighton. Tre gare affatto semplici per uno United che rischia seriamente di rimanere fuori da tutte le competizioni europee per la prossima stagione. Per cercare di rendere meno amara un’annata da dimenticare ci sarà la finale di FA Cup del prossimo 25 maggio nuovamente da giocare contro i Citizens. Un’opportunità unica non solo per essere sicuri almeno dell’Europa League, ma anche per portare a casa un trofeo prima di salutare Manchester. Secondo alcuni rumors, infatti, ten Hag pare essere con le valigie in mano al termine della stagione regolare. Ciò che è certo è che ci vorranno ancora anni per riuscire a rivedere quel Manchester United dominante e spettacolare di Sir Alex Ferguson.

Dove vedere il calcio in streaming e come risparmiare

Su DAZN, al costo di 34,99 euro al mese, è possibile vedere tutte le partite della Serie A, la Serie B, l’Europa League e alcune partite della Conference League.

Sky ha la sua piattaforma streaming, Now TV, dove il Pass Sport, che include tre partite per turno della Serie A e tutta la Champions League e Serie B, costa 9,99 euro al mese.

Amazon Prime Video costa 4,99 euro al mese, e include tutti i servizi Prime oltre le migliori sedici partite della Champions League del mercoledì.

Bonus: come avere un abbonamento alle piattaforme streaming e risparmiare

Esistono alcuni servizi che consentono di condividere l’account delle migliori piattaforme streaming (DAZN, Now TV, Netflix, Prime Video, Disney Plus, ecc.) con altre persone e dunque di risparmiare sugli abbonamenti, parliamo di GamsGoGoSplit o CooSub. Grazie a GamsGo, GoSplit e CooSub è possibile acquistare, ad un prezzo irrisorio, un abbonamento condiviso con altri utenti in maniera facile, veloce e sicura.

LASCIA UN COMMENTO

Per favore inserisci il tuo commento!
Per favore inserisci il tuo nome qui