Milan: tra difficoltà, ottimismo e i piani della società

0

Nonostante i molteplici tentativi, travagliati cambi di società e campagne acquisti quantomeno discutibili, questo Milan sembra solo un lontano parente di quello che abbiamo potuto ammirare in passato. Il club di Milanello appare sempre in difficoltà in confronto alle storiche rivali italiane.

Scavando tra le motivazioni che possono essere la causa di un declino divenuto inesorabile, non possiamo non mettere in luce la poca lungimiranza dell’ex società. L’allora Presidente Berlusconi e l’a.d. Galliani, non hanno saputo rinnovare a tempo debito una rosa anziana.

Giocatori del calibro di Pirlo, Gattuso e Seedorf davano l’addio al calcio o se ne andavano in altre squadre. I giovani su cui puntava la compagine milanese invece erano pochi e non all’altezza di una piazza così competitiva.

Appare scontato il malumore dei tifosi che tutt’oggi non riescono a vedere un progetto chiaro, sia societario che di campo.

Milan: tra difficoltà, ottimismo e i piani della società

Da che cosa ripartire? Che cosa tenere e cosa invece buttare per far riprendere la società Milan?

Sicuramente bisognerà riiniziare mantenendo i giocatori cardine di questa squadra, essendo lungimiranti e coraggiosi negli acquisti di mercato.

Servirà molta competenza e, a volte, bisognerà usare il pugno duro per cambiare mentalità.

Si dovrà ricordare a chiunque approdi in rossonero per chi sta giocando, che il posto non è scontato per nessuno e che l’obiettivo è solo uno, vincere.

Tutto ciò può accadere solo se alla base ci sarà una società solida e con l’intento di rimanere.  Volenterosa di rendere onore ad una città che ha estremo bisogno di ritornare alla ribalta come la prima della classe.

Altro punto focale è l’innovazione nelle strutture: sembra che l’accordo tra le parti sia finalmente stato trovato e che il progetto per il nuovo impianto sportivo possa partire. Questo potrebbe essere uno snodo importante per il futuro del club, che finalmente potrà essere all’avanguardia e competere in questo ambito con i migliori team mondiali.

Infine, al timone dovrà esserci un allenatore con un’idea chiara di gioco, al passo con i tempi e con fame di vittoria, che riesca a dare personalità ad una squadra che ad oggi pare non averla.

Il Milan può e deve farcela, lo deve al calcio, lo deve alla sua storia, lo deve a tutti noi.

Dove vedere il calcio in streaming e come risparmiare

Su DAZN, al costo di 34,99 euro al mese, è possibile vedere tutte le partite della Serie A, la Serie B, l’Europa League e alcune partite della Conference League.

Sky ha la sua piattaforma streaming, Now TV, dove il Pass Sport, che include tre partite per turno della Serie A e tutta la Champions League e Serie B, costa 9,99 euro al mese.

Amazon Prime Video costa 4,99 euro al mese, e include tutti i servizi Prime oltre le migliori sedici partite della Champions League del mercoledì.

Bonus: come avere un abbonamento alle piattaforme streaming e risparmiare

Esistono alcuni servizi che consentono di condividere l’account delle migliori piattaforme streaming (DAZN, Now TV, Netflix, Prime Video, Disney Plus, ecc.) con altre persone e dunque di risparmiare sugli abbonamenti, parliamo di GamsGoGoSplit o CooSub. Grazie a GamsGo, GoSplit e CooSub è possibile acquistare, ad un prezzo irrisorio, un abbonamento condiviso con altri utenti in maniera facile, veloce e sicura.

LASCIA UN COMMENTO

Per favore inserisci il tuo commento!
Per favore inserisci il tuo nome qui