Napoli-Inter (0-3), Meluso (DS): “Sconcertato dalle decisioni prese”

0
Napoli-Inter (0-3), Meluso (DS): “Sconcertato dalle decisioni prese”

Mauro Meluso, direttore sportivo del Napoli, ha parlato dopo la sconfitta per tre a zero contro l’Inter allenata da Simone Inzaghi. Allo stadio Maradona i partenopei allenati da Mazzarri soccombono dopo una buona partita da parte di tutti, pagano alcuni errori sotto porta e delle decisioni che hanno fatto indispettire la dirigenza campana. Il tecnico Mazzarri, per evitare squalifiche, ha deciso insieme alla società di non parlare nel post partita del match contro i neroazzurri.

Napoli-Inter, Meluso: “Siamo molto scontenti”

Il dirigente azzurro ha parlato cosi delle scelte arbitrali: “Mazzarri ha preferito non venire, perché vogliamo che sia in panchina e volevamo evitare dichiarazioni che potessero creare problemi. Noi siamo molto scontenti, è una mortificazione che non ci meritiamo e non si meritano i nostri tifosi: l’arbitro Massa è incappato in una giornataccia, che può capitare anche a qualsiasi giocatore. Il primo gol ci ha dato una mazzata a livello psicologico ed era viziato da un fallo su Lobotka, evidente e che credo meritasse l’intervento diretto dell’arbitro, senza neanche parlare di VAR. Il secondo episodio è il rigore non dato a Osimhen: quando ti prendono il tendine d’Achille vai giù, perdi la coordinazione e l’appoggio. Non facciamo dietrologia e non siamo complottisti, non vogliamo neanche che sia una giustificazione, ma ha condizionato la partita in maniera chiara“. 

Sul mancato rigore su Osimhen: “Sul secondo c’è un tocco netto sul piede d’appoggio, è normale che prende l’equilibrio. C’è a posta il VAR, per correggere eventuali errori dell’arbitro. Perché qui non è intervenuto? Io non voglio creare alibi a nessuno. A noi la squadra non è dispiaciuta, ha creato tante occasioni da gol, anche se resta qualcosa da correggere. L’Inter è una grande squadra e il gol di Calhanoglu è di pregevole fattura. Ma noi oggi non meritavamo di avere questa mortificazione. Un rigore così non dato, al di là della posizione in campo di Massa, deve andare almeno a rivederlo al monitor. Poi magari può non darlo, ma deve andare almeno al monitor. Valuteremo anche sulla nostra situazione tecnica, con Mazzarri faremo una disamina tecnica, al di là di queste cose. Ma quando giochi contro l’Inter una disparità di questo genere è determinante“.

Dove vedere il calcio in streaming e come risparmiare

Su DAZN, al costo di 34,99 euro al mese, è possibile vedere tutte le partite della Serie A, la Serie B, l’Europa League e alcune partite della Conference League.

Sky ha la sua piattaforma streaming, Now TV, dove il Pass Sport, che include tre partite per turno della Serie A e tutta la Champions League e Serie B, costa 9,99 euro al mese.

Amazon Prime Video costa 4,99 euro al mese, e include tutti i servizi Prime oltre le migliori sedici partite della Champions League del mercoledì.

Bonus: come avere un abbonamento alle piattaforme streaming e risparmiare

Esistono alcuni servizi che consentono di condividere l’account delle migliori piattaforme streaming (DAZN, Now TV, Netflix, Prime Video, Disney Plus, ecc.) con altre persone e dunque di risparmiare sugli abbonamenti, parliamo di GamsGoGoSplit o CooSub. Grazie a GamsGo, GoSplit e CooSub è possibile acquistare, ad un prezzo irrisorio, un abbonamento condiviso con altri utenti in maniera facile, veloce e sicura.

LASCIA UN COMMENTO

Per favore inserisci il tuo commento!
Per favore inserisci il tuo nome qui