Milan, che fine ha fatto Adli? Le incognite sul suo futuro in rossonero

0

Prosegue senza sosta il campionato di Serie A TIM, con il 25esimo turno che si profila alle porte. Alcuni calciatori – come Khvicha Kvaratskhelia – hanno letteralmente incantano non soli i propri tifosi, ma tutti gli amanti del calcio italiano, andando ben oltre le più rosee aspettative. Altri, invece, come Charles De Ketelaere, hanno disatteso ogni sorta di pronostico e faticano ancora ad adattarsi al calcio nostrano. Vi è però una terza categoria di new entry, che potremmo definire i desaparecidos. Calciatori che, nonostante le indubbie qualità, sono letteralmente scomparsi dalle idee dei proprio coach. È questo il caso di Yacine Adli, trequartista del Milan, letteralmente sparito dai radar del tecnico rossonero, Stefano Pioli.

Milan, rebus Adli: i retroscena sul mercato di gennaio e il futuro in rossonero

Secondo quanto riportato dal portale calciomercato.web, il trequartista ex Bordeaux sarebbe stato vicino a lasciare il Diavolo proprio nella recente sessione invernale di mercato. Diverse squadre, infatti, si sarebbero messe sulle sue tracce, dimostrandosi effettivamente interessate a mettere le mani sul fantasista francese. Tra le altre, soprattutto la Cremonese e la Sampdoria, i due club che occupano rispettivamente la penultima e l’ultima posizione della classifica di Serie A TIM.

Milan, che fine ha fatto Adli? Le incognite sul suo futuro in rossonero

In risposta alle molteplici pretese avanzate dai club, soprattutto italiani, la dirigenza rossonera ha eretto un muro. Un secco no è stata la risposta che, senza indugi, il club rossonero ha fatto trapelare. Una decisione che, sotto alcuni aspetti, potrebbe essere letta in chiave positiva in vista del suo futuro in rossonero. Forse, un monito per ribadire che, nonostante il minutaggio ridotto al lumicino, il Diavolo e Paolo Maldini credono ancora nelle qualità di Yacine

Le scelte di Pioli e la spietata concorrenza sulla trequarti

Forse, le ragioni delle mancato matrimonio contro il nostro campionato non sono da ricercare esclusivamente nelle preferenze personali del tecnico Stefano Pioli. Adli, infatti, nelle sue passate stagione con la maglia del Bordeaux, ricopriva un ruolo diverso da quello ritagliato per lui dal tecnico parmigiano. In Ligue 1, il francese ha giocato principalmente nella posizione di mezzala o, all’occorrenza, come mediano in un 4-2-3-1. 

Milan, che fine ha fatto Adli? Le incognite sul suo futuro in rossonero

Pioli, invece, ha sempre ritenuto che il suo ruolo fosse quello di trequartista, o comunque, l’ha sempre visto in una posizione più vicina alla porta avversaria. Sfortunatamente per lui, la trequarti campo rossonera in questa stagione è particolarmente affollata. I vari De Ketelaere, B. Diaz, Messias, Saelemaekers e all’occorrenza il duo KrunicPobega orbitano tutti in quella zona di campo. Adli ha trovato un vero è proprio muro di calciatori che, già rodati negli schemi del tecnico rossonero, gli hanno impedito di emergere e mettere in mostra tutte le sue qualità. 

Il calciatore rossonero meno utilizzato in questa stagione

La graduale scomparsa di Yacine Adli dai radar di Stefano Pioli ha comportato anche un riconoscimento non propriamente positivo per l’ex Bordeaux. Esclusi gli estremi difensori, infatti, il centrocampista originario di Vitry sur Seine risulta attualmente il calciatore meno utilizzato nelle rotazioni dei rossoneri. Dato che appare ancor più sconcertante alla luce del fatto che il francese non ha subito alcun intoppo degno di nota sul piano degli infortuni. Un mancato integramento frutto solo delle divergenze col tecnico e della spietata concorrenza sulla trequarti. 

Le prospettive in ottica fantacalcio

Naturalmente, il quasi mancato impatto con il nostro campionato ha reso Adli uno dei più grandi flop di questa annata. Non ci si aspettava certo una doppia cifra di gol o di assist, ma è chiaro che nessun fantallenatore si sarebbe immaginato un esito così deludente. Ad amplificare i rimpianti, inoltre, vi è anche il prezzo medio cui è stato pagato nelle aste estive, che non è così basso.

Milan, che fine ha fatto Adli? Le incognite sul suo futuro in rossonero

Probabilmente, in molti lo hanno giustamente già svincolato in occasione dell’asta di riparazione all’esito del mercato invernale. Un suo passaggio in un altro club italiano avrebbe sicuramente riacceso le speranze dei fantallenatori, ma alla fine, il francese è rimasto col Diavolo. In effetti, le prospettive non sono di certe le più rosee. Nonostante le parole di Maldini, il feeling con Pioli non è mai decollato, e con ogni probabilità, non fiorirà in questo finale di stagione

Dove vedere il calcio in streaming e come risparmiare

Su DAZN, al costo di 34,99 euro al mese, è possibile vedere tutte le partite della Serie A, la Serie B, l’Europa League e alcune partite della Conference League.

Sky ha la sua piattaforma streaming, Now TV, dove il Pass Sport, che include tre partite per turno della Serie A e tutta la Champions League e Serie B, costa 9,99 euro al mese.

Amazon Prime Video costa 4,99 euro al mese, e include tutti i servizi Prime oltre le migliori sedici partite della Champions League del mercoledì.

Bonus: come avere un abbonamento alle piattaforme streaming e risparmiare

Esistono alcuni servizi che consentono di condividere l’account delle migliori piattaforme streaming (DAZN, Now TV, Netflix, Prime Video, Disney Plus, ecc.) con altre persone e dunque di risparmiare sugli abbonamenti, parliamo di GamsGoGoSplit o CooSub. Grazie a GamsGo, GoSplit e CooSub è possibile acquistare, ad un prezzo irrisorio, un abbonamento condiviso con altri utenti in maniera facile, veloce e sicura.

LASCIA UN COMMENTO

Per favore inserisci il tuo commento!
Per favore inserisci il tuo nome qui