Mondiale 2006: la storia di Filippo Inzaghi

0

In questo periodo così particolare, rimembrare le vecchie gesta non fa mai male, anzi. Ricordare i successi passati ci aiuta per progettare un futuro più florido ed è ciò che sta facendo la Nazionale di Mancini. Lo stesso entusiasmo che ci stanno regalando Insigne e compagni, lo hanno fatto per duecento volte i ragazzi del 2006. Indubbiamente, uno dei simboli del Mondiale 2006 è Filippo Inzaghi, una delle punte di diamante degli azzurri di Lippi.  Nella massima competizione calcistica, il classe ’73 si è confermato al top ancora una volta, ma scopriamo di più. 

Mondiale 2006, l’esperienza di Inzaghi

Siamo tutti purtroppo a conoscenza del processo di Calciopoli, pre, durante e post Mondiale 2006. Inzaghi e il suo Milan erano coinvolti direttamente, infatti alla società vennero decurtati alcuni punti. Quel torneo era la possibilità di un riscatto per tutta Italia e specialmente per “SuperPippo”. E non solo a livello morale: l’attaccante di Piacenza non segnava in Nazionale da ben 3 anni, un’enormità per chiunque, figuriamoci per lui. Tanto che, alla vigilia delle convocazioni, c’era ormai la certezza che non avrebbe fatto parte della spedizione azzurra. Nonostante ciò, Marcello Lippi gli ha voluto dare una possibilità e lui lo ha ripagato alla grande. Non avrà collezionato numerose presenze, ma quando è sceso in campo si è dimostrato letale.  

In particolare, lo ricordiamo nello scenario di Amburgo il 22 giugno 2006: Italia contro Repubblica Ceca. Il match, valido per la fase a gironi, sarà poi ricordato dagli italiani come “il Barone rampante”. Si perché, oltre ad Inzaghi, uno dei protagonisti di quella partita era Simone Barone, ai tempi al Palermo. Nei minuti finali, i cechi stavano attaccando all’impazzata, ma grazie a SuperPippo e al suo magico movimento sulla linea del fuorigioco, l’Italia è riuscita a vincere la partita.

Mondiale 2006: la storia di Filippo Inzaghi

Il post Mondiale 2006 di Filippo Inzaghi

Rispetto al Mondiale 2006, la carriera di Filippo Inzaghi in veste da allenatore è tutt’altro che semplice. Una carambola che l’ha portato fino al magico mondo di Benevento dove sta disputando la sua miglior stagione di sempre. Con le streghe ha trovato la sua dimensione ideale, un’ambiente che lo sostiene ed un Presidente completamente devoto a lui. Ma prima dei giallorossi, ne ha dovuta fare di strada. Dopo un percorso nelle giovanili del Milan, è stato catapultato in prima squadra con un briciolo d’esperienza.  

Mondiale 2006: la storia di Filippo Inzaghi

La permanenza non ha rispecchiato le conquiste da calciatore e a fine stagione è stato esonerato. Il sogno di diventare allenatore sembrava sfumato, ma invece Inzaghi si è rialzato e subito dopo ha preso con ambizione le redini del Venezia in Serie C. Dopo una promozione ed un grande campionato in cadetteria, l’ex Milan è tornato nella massima serie al Bologna, anche se i risultati non sono stati dei migliori. Ma tutto il resto non conta, perché ora c’è il Benevento.

Dove vedere il calcio in streaming e come risparmiare

Su DAZN, al costo di 34,99 euro al mese, è possibile vedere tutte le partite della Serie A, la Serie B, l’Europa League e alcune partite della Conference League.

Sky ha la sua piattaforma streaming, Now TV, dove il Pass Sport, che include tre partite per turno della Serie A e tutta la Champions League e Serie B, costa 9,99 euro al mese.

Amazon Prime Video costa 4,99 euro al mese, e include tutti i servizi Prime oltre le migliori sedici partite della Champions League del mercoledì.

Bonus: come avere un abbonamento alle piattaforme streaming e risparmiare

Esistono alcuni servizi che consentono di condividere l’account delle migliori piattaforme streaming (DAZN, Now TV, Netflix, Prime Video, Disney Plus, ecc.) con altre persone e dunque di risparmiare sugli abbonamenti, parliamo di GamsGoGoSplit o CooSub. Grazie a GamsGo, GoSplit e CooSub è possibile acquistare, ad un prezzo irrisorio, un abbonamento condiviso con altri utenti in maniera facile, veloce e sicura.

LASCIA UN COMMENTO

Per favore inserisci il tuo commento!
Per favore inserisci il tuo nome qui