Monza-Milan (4-2), Pioli: «Partita strana e piena di errori»

0

Altra sorpresa della giornata: tonfo in Brianza del Milan di Pioli, che perde 4-2 contro il Monza. Una partita all’insegna del ricordo della figura di Silvio Berlusconi e che stavolta ha visto tanto spettacolo. Per Stefano Pioli, che ha parlato a fine match, è una sconfitta che ferma la striscia di risultati positivi. Possibile sorpasso alla Juventus rimandato alla prossima giornata, quando a Milano ci sarà l’Atalanta, quarta assieme al Bologna. 

Pioli su Monza-Milan (4-2): «Una sconfitta ingiustificabile per il nostro livello»

La striscia di vittorie del Milan si ferma a due passi da casa contro il Monza, che batte i rossoneri per 4-2. Partita pirotecnica quella dello U-Power Stadium, a suo modo memorabile per il ricordo di Silvio Berlusconi, patron un tempo del Milan e poi del Monza. Le rete di Pessina su rigore e quella magistrale di Dany Mota hanno portato in largo vantaggio i brianzoli nel primo tempo. Secondo tempo in superiorità numerica per i padroni di casa grazie all’espulsione di Jovic, ma la rete di Giroud e la magia di Pulisic hanno riacceso le speranze del diavolo. Nel finale la perla firmata da Bondo e la sassata dell’ex Colombo hanno poi dato il via alla festa degli uomini di Palladino. Il tecnico del Milan, Stefano Pioli, ha commentato questa sconfitta inaspettata nel post partita. 

Il mister ha commentato così la sconfitta di questa sera: «Abbiamo commesso degli errori che hanno pregiudicato la partita, perchè quando si prende quattro gol, non possiamo dire di aver interpretato bene la partita. La realtà è questa. Abbiamo però dimostrato la qualità di poter riaprire le partite, ma l’inferiorità numerica ci ha condizionato. Dovevamo essere lucidi dopo il pareggio, ma è stata una serata fatta di troppi errori». 

Il ritmo e la manovra lenta sono stati determinanti per la sconfitta secondo il tecnico, che ha poi aggiunto: «Dovevamo essere veloci, ma il Monza inizialmente ha indietreggiato e ci ha aspettato. La palla poteva viaggiare velocemente; abbiamo trovato anche delle buone occasioni, ma non siamo stati concreti. La partita è cambiata in peggio per noi dall’interruzione all’espulsione. In quegli episodi è mancata lucidità e attenzione. Fa male viste le possibilità che abbiamo. L’unico in dubbio era Rafa al polpaccio, ma poi stavamo tutti bene. Serata storta». 

Il turnover è stato poco profilico, ma era dovuto alla situazione della scorsa rifinitura, di cui Pioli ha spiegato: «Ieri Pulisic era stanco, ma con il senno di poi avrei potuto schierare sia lui e Rafa, ma non ho voluto rischiare. Credo che fosse giusto così, Pulisic non ha mai giocato così tanto in carriera, visti i problemi fisici». Oggi le prestazioni di Okafor e Chukwueze, sostituiti nell’intervallo, sono state tutt’altro che buone.

Sulla distrazione nel finale che ha portato al 3-2 del Monza invece ha commentato così: «Mancava un centrocampista, non dovevamo andare in raddoppio. Abbiamo commesso troppi errori. Non succedeva da tanto in campionato, quindi dovremo rifletterci».

Tra gli errori di questa sera risaltano agli occhi quello di Thiaw e l’espulsione evitabile di Jovic. Pioli ha risposto così: «Entrambi pesanti questi errori. Dovevamo tutti far meglio sicuramente. Fa male, ma questa sconfitta dovrà stimolarci a lavorare meglio in vista delle prossime partite».

Emerge un dato: il Milan fuori casa è una delle peggiori difese del campionato. Pioli analizza così questi numeri preoccupanti: «No, questa squadra non si deve rassegnare quando prende gol. Abbiamo spesso dimostrato di poter difendere bene, ma in certe situazione il gol è nato per casualità. Sono errori da evitare e questo dato dovrà essere migliorato assolutamente». 

In vista degli obbiettivi lo scudetto sembra essere destinato all’Inter, mentre ai rossoneri rimane quello dell’Europa League. Pioli invece non ci sta: «Tutte e due le competizioni in realtà ci devono interessare. Ci siamo fermati e non doveva succedere. Il terzo posto non è consolidato, mentre non lo è nemmeno il secondo posto. È ancora lunga e dobbiamo riprendere la corsa il prima possibile».

Dove vedere il calcio in streaming e come risparmiare

Su DAZN, al costo di 34,99 euro al mese, è possibile vedere tutte le partite della Serie A, la Serie B, l’Europa League e alcune partite della Conference League.

Sky ha la sua piattaforma streaming, Now TV, dove il Pass Sport, che include tre partite per turno della Serie A e tutta la Champions League e Serie B, costa 9,99 euro al mese.

Amazon Prime Video costa 4,99 euro al mese, e include tutti i servizi Prime oltre le migliori sedici partite della Champions League del mercoledì.

Bonus: come avere un abbonamento alle piattaforme streaming e risparmiare

Esistono alcuni servizi che consentono di condividere l’account delle migliori piattaforme streaming (DAZN, Now TV, Netflix, Prime Video, Disney Plus, ecc.) con altre persone e dunque di risparmiare sugli abbonamenti, parliamo di GamsGoGoSplit o CooSub. Grazie a GamsGo, GoSplit e CooSub è possibile acquistare, ad un prezzo irrisorio, un abbonamento condiviso con altri utenti in maniera facile, veloce e sicura.

LASCIA UN COMMENTO

Per favore inserisci il tuo commento!
Per favore inserisci il tuo nome qui