Milan, rischio beffa: il baby Camarda può lasciare a parametro zero

0

Rischio beffa per il Milan dato che il baby fenomeno delle giovanili rossonere Camarda, potrebbe lasciare i rossoneri a parametro zero. Il classe 2008 infatti, da domani 10 Marzo 2024, giorno in cui compie i 16 anni è libero di firmare il primo contratto da professionista

E se la firma col Milan, club in cui è cresciuto calcisticamente ed ha esordito in Serie A, sembrava una semplice formalità ad ora non è più così, anzi.

Milan, rischio beffa: il baby Camarda può lasciare a parametro zero

Per il prodigio delle giovanili rossonere, che ha incantato anche in EUFA Youth League in questa stagione, come in Primavera, le richieste sono moltissime e il futuro è in bilico più che mai. 

A bussare alla sua porta per accaparrarsene le prestazioni sono vari club, sia italiani che esteri. In Serie A si registra il fortissimo interesse di Inter, Roma e Juventus. All’estero invece, potrebbero puntare forte sul giovanissimo rossonero vari club inglesi ed il Borussia Dortmund. 

Milan, Camarda può andare via a parametro zero come vari big nel recente passato?

Detto che Camarda non è un big, ma solo un ottimo prospetto anche in chiave azzurra, è innegabile che i numeri in ogni categoria dove il giovane ha giocato siano impressionanti. Da qui a paragonarlo a giocatori affermati ce ne passa si, ma questo non può che evidenziare un problema in casa Milan nella questione rinnovi. 

Moltissimi sono infatti i punti fermi dei rossoneri nel recente passato andati via a zero. Donnarumma, Kessie, Calhanoglu solo per citare alcuni dei più dolorosi per i tifosi del Diavolo

Milan, rischio beffa: il baby Camarda può lasciare a parametro zero

Le problematiche sull’ingaggio sorte con l’entourage di Camarda, rischiano di far verificare un nuovo caso similare. Che con le dovute proporzioni, tra qualche anno potrebbe rappresentare un grande rimpianto, in caso Camarda mantenga fede alle aspettative

In un calcio dove le bandiere ormai non ci sono più e l’appartenenza è sempre meno, non ci sarebbe da stupirsi se il giovane nato a Milano, dovesse firmare dunque per un’altra squadra nei prossimi giorni. Con la destinazione Premier League al momento favorita viste le ingenti risorse dei club inglesi. 

Dove vedere il calcio in streaming e come risparmiare

Su DAZN, al costo di 34,99 euro al mese, è possibile vedere tutte le partite della Serie A, la Serie B, l’Europa League e alcune partite della Conference League.

Sky ha la sua piattaforma streaming, Now TV, dove il Pass Sport, che include tre partite per turno della Serie A e tutta la Champions League e Serie B, costa 9,99 euro al mese.

Amazon Prime Video costa 4,99 euro al mese, e include tutti i servizi Prime oltre le migliori sedici partite della Champions League del mercoledì.

Bonus: come avere un abbonamento alle piattaforme streaming e risparmiare

Esistono alcuni servizi che consentono di condividere l’account delle migliori piattaforme streaming (DAZN, Now TV, Netflix, Prime Video, Disney Plus, ecc.) con altre persone e dunque di risparmiare sugli abbonamenti, parliamo di GamsGoGoSplit o CooSub. Grazie a GamsGo, GoSplit e CooSub è possibile acquistare, ad un prezzo irrisorio, un abbonamento condiviso con altri utenti in maniera facile, veloce e sicura.

LASCIA UN COMMENTO

Per favore inserisci il tuo commento!
Per favore inserisci il tuo nome qui